Salta il menu

Eraclea Minoa

Panoramica

Lo storiografo greco Erodoto, nel V secolo a.C., narra dell’antica città di Minoa, che sarebbe stata fondata dagli abitanti di Selinunte e chiamata Eraclea in onore dell’eroe semidio. I ritrovamenti archeologici raccontano, però, una storia molto più antica del territorio ed estremamente affascinante. L’area archeologica è in una magnifica posizione, in una riserva naturale, sul promontorio del capo Bianco (a 75 m), di candida falesia (ripida scarpata scoscesa) di roccia calcarea che si protende sul mare, degradando a ovest verso la valle del Plàtani e a est verso la spiaggia. I frammenti rinvenuti negli strati sottostanti alla Necropoli arcaica del VI secolo a.C. farebbero risalire l’origine dell’insediamento urbano alla preistoria, e precisamente al Neolitico (dall’8000 al 3.500 a.C. circa), mentre le antiche monete ritrovate testimoniano la presenza di una colonia fenicia. Nelle prime fonti storiche, la città è indicata con tre nomi: Macara, ovvero città di Makar, l’Eracle fenicio; Minoa, appunto, che sarebbe stata fondata, secondo la leggenda, dal re di Creta Minosse, che avrebbe inseguito Dedalo fin qui; infine Eraclea, colonia spartana a conferma dell’intitolazione del luogo al grande eroe greco. Dopo i fenici e gli spartani, nel V secolo a.C., la città divenne subcolonia di Selinunte e raggiunse l’apice del suo sviluppo in epoca ellenistica (fine IV secolo a.C.). A lungo contesa tra greci e cartaginesi per la sua posizione strategica di confine, passò di mano più volte, finché, nel 210 a.C., fu conquistata dai Romani. Nel I secolo a.C. venne definitivamente abbandonata, forse a causa di una frana che trascinò in mare la parte meridionale dell’abitato e delle mura. Le indagini archeologiche, ai primi del ‘900, hanno portato alla luce una parte del quartiere residenziale, con tracce leggibili in due stratificazioni successive, della città arcaica ed ellenistica, il tratto settentrionale della cinta muraria, con resti di torri e di porte, e il bel teatro col proscenio aperto verso il mare (in parte nascosto da una struttura protettiva). Nell’Antiquarium, all’ingresso della zona archeologica, è esposto il materiale proveniente dalle abitazioni e dalle Necropoli arcaica ed ellenistica. Il paese, collocato più in basso rispetto al sito archeologico, ospita strutture turistiche e ricettive, tra cui un campeggio, all’ombra di un bosco di eucalipti. La spiaggia si allunga ad anfiteatro fino alle pareti di roccia di capo Bianco, che, con i suoi fanghi, offre ai bagnanti trattamenti cosmetici naturali e gratuiti, all’aria aperta.

Eraclea Minoa

92011 Eraclea Minoa AG, Italia

Ti potrebbe interessare

Arte e cultura
Isola Bella, Taormina - Messina, Sicilia

Sicilia, isola dall'estate eterna, della cultura e dell'archeologia

UNESCO
894433170

Monte Etna

Natura
Isola dei Conigli

Isola dei Conigli, la spiaggia più bella del mondo è a Lampedusa

UNESCO
Val di Noto, il Barocco

Val di Noto, il Barocco

Enogastronomia
A Palermo, sua maestà il pane con la milza

A Palermo, sua maestà il pane con la milza

Città d'arte
Cosa vedere a Palermo in due giorni

Cosa vedere a Palermo in due giorni

Cicloturismo
1125981609

Da Milazzo a Bagheria: in bici lungo la costa settentrionale della Sicilia

Sostenibilità
porti turistici in sicilia

I porti turistici green della Sicilia: sostenibilità a marchio Bandiera Blu

UNESCO
La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina

La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina

Natura
Il tramonto è il miglior momento per visitare il parco dell'Etna e sentire il cuore del vulcano

Il tramonto è il miglior momento per visitare il parco dell'Etna e sentire il cuore del vulcano

Natura
Arance rosse di sicilia frutto

Arance rosse di Sicilia, più che un frutto una delizia

UNESCO
1224783848

Eolie, le sette isole dei vulcani nella Sicilia settentrionale

Cicloturismo
1387605316

Girotondo dell’Etna su due ruote

Natura
I paesaggi della Sicilia

I paesaggi della Sicilia

Città d'arte
467663396

Catania, città del barocco dall’energia grintosa

Enogastronomia
Pistacchio di Bronte

Il pistacchio di Bronte

Arte e cultura
Una giornata a Caltagirone

Una giornata a Caltagirone, tra le città UNESCO del Val di Noto, per imparare a fare una testa di moro

Arte e cultura
A Messina, in Piazza Duomo,  c'è il più grande e complesso orologio astronomico del mondo

A Messina, in Piazza Duomo, c'è il più grande e complesso orologio astronomico del mondo

Sport
Partecipanti alla maratona a Castelbuono

Giro Podistico di Castelbuono 2023, la maratonina dei 10 giri per la Festa di Sant'Anna, sua patrona

Natura
Tindari e la sua laguna

Tindari e la sua laguna

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.