Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Un tuffo in Sicilia, dove un mare d’arte, cultura e natura vi sedurrà diventando amore eterno

Un territorio prevalentemente collinare e montuoso, ma che conquista il cuore dei turisti di tutto il mondo con il suo meraviglioso mare e le città ricche e dotate di un fascino tutto loro. La Sicilia è un'isola da cartolina caratterizzata dai segni indelebili dei popoli che l'hanno vissuta e resa unica, tra testimonianze artistiche e culturali di enorme valore.

  • Città
  • Mare
  • Arte e Cultura
Arte & Cultura
Sicilia giugno 2012

San Vito Lo Capo

San Vito Lo Capo, il tropico siciliano Tra antichi santuari, relitti e resti di vecchie tonnare Quasi un’isola nell’isola, San Vito Lo Capo è adagiato sul verde promontorio racchiuso tra le imponenti mole del monte Monaco a oriente e il monte Cofano a occidente. È annunciato in piena campagna dal tempietto di Santa Crescenza, un luogo legato alla devozione di San Vito. Il Santuario Fortezza, che risale al V secolo, si trova invece più vicino al mare: si tratta di una chiesa fortificata che assomiglia più a un baluardo perché qui la minaccia dei saraceni è durata a lungo. Da vedere anche la Tonnara del Secco, attiva fino al 1969, che si trova lungo il sentiero che porta alla Riserva dello Zingaro, dietro il monte Monaco, a 3 km dal centro: nei fondali davanti alla tonnara si trova il relitto del cargo Kent affondato nel 1978, qui chiamato la nave dei corani perché si dice che trasportasse libri sacri. Sulla costa occidentale, verso Macari e il monte Cofano, puntellata da numerose torri (Scieri, Mpisu e Isulidda) andate a fare il bagno nel pomeriggio per poi godervi il tramonto nel mare. Non ci sono spiagge sabbiose, ma la discesa a mare tra le rocce è abbastanza agevole: nella campagna si può passeggiare a lungo verso Castelluzzo, tra campi coltivati e uliveti. Il festival del Cous Cous Uno degli eventi di maggior richiamo di San Vito lo Capo è il Festival del cous cous, il piatto di origine magrebina a base di semola di grano duro che è molto diffuso anche sulla costa trapanese. Un festival che, da rassegna culinaria, è diventato un momento di integrazione culturale che celebra la convivenza e la diversità dei popoli. Si svolge l’ultima settimana di settembre dalla fine degli Anni 90: è una sfida tra chef di tutto il mondo nel preparare il miglior cous cous. Il contorno è un ricco calendario di spettacoli, eventi culturali, concerti che si alternano a degustazioni e visite al territorio. Da non perdere la Couscuola, la scuola di cous cous, una lezione di una trentina di minuti per tornare a casa con i rudimenti per preparare questo gustosissimo piatto che avvicina le due sponde del Mediterraneo. La riserva del monte Cofano Inconfondibile la sagoma del monte Cofano, nel territorio di Custonaci, una zona tutelata dal 1997 dalla Riserva naturale omonima. Il monte è un massiccio dolomitico dalle ripide pareti rocciose che si è formato per il sollevamento di depositi calcarei marini nel periodo del Triassico. La salita al monte è piuttosto impegnativa, come suggerisce la sua morfologia, però c’è un sentiero molto bello e facile che gira tutt’attorno al monte, a picco sul mare. Interessanti le grotte della Riserva, con tracce di insediamenti preistorici, come quella di Mangiapane in località Scurati, un antro alto 80 metri, all’ingresso del quale sono addossate abitazioni che sono state utilizzate fino a pochi decenni fa: qui a Natale viene ambientato uno dei Presepi viventi più suggestivi della Sicilia. Interessanti anche le Torri cinquecentesche, volute dai re spagnoli: da quella di San Giovanni di vede il panorama delle isole Egadi, e quella con la pianta a stella della Tonnara di Cofano.
Natura

Erice

Erice, città della dea Venere Tra le più incantevoli località siciliane, Erice è come un nido d’aquila dal quale godere di grandiosi panorami su vaste aree dell’isola fino all’arcipelago delle Egadi e alla costa tunisina. Incastonata su una rupe a 750 metri d’altezza, conserva nel suo curioso perimetro triangolare non solo monumenti e chiese medievali di grande valore, ma anche un centro di arte contemporanea e una prestigiosa istituzione scientifica. Erice è un gioiello d’arte e della cultura dalla storia millenaria che merita di essere visitato almeno una volta nella vita. Uno scrigno di tesori artistici e archeologici Antichissime le origini di Erice, che si riconducono al popolo degli Elimi, nato dall’unione delle popolazioni locali con gli esuli troiani. Al di là del mito della fondazione, Erice era nota anche ai romani per un santuario edificato su una rupe scoscesa dedicato al culto dell’Afrodite greca e della Venere Ericina romana, dea della fecondità e dell’amore, dove veniva praticata la prostituzione sacra. Per cancellare quel simbolo pagano, mille anni dopo, i principi normanni d’Altavilla fecero costruire un maniero che però si chiama ancor oggi Castello di Venere: al suo interno si può visitare una mostra di reperti archeologici dall’età arcaica a quella normanna. Dal castello, attraverso il giardino del Balio, si entra nell’elegante centro storico medievale dal selciato in pietra che sembra un tappeto e dai vicoli strettissimi, perché lo spazio entro le mura è sempre stato scarso: qui dovete vedere la chiesa di San Giovanni Battista con la cupola rotonda e il portale gotico normanno, il museo Antonino Cordici nell’ex convento di San Francesco dove, tra i reperti della necropoli ericina, è esposta una testa di Afrodite del IV secolo a.C, il museo di arte contemporanea La Salerniana nell’ex convento di San Carlo. Proseguendo verso piazza Umberto trovate il Centro per la cultura scientifica Majorana, nell’ex monastero di San Pietro, che ogni anno ospita simposi e convegni dedicati a diverse discipline scientifiche. Verso porta Trapani si apre l’elegante piazza Matrice con il Duomo di Erice del XIV secolo, con pronao e portale gotico e all’interno maestose navate con archi a ogiva: le nove croci greche in marmo sulla parete sud vennero apposte nel 1685 e provengono anche queste dal tempio di Venere il cui culto si ritiene fosse ancora praticato fino ad allora. Oltre la Porta del Carmine lungo via dell’Addolorata si arriva al cosiddetto Quartiere Spagnolo, che un vero quartiere non è, ma un edificio che avrebbe dovuto ospitare truppe spagnole però rimase incompiuto: oggi è sede di mostre permanenti su Erice e il territorio. Dalla sua terrazza il panorama vi lascerà senza fiato. Trekking sul monte Erice L’amenità del luogo è tale che vi verrà voglia di esplorare il territorio del monte di Erice: per farlo ci sono i sentieri dell’Agro ericino, vari percorsi di trekking che partono per lo più dall’arrivo della funicolare da Trapani per attraversare la foresta demaniale oppure per andare alla scoperta delle tre chiesi rupestri disseminate sul monte. Sopra Erice c’è anche una baita del CAI a cui fare riferimento per esplorare il territorio e spingersi anche verso il monte Cofano e San Vito Lo Capo. Genovesi e frutta martorana: scoprite i dolci della tradizione Se camminare vi ha fatto venire fame, a Erice non mancano le pasticcerie dove rifocillarsi. La cittadina vanta una robusta tradizione in fatto di dolci le cui ricette sarebbero state tramandate dalle monache dei monasteri di clausura ericini. I più tipici sono la genovese, un bocconcino di pasta frolla ripieno di crema che si mangia ancora caldo, i mustazzoli, aromatici biscotti di pasta dura e croccante, i dolcetti da riposto, ripieni di conserva di cedro e decorati con glassa dai colori pastello, i bocconcini di mandorla, i quaresimali e la frutta martorana. Le pasticcerie più rinomate sono quelle di Maria Grammatico, che organizza anche corsi di cucina, e la San Carlo, entrambe nel centro storico. Ai dolci ben si abbina un bicchiere di Marsala dolce dalle vigne coltivate proprio sotto il monte Erice. Per saperne di più www.fondazioneericearte.org
Regione

Isola dall'estate eterna, della cultura e dell'archeologia

Le cupole arabo-normanne di Palermo e il Barocco di Catania, i templi di Agrigento e l’anfiteatro di Siracusa, il mare cristallino di Lampedusa e la mondanità delle Eolie, le irresistibili prelibatezze della sua tradizione enogastronomica e la forza della sua natura lussureggiante: è la Sicilia, e ve innamorerete al primo sguardo.

Scopri di più
1600X1600_sicilia_approfondimento