Salta il menu

Giardino di Boboli

Panoramica

Giardino di Boboli, un museo botanico a cielo aperto.

Il Giardino di Boboli, nell’elenco dei beni Patrimonio dell’Umanità dell'UNESCO dal 2013, sorge sulla collina dietro a Palazzo Pitti e si estende per circa 30 ettari. Oggi è possibile per tutti godere della magnificenza di un parco unico del suo genere.
Se fossimo ancora nel tempo della Signoria dei Medici non potremmo ammirare la bellezza custodita dietro le mura del Giardino di Boboli. Infatti, fino alla seconda metà del XVIII, solo i membri della famiglia dei Medici potevano accedervi.
I lavori di realizzazione, iniziati nel 1549, sono stati il risultato della sapiente mano dell'architetto e scultore Niccolò Pericoli, detto il Tribolo, tra i maggiori esponenti del Manierismo, corrente artistica tardo-rinascimentale che ha preso piede in Italia nel XVI secolo.
Ogni angolo di questo straordinario spazio merita di essere esplorato. Elencare tutto ciò che si dovrebbe può ammirare nel Giardino di Boboli è impossibile. Tuttavia, per aiutare i nuovi visitatori, si possono suggerire le 5 cose da non perdere assolutamente.

La Fontana del carciofo e l’Obelisco di Luxor 

La prima cosa che incontrerete passando dal cortile di Palazzo Pitti per entrare nel Giardino di Boboli è la Fontana del Carciofo. Il suo nome è pienamente giustificato dalla forma che appare al primo sguardo: si tratta, infatti, di una vasca ottagonale al cui centro si innalza una fontana a candelabro con un fusto in marmo ornato da festoni bronzei.
Più avanti nel percorso arriverete all'Anfiteatro, dove sarà impossibile non notare l'enorme Obelisco proveniente da Luxor, che fu inserito nel parco nel 1789. Poco distanti ci sono la Fontana di Nettuno e la scultura dell’artista fiammingo Giambologna dedicata all'Abbondanza.

Il rococò della Kaffeehaus

Andando giù dalla collina verso nord-est, all'altezza della statua dell'Abbondanza, si raggiunge la Kaffeehaus, il padiglione settecentesco in stile rococo;̀ qui, protagonista indiscussa, è un’esotica cupola finestrata. Il nome tedesco è stato deciso dal Granduca Pietro Leopoldo d'Asburgo-Lorena, che in seguito divenne l'imperatore Leopoldo II dell'Impero austro-ungarico.

La vista dal Prato del Cavaliere 

Se quello che cercate è una vista mozzafiato, il punto di osservazione migliore è il Prato del Cavaliere. Sorge sui bastioni ideati da Michelangelo e per arrivarci dovrete salire una scala a tenaglia, dove incontrerete due statue realizzate da Giovanni Battista Caccini, raffiguranti Flora e Giove. Qui, il Giambologna ha di nuovo lasciato il segno con la Fontana delle Scimmie, riconoscibile grazie alle tre scimmiette di bronzo poste alla base.

La Limonaia, un tempo riparo per animali esotici 

Ai tempi di Cosimo III, quella che oggi è una limonaia, era un serraglio per animali esotici, quelli che il penultimo Granduca di Toscana tanto amava acquistare. Oggi, la struttura, che mantiene al suo interno una temperatura mite e un microclima asciutto grazie al suo pavimento sterrato, ospita decine di piante di limoni in grandi vasi di terracotta.

Si dice che molte piante presenti al suo interno siano antichissime, addirittura c'è chi giura che alcune siano state coltivate per mano dei Medici e siano sopravvissute al passare del tempo.
Visita terminata? Non scordatevi di programmare la prossima: Il Bacino di Nettuno, Il Giardino di Madama, L’Orto di Giove e molto altro vi aspettano.

Orari

Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale

Biglietti

Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale

Acquista

Biglietti

Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale

Giardino di Boboli
Piazza de' Pitti, 1, 50125 Firenze FI, Italia
Chiama 05523885 Sito Web

Ti potrebbe interessare

UNESCO
1175434156

Il centro storico di Firenze, tra i più belli al mondo

Arte e cultura
Città d’arte, paesaggi da sogno e buon cibo: la Toscana è il sogno di ogni turista

Città d’arte, paesaggi da sogno e buon cibo: la Toscana è il sogno di ogni turista

UNESCO
Pienza, la città ideale di nome e di fatto

Pienza, la città ideale di nome e di fatto

Arte e cultura
Caffè storici di Firenze

Caffè storici di Firenze

Città d'arte
1145040590

Alla scoperta di Firenze, la città simbolo del Rinascimento

Città d'arte
479035945

Cosa vedere a Firenze in due giorni

Shopping e mercati
A passeggio per Firenze, tra arte moderna, moda e artigianato

A passeggio per Firenze, tra arte moderna, moda e artigianato

Tour e esperienze
857440936

8 esperienze per vivere Firenze in modo alternativo

Tour e esperienze
Toscana in auto tra natura, arte e sapori unici

Toscana in auto tra natura, arte e sapori unici

UNESCO
177395107

Val d'Orcia, dolci colline tra vigneti e borghi medievali

UNESCO
Le Ville dei Medici in Toscana

Le Ville dei Medici in Toscana

UNESCO
San Gimignano, un viaggio nel fascino del Medioevo e nella magia della Natura

San Gimignano, un viaggio nel fascino del Medioevo e nella magia della Natura

UNESCO
Siena e il fascino discreto del suo centro storico

Siena e il fascino discreto del suo centro storico

UNESCO
157437595

Montecatini Terme, storico centro termale in Toscana

UNESCO
Pisa e piazza dei Miracoli, gioielli di straordinaria bellezza

Pisa e piazza dei Miracoli, gioielli di straordinaria bellezza

Musei e monumenti
Parchi e giardini a Firenze

Parchi e giardini a Firenze

Sport
Ciclisti in una tratto turistico della Toscana

Toscana, in bicicletta nel senese tra vini e acque termali

Enogastronomia
Photo by: Flavia Cori

Street Food alla toscana

Enogastronomia
Toscana, terra di vini e piatti eccellenti

Toscana, terra di vini e piatti eccellenti

Shopping e mercati
Bottega orafa di Ponte Vecchio

I gioiellieri su Ponte Vecchio, prezioso tesoro nel cuore di Firenze

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.