Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Arte & Cultura

Campania

Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Il Cilento è una meravigliosa zona campana, una terra fatta di dolci colline punteggiate dagli ulivi che si specchiano nel mar Tirreno.

Da sempre crocevia di popoli e scrigno di antiche tradizioni, il suo territorio è ricco di boschi di castagni e lecci, torrenti e paesi affacciati sul mare o abbarbicati sulle rocce.

Qui, troviamo alcuni capolavori inseriti nel 1998 nella <strong>World Heritage List</strong> dell'<strong>Unesco</strong>: il magnifico <strong>Parco nazionale del Cilento e del Vallo di Diano</strong>, con i <strong>siti archeologici di Paestum e Velia</strong> e la <strong>Certosa di Padula</strong>.

Le spiagge nascoste, i piccoli borghi di pescatori, la natura incontaminata e le ricche testimonianze archeologiche fanno del Cilento una meta dal fascino irresistibile.

1. Cos’è e dove si trova il Cilento

Costa del Cilento, Salerno - Campania

L’area territoriale del Cilento si trova nella provincia di Salerno, Campania meridionale. Ha un centinaio di chilometri di costa tra scogliere, grotte scavate nella roccia e promontori.

Se il mare del Cilento è limpido e lambito da una sabbia finissima, a pochi chilometri troneggiano le vette delle Dolomiti del Mezzogiorno, un esteso complesso montuoso che, in alcuni punti, supera i 1.700 metri. Gli insediamenti umani che punteggiano il territorio sono quasi tutti di origine antichissima, alcuni simili a presepi con centri di poche centinaia di abitanti tra santuari, monasteri e antichi manieri. 

2. Storia e informazioni sul Cilento

Parco Nazionale del Cilento, Salerno - Campania

Il Cilento ha avuto un ruolo importante nello sviluppo della filosofia e della scienza, dovuto soprattutto all’insediarsi della scuola eleatica, durante il periodo della Magna Grecia, in quella che oggi è identificata come l’area archeologica di Velia, non distante da Salerno. Fecero parte di questa scuola Parmenide, Zenone e Senofane, che ne furono i più brillanti esponenti.

Un altro sito di interesse storico eccezionale è l’area archeologica di Paestum. A partire dal 560 a.C. il villaggio conobbe uno sviluppo architettonico e culturale di cui oggi possiamo ancora godere.

3. Perché il Cilento è sito Unesco

Il Cilento, posto tra il Golfo di Salerno e il Golfo di Policastro, è stato nominato Patrimonio dell'Umanità Unesco in quanto paesaggio culturale di straordinario valore, testimonianza di insediamenti che risalgono a 250.000 anni fa.
Il Parco Nazionale è diventato anche un’area Riserva della Biosfera Mab dell’Unesco ed è stato iscritto nella rete dei Geoparchi Unesco grazie alle bellissime e numerose grotte carsiche.

La Certosa di Padula, nell’altopiano di Vallo di Diano, è degna di nota perché è il più vasto complesso monastico dell’Italia Meridionale ed è ricco di tesori artistici.

4. I posti più belli da visitare in Cilento: 7 tappe imperdibili

Tempio di Hera, Parco Archeologico di Paestum - Cilento, Campania

Cosa vedere in Cilento? Le tappe imperdibili sono 7 e la prima è Palinuro, con il suo promontorio tra i più suggestivi del Cilento, le tante spiagge spettacolari dall’acqua cristallina e le affascinanti grotte carsiche. Gli amanti dei percorsi naturalistici si innamoreranno del Sentiero della Primula, 14 chilometri che percorrono il promontorio con una vista mozzafiato sul mare, ma anche sui boschi, fiumi e aree archeologiche della zona.

Marina di Camerota è una delle mete più amate in zona grazie alla sua posizione privilegiata: è ai piedi di colline con antiche torri e uliveti secolari, tra promontori rocciosi a strapiombo sul mare e spiagge dall'aspetto quasi tropicale.

Punta Licosa è il paradiso degli amanti del mare, con le sue spiaggette rocciose poco affollate e i fondali cristallini. Si trova all’ombra del monte Licosa ed è una incantevole isoletta con una pineta.
Merita una tappa anche la Cascata Capelli di Venere, la più spettacolare all’interno dell’Oasi Capello di Casaletto Spartano, uno spettacolo della natura.

Rientrano tra le meraviglie naturali della zona anche le Grotte di Castelcivita che si estendono per chilometri nel massiccio dei Monti Alburni e sono ricche di stalattiti e stalagmiti dalle mille forme. Costituiscono uno dei complessi speleologici più vasti dell’Italia meridionale.

Castelnuovo Cilento è noto, infine, come il paese dei ciottoli ed è un meraviglioso borgo medievale sulla cima di una collina degno di uno stop.
L’ultima tappa è poi la Baia di Trentova, nei pressi di Agropoli, nel Parco Nazionale del Cilento, un vero gioiello paesaggistico della zona. 

5. Prodotti tipici del Cilento: 5 delizie

Oltre alla mitica Mozzarella di Bufala DOP tipica della zona di Capaccio Paestum, il Cilento le specialità da assaporare di certo non mancano.
I cavateddi, ad esempio, sono cilindretti di pasta preparati con acqua e farina e conditi con il ragù. Squisiti.

Imperdibile anche il primo piatto lagane e ceci, una pasta fresca di semola di grano duro e acqua, più larga e corta delle tagliatelle, cotta insieme ai ceci stufati.

Il fusillo di Felitto è un altro Presidio Slow Food cilentano: una pasta all’uovo con la forma simile a un maccherone forato di colore giallo.

Infine, i fichi bianchi del Cilento sono delicati frutti essiccati, merenda ideale per grandi e piccini.