Salta il menu

Museo Archeologico Nazionale della Valle del Sarno

Panoramica

Nel 1975, presso il centro storico della città di Sarno, è nato il Museo Archeologico Nazionale della Valle del Sarno, che ha la sede in una dimora storica aristocratica risalente al XVIII secolo, costruito dagli Ungaro, una nobile famiglia cittadina. In seguito, il palazzo è stato acquisito dallo Stato alla fine degli anni Ottanta, per trasformarlo in un Museo.

Introduce alla corte centrale del palazzo, un’imponente porta in pietra lavica, con tre logge ad archi e ampi scalini che portano al primo e al secondo piano. Le stanze contengono quadri di un artista napoletano, che dipinse personaggi sacri, finte costruzioni, fiori, così come riproduzioni di arazzi e di preziosi marmi di vario colore. Nel primo decennio del XX secolo, una famiglia di S. Cozzolino commissionò inoltre, la decorazione dei soffitti di alcune sale con ninfe e putti.

Con le sue collezioni, il Museo Archeologico Nazionale della Valle del Sarno racconta la Storia della valle, dal Neolitico al Medioevo. La ricchezza del suolo e la presenza di abbondante acqua hanno infatti attirato l’uomo fin dal 4000 a.C.

Le tombe maschili appartenenti alla seconda metà del IX sec. a.C. sono ricche di vasi, rasoi, spille e artiglieria. Dalla metà dell’VIII sec. a.C., i defunti di rango sono accompagnati da vasi di importazione greca. Le donne, invece, erano sepolte con ricchi ornamenti, orecchini, collane di ambra e pasta di vetro, collane con scarabei, bracciali e anelli. Dal VI sec. a.C. in poi, nei sepolcri sono presenti vasi di terra rossastra (bucchero) greci.

Dalla metà del IV sec. a.C., le scoperte archeologiche si moltiplicano, come per esempio nell’area sacra di Foce, dedicata a una divinità femminile. Le donne sono sepolte insieme a vasi, gioielli, piccole statue e oggetti legati alla vita domestica e alla bellezza; gli uomini, invece, sono deposti con l’artiglieria.

Alcune tombe hanno pareti dipinte con disegni a tema vegetale, processioni funebri e scene del ritorno del soldato. Sono invece di origine romana i reperti rinvenuti nelle ville rustiche della periferia di Pompei, rese macerie dopo l’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. A San Marzano invece, sono stati rinvenuti in una fossa di scarico, dei vasi medievali e a Sarno è stato scoperto un antico frantoio.

Orari

Lunedì
Chiuso
Martedì - Venerdì
09:00 am-07:00 pm
Sabato - Domenica
09:00 am-02:00 pm
Museo Archeologico Nazionale della Valle del Sarno
Via Camillo Benso Cavour, 7, 84087 Sarno SA, Italia
Chiama +39081941451 Sito Web

Ti potrebbe interessare

UNESCO
Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

UNESCO
614626686

Costiera Amalfitana, un ipnotico affaccio sul mare blu cobalto

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Mare
4 motivi per scegliere la costiera amalfitana d inverno

La Costiera Amalfitana d’inverno: 4 eccellenti motivi per sceglierla

Mare
A Punta Campanella ammaliati dalle sirene di Ulisse

A Punta Campanella ammaliati dalle sirene di Ulisse

Divertimento
Campania, Cilento in volo: tra cielo, terra e mare

Campania, Cilento in volo: tra cielo, terra e mare

Ospitalità
agriturismi green in campania

7 agriturismi in Campania per il perfetto connubio di ecosostenibilità e gusto

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Spiritualità
Festa di San Donato di Auletta

Festa di San Donato di Auletta

Spiritualità
Festa di San Cono

Festa di San Cono

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Città d'arte
Procida, la cultura non isola

Procida, la cultura non isola

Spiritualità
Campania, una via Francigena ricca di storia

Campania, una via Francigena ricca di storia

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.