Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Città

Alla scoperta di Firenze, la città simbolo del Rinascimento

Capoluogo della Toscana, culla rinascimentale dell’arte e della cultura italiana, Firenze attraversa i secoli mantenendo inalterato un fascino inarrivabile.

24 giugno 2022

Sede di uno dei più importanti musei del mondo, la maestosa Galleria degli Uffizi, conquista con i suoi tesori architettonici, le chiese storiche, le gallerie d’arte fitte di capolavori, i romantici ponti che attraversano l’Arno.
Le stesse sponde del fiume fiorentino regalano scorci splendidi. E tutto intorno, i magici colli toscani.

Qui poi non c’è solo un patrimonio artistico senza o quasi paragoni al mondo, ma si mangia e si beve anche alla grande, in onore alla nobilissima e variegata tradizione enogastronomica toscana

1. Storia e curiosità di Firenze

È sempre impossibile capire una città senza conoscerne il passato, e in questo senso la storia di Firenze è particolarmente significativa.
La città nasce come area fortificata etrusca alle dipendenze da Fiesole. Nel Medioevo diventa importante centro di traffici e passaggi, partecipa alle famose guerre fra guelfi e ghibellini, ossia tra i sostenitori del Papa e quelli dell’Imperatore, e alla fine diventa la città più importante della Toscana, con fiorenti attività dalle manifatture al campo finanziario. A poco a poco si sviluppano anche le attività culturali: qui nascono Dante Alighieri e la sua immortale Divina Commedia, il più grande capolavoro della letteratura italiana.

All'inizio del Quattrocento Firenze diventa la culla del Rinascimento e vede l’affermazione della potente famiglia dei Medici, che resta a capo della città per 350 anni. Lorenzo de’ Medici, detto il Magnifico, segna per sempre il corso della storia dell’arte con il suo mecenatismo.

Il Risorgimento a Firenze porta poi una novità importante: la città diventa capitale del Regno d’Italia, dal 1865 al 1871, e sede del primo Parlamento della nazione.

2. Cosa vedere a Firenze: i luoghi imperdibili

Andate agli Uffizi, certo, recentemente riportati a nuovo splendore, modernizzati, ripensati e oggi semplicemente fra le collezioni di quadri più ricche e importanti del mondo: avete presente la Primavera di Botticelli?

Poi andate sul Ponte Vecchio e raggiungete Palazzo Pitti, acquistato nel 1550 da Cosimo de’ Medici: deve il suo nome al primo proprietario, il banchiere Luca Pitti, ed è oggi sede di 4 apprezzati musei: il Tesoro dei Granduchi, la Galleria Palatina e gli Appartamenti Imperiali e Reali, la Galleria d'Arte Moderna e il Museo della Moda e del Costume.

L’edificio fa parte del complesso museale che comprende anche il meraviglioso Giardino di Boboli, in cui passeggiare in libertà.

Infine, ammirate Piazza del Duomo, dove resterete estasiati dalla Basilica di Santa Maria del Fiore, con la maestosa cupola del Brunelleschi e il Campanile di Giottocapolavoro di architettura gotica alto 85 metri e 400 scalini.

E non è finita qui. Firenze vanta un museo incredibile come la Galleria dell’Accademia, che ospita il maggior numero al mondo di sculture di Michelangelo, compreso il famosissimo David.
E a proposito di Michelangelo sarà il caso di dedicare una visita anche alla Basilica di San Lorenzo, che ospita la Sagrestia più bella del mondo, con le sculture del più grande scultore di tutti i tempi.

Però Firenze è anche la vivacità delle sue piazze, delle sue vie, dei suoi mercati, come il Mercato centrale, dov’è consigliabile andare a mangiare almeno una volta nella vita, o quello di San Lorenzo. 

3. Idee su cosa fare a Firenze

Dalle passeggiate nel centro storico allo shopping, dagli aperitivi in piazza Santo Spirito a un giro esplorativo nel quartiere degli artisti San Niccolò: Firenze è un pozzo inesauribile di attività e per questo dovreste ritagliarvi del tempo per girovagare senza una meta precisa: ne rimarrete estasiati.

E se merita una visita la casa di Galileo Galilei, anche solo per la sua posizione lungo la Costa San Giorgio, una delle meravigliose strade che dal centro storico di Firenze salgono in collina e portano in campagna, ecco che è Piazzale Michelangelo il luogo ideale per gustarsi la città dall’alto e imprimere nei vostri cuori ricordi indelebili.

4. Cosa mangiare a Firenze: 5 specialità

La cucina toscana è ricchissima, la sua tradizione secolare. Cosa mangiare a Firenze? C’è l’imbarazzo della scelta.  

  •   Il lampredotto lo trovate nei panini lungo le vie del centro o ai mercati alimentari: è a base di uno dei 4 stomaci del vitello ed è un’esperienza per palati allenati.
  •  La ribollita è un’istituzione ed è una zuppa di pane raffermo e verdure capace di convincere tutti.
  • I fagioli all’uccelletto sono un contorno con sugo di pomodoro sicuramente non troppo leggero ma altrettanto certamente molto gustosi.
  • La bistecca alla fiorentina è un delizioso taglio della lombata, e soprattutto un’icona.
  • Abbiate poi il coraggio di sperimentare la trippa alla fiorentina, ricca di verdure.

5. I luoghi insoliti di Firenze

Oltre ai classici itinerari, esistono anche dei luoghi insoliti di Firenze da visitare almeno una volta. Uno di questi è il Museo Nazionale del Bargello, riconosciuto nel 1865 come primo museo italiano dedicato all'arte medievale e rinascimentale. La sua collezione di statue del periodo è considerata tra le più importanti al mondo.
Segue la Sinagoga di Firenze, inaugurata nel 1882. Con la sua cupola verde rame è un punto di  riferimento del panorama fiorentino, dalla quale godere una delle viste più belle della città.

Infine, la Basilica di San Miniato al Monte che domina la città dall’altro ed è un perfetto esempio di stile romanico fiorentino.