Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Cicloturismo

Sicilia

Girotondo dell’Etna su due ruote

Un itinerario in bicicletta nell’area del vulcano attivo più alto d’Europa. Si parte dalla zona pedemontana, tra borghi medievali e terreni resi più fertili dalle eruzioni di lava, per poi risalire dove l’ansimare dei ciclisti si mischia agli sbuffi della

10 ottobre 2022

3 minuti

Dall’alto dei suoi 3.357 metri, “a muntagna”, come la gente del posto chiama l’Etna, osserva i ciclisti della quarta tappa del Giro di Sicilia Eolo 2022. E intanto loro ansimano, mentre s’inerpicano lungo i 140 chilometri di un tracciato durissimo, che dall’abitato di Ragalna a Piano Provenzana, sul versante Nord, aumenta sempre più di difficoltà. Ma il vulcano che dal 2013 è patrimonio Unesco, con le sue pendici disseminate di borghi d’arte, vigneti e pistacchieti, vale questo e altro. Il consiglio per voi amatori, dunque, è di non farvi spaventare dal tracciato dei professionisti. In questo articolo, lo troverete frazionato in tre parti, a misura di tutti, con in più alcuni consigli per alternare all’esperienza bike dei momenti di svago.

Si parte.

1. Tra i paesini sulle pendici

Vista di Randazzo con la chiesa di San Martino in primo piano

Il primo tratto, lungo circa 40 chilometri, gira intorno al vulcano infilando paesini suggestivi, circondati da lenzuoli di fichi d’india e agrumeti. Superato Adrano, con il suo castello normanno che ci riporta all’undicesimo secolo, si arriva a Bronte, a circa 800 metri di quota, il borgo del cosiddetto “oro verde”, ovvero i pistacchi. Il centro storico è un dedalo di stradine e scalinate dal sapore arabeggiante, con chiese bellissime, come quella della SS. Trinità e di Santa Maria SS. Del Soccorso. Si passa poi l’abitato di Maletto per arrivare a Randazzo, a soli 15 chilometri dal cratere centrale, chiamata anche la “Città Nera” ed è facile intuire il perché: qui la pietra lavica domina tutta l’architettura urbana, dalle viuzze medievali ai monumenti. A proposito: non fatevi sfuggire una visita alla Basilica di Santa Maria Assunta, costruita anch’essa durante la dominazione normanna. La sua facciata imponente, con il contrasto tra il basalto nerissimo e il bianco delle decorazioni delle finestre e dei portali, vale il pit stop.

2. Alle porte della montagna

Facciate della Chiesa di San Francesco di Paola e del Palazzo del Comune a Linguaglossa

Da questo punto l’asticella sale. Il percorso della quarta tappa del Giro di Sicilia Eolo 2022, infatti, s’inerpica su per “Idda”, altro nomignolo pieno di riverenza affibbiato alla montagna, infilando la Strada Provinciale Quota Mille, che già dal nome svela la sua identità: aumenta l’altitudine e con essa anche lo sforzo richiesto a cuore e polmoni. Dopo circa 16 chilometri, si ridiscende nella fascia pedemontana, circa 500 metri più sotto, passando per il borgo di Linguaglossa, sul versante nord. È un tratto impegnativo, che però può essere il preludio a una sosta rigenerante. Recentemente Linguaglossa ha fatto parlare di sé per la vocazione artistica, grazie ai murales dipinti nel corso dell’ultimo trentennio. Firmati da numerosi artisti, vanno dall’arte naif alla street art, con richiami alla tradizione e al folklore delle genti dell’Etna. Infine, sappiate che da queste parti anche mangiare bene è un’arte, con piatti a base di pistacchio, funghi e carni, assieme a caponate e parmigiane.

3. Sbarco sulla Luna

Monte Etna

Terminata la discesa a Piedimonte Etneo, comincia la parte finale del tracciato. Se il paesaggio è magnetico, il percorso può essere ostile ai meno allenati. A partire dalla prima asperità: la salita a Contrada Giuliana, a 871 metri di quota, a cui segue la discesa altrettanto tosta che passa per Milo e Santa Venerina per poi concludersi a Giarre, e di nuovo su fino a Contrada Giuliana, attraverso un pendio ancora più ostico. Dopo una breve discesa, a partire dall’abitato di Fornazzo attacca la salita finale: 18 chilometri su per tornanti abbracciati da colate di lava più o meno recenti, con una pendenza media del 6 per cento. Attenzione soprattutto agli ultimi 3 chilometri, a ridosso dei 2.000 metri, dove la media sfiora il 9 per cento con un picco dell’11 a un chilometro e mezzo dall’arrivo alla stazione sciistica di Piano Provenzana. Siete a quasi 1.800 metri di quota. Benvenuti su un pezzo di Luna disceso sulla Terra.

 

A cura della redazione di RCS Sport.

Ti potrebbe interessare

Cicloturismo
542683007

Da Realmonte a Piazza Armerina. In sella dal mare a un entroterra ricchissimo di arte e storia

Cicloturismo
1125981609

Da Milazzo a Bagheria: in bici lungo la costa settentrionale della Sicilia

Cicloturismo
1310777932

Pedalare da Palma di Montechiaro a Caltanissetta

Cicloturismo
1600X1000_sterrati_strade_bianche_cardina_1.jpg

Tra borghi medievali e colline incantate: in bici lungo gli sterrati della Strade Bianche

Cicloturismo
114312304

In sella lungo la Riviera delle Palme

Cicloturismo
623559818

In sella dall’Umbria alle Marche

Cicloturismo
1323302795

In bicicletta tra le colline marchigiane

Cicloturismo
522814757

In bici verso l’Umbria

Cicloturismo
531422743

In bici da Milano a Sanremo

Cicloturismo

Pedalare nel cuore antico del Piemonte

Cicloturismo
1362182416

Pedalare nelle Marche: un itinerario dall’Appennino alla costa

Cicloturismo
1279305212

In sella lungo la Versilia: Camaiore, Pietrasanta, Forte dei Marmi e dintorni

Cicloturismo
1283368449

In bicicletta nella terra degli Etruschi: da Camaiore alla Val di Merse, con tappa a Volterra

Cicloturismo
Palazzina di Caccia di Stupinigi

Un percorso e mille mondi diversi. La meraviglia di attraversare il Piemonte in bicicletta

Cicloturismo
tramonti lombardia bicicletta

Tramonti infiammati, castelli e gole scavate nella roccia. Un dipinto? No, la Lombardia da girare in bicicletta

Sport

Trentino, pedalate nella natura al profumo di vini e mele

Relax & Benessere
Photo by: Frederique Henrottin

In Emilia Romagna: 4 tappe tra benessere e sport

Magazine

In bici in Piemonte tra paesaggi vitivinicoli e strade del gusto

Magazine

Pedalare in Umbria tra tesori artistici e paesaggistici