Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Cicloturismo

sicilia

Pedalare da Palma di Montechiaro a Caltanissetta

In sella attraverso un entroterra ancora fuori dalle rotte turistiche, ma ricchissimo di risorse: dove i miti letterari s’incrociano con i resti medievali e la cultura gastronomica. Scopriamolo insieme!

10 ottobre 2022

3 minuti

È un itinerario dal mood romantico e bucolico quello della seconda tappa del Giro di Sicilia Eolo 2022. Ma attenzione a non farvi ingannare dalle strade larghe, dalle campagne baciate dal sole: sono 152 chilometri che rischiano di mettere a dura prova le gambe di chi non è ancora abbastanza in forma. Colpa, o merito, di un saliscendi che non concede tregua, e allora il consiglio per voi amatori è di spezzare il tracciato e scegliere il tratto che vi è più congeniale, programmando delle soste nei punti di maggiore interesse. Che sono numerosi, come vi raccontiamo in queste righe.

1. A Palma di Montechiaro, dentro un romanzo

Monastero Benedettino del Santissimo Rosario - Palma di Montechiaro

Il percorso inizia da un luogo che a molti apparirà familiare: Palma di Montechiaro, in provincia di Agrigento. L’effetto déjà vu affonda le radici nella letteratura. Si tratta, infatti, del paese fondato nel 1637 da un antenato dello scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa, che proprio qui ha ambientato alcune vicende del suo romanzo più celebre, Il Gattopardo, trasposto sul grande schermo da Luchino Visconti. Prima di montare in sella, merita una visita la Chiesa Maria Santissima del Rosario, un gioiello barocco arroccato in cima a una lunga scalinata. Un altro spunto? Al Monastero del Santissimo Rosario le monache benedettine preparano i biscottini di mandorle di cui si parla nel capolavoro della letteratura: perfetti per fare il pieno di zuccheri prima della partenza. Infatti, dopo i primi 30 chilometri pianeggianti lungo la costa meridionale, il tracciato vira verso l’entroterra e diventa sempre più ondulato.

2. A Mazzarino, dentro una fiction TV

Vista del Castello di Mazzarino all'alba

Lasciati alle spalle un paio di svincoli, ci si trova di fronte alla salita per il paese di Mazzarino, abbarbicato su una collina a 550 metri di altitudine: è il Gran Premio della Montagna, cioè il punto più elevato di questa seconda tappa del Giro di Sicilia Eolo 2022. Anche qui si respira un’atmosfera da fiction, visto che è stato uno dei set della serie La Piovra. Ma questo borgo feudale è molto di più di un’ambientazione da fiction. Sul finire del 1600 era uno dei centri culturali e artistici più vivaci della Sicilia e le tracce di quel periodo sono tutte da ammirare. Parliamo dei numerosi palazzi nobiliari e delle ben 25 chiese, costruite per ospitare tutti gli ordini religiosi del tempo. Un altro luogo da non perdere? U Cannuni, come viene chiamato il Castello Vecchio, una costruzione di origine romano-bizantina di cui, in verità, restano in piedi solo alcuni resti, tra cui un’imponente torre che sembra un cannone puntato verso il cielo. Un suggerimento: visitatelo al tramonto, armati di smartphone o macchina fotografica, per un post social acchiappa-like.

3. A Enna, dentro al passato

Vista panoramica aerea di Enna

Risaliti in sella, vi aspettano altri chilometri di colline, per poi affrontare la salita a Enna, la città arroccata sui Monti Erei. È il capoluogo più alto d’Italia, un dettaglio che non vi sfuggirà quando affronterete la salita: le strade sono asfaltate, ma ci sono picchi del 12-13 per cento, per cui serve un certo allenamento. Una volta conquistato il centro storico, sfruttatelo per una sosta godereccia. Gli spunti non mancano. Potete iniziare in bellezza, con un’escursione alla Torre Pisana del Castello di Lombardia, sull’acropoli dedicata a Cecere, dea del grano e delle messi. E finire di gusto, con un pasto a base di zafferano, tartufo siciliano e Piacentinu dop, un formaggio a pasta dura a base di zafferano e profumato con grani di pepe. L’ultima fatica di questo tracciato? La breve salita che porta al traguardo di Caltanissetta. Niente rispetto agli sforzi dei minatori che sotto questa terra alla fine del Settecento estraevano lo zolfo. A proposito: se vi resta del tempo, a una trentina di chilometri c’è il Museo della miniera di zolfo di Trabia-Tallarita, uno straordinario esempio di archeologia industriale, con percorsi interattivi e didattici, inserito in un contesto naturale di grande bellezza.


A cura della redazione di RCS Sport.

Ti potrebbe interessare

Cicloturismo
542683007

Da Realmonte a Piazza Armerina. In sella dal mare a un entroterra ricchissimo di arte e storia

Cicloturismo
1125981609

Da Milazzo a Bagheria: in bici lungo la costa settentrionale della Sicilia

Cicloturismo
1387605316

Girotondo dell’Etna su due ruote

Cicloturismo
1600X1000_sterrati_strade_bianche_cardina_1.jpg

Tra borghi medievali e colline incantate: in bici lungo gli sterrati della Strade Bianche

Cicloturismo
114312304

In sella lungo la Riviera delle Palme

Cicloturismo
623559818

In sella dall’Umbria alle Marche

Cicloturismo
1323302795

In bicicletta tra le colline marchigiane

Cicloturismo
522814757

In bici verso l’Umbria

Cicloturismo
531422743

In bici da Milano a Sanremo

Cicloturismo

Pedalare nel cuore antico del Piemonte

Cicloturismo
1362182416

Pedalare nelle Marche: un itinerario dall’Appennino alla costa

Cicloturismo
1279305212

In sella lungo la Versilia: Camaiore, Pietrasanta, Forte dei Marmi e dintorni

Cicloturismo
1283368449

In bicicletta nella terra degli Etruschi: da Camaiore alla Val di Merse, con tappa a Volterra

Cicloturismo
Palazzina di Caccia di Stupinigi

Un percorso e mille mondi diversi. La meraviglia di attraversare il Piemonte in bicicletta

Cicloturismo
tramonti lombardia bicicletta

Tramonti infiammati, castelli e gole scavate nella roccia. Un dipinto? No, la Lombardia da girare in bicicletta

Sport

Trentino, pedalate nella natura al profumo di vini e mele

Relax & Benessere
Photo by: Frederique Henrottin

In Emilia Romagna: 4 tappe tra benessere e sport

Magazine

In bici in Piemonte tra paesaggi vitivinicoli e strade del gusto

Magazine

Pedalare in Umbria tra tesori artistici e paesaggistici