Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Cicloturismo

Sicilia

Da Realmonte a Piazza Armerina. In sella dal mare a un entroterra ricchissimo di arte e storia

Percorrere questo itinerario significa sfiorare spiagge di sabbia finissima, castelli perfettamente conservati, capolavori del barocco e dell’impero romano. Perciò attenzione: la tentazione di fermare i pedali e viverlo solo da turisti sarà fortissima.

10 ottobre 2022

3 minuti

Ben 171 chilometri, con 2.530 metri di dislivello: è questo l’identikit della terza tappa del Giro di Sicilia Eolo 2022, un percorso che dall’arenaria finissima della costa meridionale si tuffa in un entroterra che profuma di mandorle e olive. Ma lungo il tracciato che approfondiamo in queste righe c’è molto altro da scoprire, soprattutto per gli amanti della storia e dell’arte. Ecco allora le principali attrazioni per chi vuole ripercorrere le gesta dei professionisti, godendosi però anche le bellezze del territorio.

1. Realmonte e Porto Empedocle: natura e leggenda

Vista aerea della bianca falesia di Scala dei Turchi e del mare turchese sottostante

Il via è dal paese di Realmonte, in provincia di Agrigento. A chi non conosce il Sud della Sicilia potrebbe sembrare un punto sconosciuto sulla carta geografica. In realtà, a circa 3 chilometri c’è un’attrazione naturale che tutto il mondo ci invidia: la Scala dei Turchi. Si tratta di una falesia di marna, una roccia sedimentaria di natura calcarea e argillosa, il cui bianco accecante contrasta con il blu del mare. Secondo la leggenda, nel Cinquecento era presa d’assalto dai pirati Saraceni (impropriamente definiti i “turchi”), che grazie ai gradoni naturali plasmati dalle onde e dal vento approdavano con facilità alla terraferma. Dal febbraio 2020, per via del rischio frane, è una zona protetta, che si può solo ammirare dalla spiaggia sottostante. Ma il divieto di accesso pare avere i giorni contati. Le autorità, infatti, stanno lavorando per riaprire il prima possibile ai turisti questo anfiteatro naturale di straordinaria bellezza. Pochi chilometri lungo la costa e si arriva a Porto Empedocle, cittadina natale di Andrea Camilleri, il ‘padre’ creativo del Commissario Montalbano: alcune vicende del poliziotto erano ambientate qui, in un paesino immaginario chiamato Vigata, che compare anche in alcuni cartelli stradali.

2. A Naro, in un castello tra le nuvole

Il Castello di Naro visto dal basso

La prima difficoltà del tracciato è la salita che porta al villaggio medievale di Naro, a 467 metri d’altitudine, con una fiammata di pendenza del 15 per cento: una fatica subito ripagata dalla vista, che dal colle spazia fino all’Etna e al Parco delle Madonie. Da questo borgo fatto di viuzze, scalinate, magnifici edifici civili e religiosi, nell’antichità sono passati Greci, Cartaginesi, Arabi e Normanni. Risale al 14esimo secolo, invece, l’arrivo della potente famiglia dei Chiaramonte, a cui si deve la costruzione dell’omonimo Castello, sulle rovine di un forte arabo: le mura possenti, le torri e il mastio sovrastano l’abitato e valgono il biglietto. Lo stesso vale per il Duomo normanno del 12esimo secolo e per la Chiesa Madre, un tempo Collegio dei Gesuiti. L’itinerario prosegue attraverso campagne fertilissime, distese di mandorli e colline di macchia mediterranea che impongono a professionisti e amatori un continuo saliscendi. Si passa da Canicattì, uno dei pochissimi centri abitati del tracciato, dove le strade si fanno più strette, imponendo una certa prudenza.

3. Da Caltagirone a Piazza Armerina, tra arte e architettura

542683007

L’arrivo a Caltagirone farà la gioia di chi, oltre alla bicicletta, ama l’arte, l’artigianato (è famosissima per le ceramiche) e l’architettura: il suo centro storico, infatti, è stato interamente ricostruito dopo il terremoto dei 1693 e dal 2002 è parte del sito Unesco del Val di Noto, in onore al tardo barocco siciliano. Aspettatevi dunque palazzi sontuosi, scalinate imponenti, edifici decorati meravigliosamente, come la Chiesa di Santa Maria del Monte o il Monte delle Prestanze. Dopo una salita di 3 chilometri al 5 per cento di pendenza media, si arriva al traguardo di Piazza Armerina il borgo della provincia di Enna arroccato su una rupe a 700 metri di altitudine. Poco lontano c’è un must see che non consente eccezioni: la Villa Romana del Casale, residenza di lusso della Roma tardo-imperiale che dal 1997 è un sito dell’Unesco. Un gioiello di 4.100 metri quadri di mosaici, realizzati secondo la leggenda da alcuni artisti africani dell’epoca: 48 ambienti, in cui le pavimentazioni, gli affreschi e i disegni sono impreziositi da 120 milioni di tessere, che raccontano scene di vita quotidiana, caccia e giochi, eroi e divinità.

 

A cura della redazione di RCS Sport.

Ti potrebbe interessare

Cicloturismo
1125981609

Da Milazzo a Bagheria: in bici lungo la costa settentrionale della Sicilia

Cicloturismo
1310777932

Pedalare da Palma di Montechiaro a Caltanissetta

Cicloturismo
1387605316

Girotondo dell’Etna su due ruote

Cicloturismo
1600X1000_sterrati_strade_bianche_cardina_1.jpg

Tra borghi medievali e colline incantate: in bici lungo gli sterrati della Strade Bianche

Cicloturismo
114312304

In sella lungo la Riviera delle Palme

Cicloturismo
623559818

In sella dall’Umbria alle Marche

Cicloturismo
1323302795

In bicicletta tra le colline marchigiane

Cicloturismo
522814757

In bici verso l’Umbria

Cicloturismo
531422743

In bici da Milano a Sanremo

Cicloturismo

Pedalare nel cuore antico del Piemonte

Cicloturismo
1362182416

Pedalare nelle Marche: un itinerario dall’Appennino alla costa

Cicloturismo
1279305212

In sella lungo la Versilia: Camaiore, Pietrasanta, Forte dei Marmi e dintorni

Cicloturismo
1283368449

In bicicletta nella terra degli Etruschi: da Camaiore alla Val di Merse, con tappa a Volterra

Cicloturismo
Palazzina di Caccia di Stupinigi

Un percorso e mille mondi diversi. La meraviglia di attraversare il Piemonte in bicicletta

Cicloturismo
tramonti lombardia bicicletta

Tramonti infiammati, castelli e gole scavate nella roccia. Un dipinto? No, la Lombardia da girare in bicicletta

Sport

Trentino, pedalate nella natura al profumo di vini e mele

Relax & Benessere
Photo by: Frederique Henrottin

In Emilia Romagna: 4 tappe tra benessere e sport

Magazine

In bici in Piemonte tra paesaggi vitivinicoli e strade del gusto

Magazine

Pedalare in Umbria tra tesori artistici e paesaggistici