Salta il menu

Museo Nazionale della Ceramica Duca di Martina

Panoramica


Villa Floridiana venne acquistata, nel 1817 da Ferdinando di Borbone, che la utilizzò come residenza estiva per la moglie non nobile, Lucia Migliaccio di Partanna, duchessa di Floridia che aveva sposato in Sicilia soli tre mesi dopo la morte della regina Maria Carolina.

Per la ristrutturazione dell’intero complesso, che comprendeva, oltre al Parco, un piccolo casino e una coffee-house, fu incaricato l’architetto Antonio Niccolini, che vi lavorò dal 1817 al 1819. Il progetto prevedeva un edificio con corpo centrale rettangolare e due bracci perpendicolari e simmetrici, rivolti a Nord.

All’ingresso centrale, l’architetto, ispirandosi alla soluzione utilizzata al Teatro San Carlo, aggiunse una piccola area porticata destinata alle carrozze. La facciata a Sud, posta su tre livelli essendo scosceso il terreno, Niccolini ideò un basamento in pietra lavica con una scalinata in marmo a doppia rampa, in grado di unire la Villa al Parco, offrendo un’incredibile veduta sulla città.

Nel 1826, con la morte della Duchessa, la Villa e il Parco vennero ristrutturati più e più volte dagli eredi. Questo fino al 1919, anno in cui vennero acquistati dallo Stato e per farne un polo museale. Dal 1931, il Museo Duca di Martina ospita una delle maggiori raccolete italiane di arti decorative: sono presenti, infatti, oltre 6000 opere fatte a meno in Occidente e Oriente, che vanno dal XII al XIX secolo.

Il Museo prende nome dalla raccolta che venne realizzata nella seconda metà dell’Ottocento da Placido de Sangro, duca di Martina, e donata alla città di Napoli nel 1911 dai suoi eredi. Il duca si era trasferito a Parigi all’Unità d’Italia, dove aveva iniziato ad acquistare oggetti d’arte applicata, entrando nei circoli dei collezionisti europei di fama e partecipando ai vari Expo.

Niccolini, inoltre, realizzò, tra il 1817-1819, il progetto per la ristrutturazione dei giardini all’inglese, secondo la moda del tempo. Utilizzò il naturale andamento del terreno digradante verso il mare, alternando ampi prati e aiuole, con quinte scenografiche, a zone "a boschetto’"e terrazzamenti scoscesi.

Intorno all’edificio principale scelse soluzioni simmetriche, in pieno stile Neoclassico. Creò, inoltre: un luogo per le rappresentazioni all’aperto, un luovo votivo in stile ionico, le serre e alcune grotte per animali esotici, elementi architettonici, questi, ancora apprezzabili nell’area del Parco.

Orari

Lunedì
09:30 am-04:00 pm
Martedì
Chiuso
Mercoledì - Domenica
09:30 am-04:00 pm
Museo Nazionale della Ceramica Duca di Martina
Via Domenico Cimarosa, 77, 80127 Napoli NA, Italia
Chiama +390815788418 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Enogastronomia
In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

Città d'arte
Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Enogastronomia
lo street food a napoli hero

Lo street food a Napoli è la quintessenza delle meraviglie per il palato

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Arte e cultura
Sesta Tappa del Giro d’Italia 2023: Napoli

Sesta Tappa del Giro d’Italia 2023: Napoli

Enogastronomia
napoli-pizza-una-lunga-storia-d-amore

Napoli e la pizza, una lunga storia d’amore

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Isole
I sentieri di Ischia

I sentieri di Ischia

Relax e benessere
Terme Ischia

Ischia: i parchi termali

Montagna
Vista di Napoli e del Vesuvio dall'alto

In montagna partendo da Napoli: ecco dove andare

Isole
Le Fumarole

Le Fumarole: che spettacolo la spiaggia fumante di Ischia

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.