Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Enogastronomia

Lo street food a Napoli è la quintessenza delle meraviglie per il palato

17 ottobre 2022

4 minuti

Se in Italia si potesse eleggere una città regina dello street food, quella sarebbe sicuramente Napoli. Qui, il cibo regna sovrano sulla tavola e non solo, perché in città troverete cibi e snack offerti e preparati quasi sul momento da botteghe e baracchini in grado di regalare esperienze di gusto indimenticabili.

Vivere italiano significa anche questo: immergersi nelle tradizioni culinarie e lasciarsi conquistare dalle quelle più autentiche. Scopriamo i segreti, ricetta dopo ricetta, del miglior street food di Napoli.

1. La regina si trasforma: ecco la pizza a portafoglio e la pizza fritta

pizza portafoglio napoli

La pizza napoletana è senza dubbio l’icona della città, quindi i napoletani hanno inventato un modo per portarla a spasso. La pizza a portafoglio è nata come pizza take away e viene servita piegata, pronta da mangiare mentre si passeggia. Si trova ovunque e camminare per le vie di Napoli con una pizza a portafoglio tra le mani è un’esperienza imperdibile, un sapore genuino e pieno.

In alternativa, c’è la pizza fritta. Si tratta di semplice pasta ripiena di pomodoro e mozzarella, ma si trovano anche alternative più creative. La cottura? Ovviamente, va da sé, sempre in olio bollente.
Prendetela da 1947 Pizza Fritta, proprio di fronte alla famosa pizzeria Da Michele, oppure da Esterina Sorbillo che ha vari punti vendita in città, da via dei Tribunali al Vomero.

2. Da un lato la regina, dall’altro il re: ecco il cuoppo, il re dello street food

cuoppo napoli

Se la pizza è la regina, il cuoppo è il re dello street food napoletano.
Le piccole fritture avvolte in un cono di carta sono perfette da mangiare mentre si esplora la città. Ce n’è per tutti i gusti, la sola costante è che è tutto fritto.
Il cuoppo classico contiene crocchette di patate, zeppoline salate, sciurilli fritti, ovvero fiori di zucca in pastella, mini arancini, ritagli di polenta fritti e frittatine di pasta.
Per chi preferisce il pesce, imperdibile è la frittura di paranza: con pesciolini e anelli di calamari, accompagnati da verdure in pastella. Il posto giusto per un cuoppo a regola d’arte è la Friggitoria Vomero, quartiere in cui fare assolutamente un salto se si passa per Napoli.

3. Il panino alla napoletana non si farcisce: è già farcito

panino alla napoletana napoli

Il panino tipico a Napoli si chiama pagnottiello, ed è composto da un impasto arricchito da formaggio, pancetta e salame.
Non potete dire di aver assaggiato lo street food più verace senza averne mangiato uno: unto, delizioso e gigantesco. L’indirizzo da appuntarsi è l’Antica Friggitoria Masardona.

Un’alternativa non meno succulenta è il panino con le polpette al ragù. Vi sembrerà strano se il ragù siete abituati a vederlo solo sulla pasta, ma val la pena provare l’esperienza. Il posto giusto è Tandem.

4. I taralli napoletani? Solo con sugna e pepe

taralli napoli

A Napoli i taralli sono lo spezzafame per eccellenza. Si mangiano a tutte le ore, come spuntino a metà mattina, di pomeriggio per la merenda e con l’aperitivo. 


La loro storia risale alla fine del 1700 quando i panettieri iniziarono a riutilizzare i ritagli di pasta avanzata aggiungendo sugna, pepe e mandorle e poi intrecciandoli prima della cottura.
Gli indirizzi da non perdere per gustare i migliori della città sono il Tarallificio Leopoldo e la Taralleria Napoletana. La variante classica è quella con le mandorle, ma ce ne sono di ogni tipo.

5. Pasta e frittura vanno d’accordo: ecco la frittata di pasta

pasta e frittura napoli

È l’apoteosi dello street food napoletano, che riunisce la tradizione tutta italiana della pasta e la passione di Napoli per la frittura. 

In versione mini, la frittatina di pasta si trova spesso dentro i cuoppi, ma per assaporarla al meglio il consiglio è di comprarne una intera, grande più o meno come una ciambella. 

La più classica si trova da Di Matteo, mentre Giri di Pasta l’ha reinventata proponendola in moltissime varianti, tutte gustosissime.

6. Le zendraglie, perché a Napoli non si butta via niente

le zendraglie napoli

A Napoli tutto diventa delizia da assaporare. Questo vale anche per le frattaglie, che qui si chiamano zendraglie.
Il nome risale alla Napoli borbonica, quando i nobili lanciavano dai balconi gli scarti degli animali ai poveri che urlavano “les entrailles!”, da cui poi derivò la parola zendraglie.
Includono: trippa, muso, cartilagini, mammelle e matrice di maiali e bovini.
Per assaggiarli, andate all’Antica Tripperia O’Russo oppure a Le Zendraglie a Pignasecca.

7. Dulcis in fundo e dulcis in street food: i migliori dolci tipici napoletani

sfogliatelle

Non potete dire di essere stati a Napoli senza esservi posti l’eterno dilemma: sfogliatella riccia o frolla? Per dipanare il dubbio, bisogna assaggiarle tutte e due, più volte. 

Prendetele da Attanasio, vicino la stazione: le sforna continuamente e sono sempre calde e fragranti. Oppure da Scaturchio o Pintauro. 

La tradizione dolciaria napoletana però è davvero ricca e non si ferma alle sfogliatelle: potete fare un salto da Carraturo per assaggiare un babà, il famosissimo dolce imbevuto al rum, oppure potete fermarvi da Poppella, nel quartiere Sanità, per provare il fiocco di neve, una soffice brioche ripiena con crema al latte, panna e vaniglia.

Il capoluogo campano riserva la golosa promessa di non far mai tornare a casa i suoi visitatori con lo stomaco vuoto. Dolce o salato che sia, a Napoli lo street food ha una sola regola: fritto è meglio.

Ti potrebbe interessare

Enogastronomia
napoli-pizza-una-lunga-storia-d-amore

Napoli e la pizza, una lunga storia d’amore

Enogastronomia
mozzarella di bufala

La pizza Margherita secondo Franco Pepe

Enogastronomia
storia del pomodoro san marzano campania

La regione Campania attraverso la pizza di Gino Sorbillo

Magazine
Dove studiare moda in Italia

Dove studiare moda in Italia: mappa ragionata delle scuole più quotate del fashion system

Enogastronomia
colazione tipica italiana hero

Dimmi in che città sei e ti dirò che colazione tipica italiana ordinare al bar

Enogastronomia
tipi-di-pizza-in-italia

3 (di tanti) tipi di pizza da mangiare in Italia

Enogastronomia
prosciutto di norcia

La regione Umbria attraverso la pizza di Gabriele Bonci

Enogastronomia
storia dei maccheroni abruzzo

Storia dei maccheroni alla chitarra e altre meraviglie dell’Abruzzo a tavola

Enogastronomia
storia-delle-acciughe-liguria

La regione Liguria attraverso la pizza di Roberto Caporuscio

Enogastronomia
storia del bergamotto calabria

La regione Calabria attraverso la pizza di Donato De Santis

Enogastronomia
storia del peperone crusco

La regione Basilicata attraverso la pizza di Franco Pepe

Enogastronomia
storia-del-guanciale

La regione Lazio attraverso la pizza di Gabriele Bonci

Enogastronomia
fontina valdostana e salumi

La regione Valle d’Aosta attraverso la pizza di Roberto Caporuscio

Enogastronomia
storia del figo moro friuli venezia giulia

La regione Friuli Venezia Giulia attraverso la pizza di Renato Bosco

Enogastronomia
storia del prosciutto di parma emilia romagna

La regione Emilia Romagna attraverso la pizza di Edu Guedes

Enogastronomia

La regione Lombardia attraverso la pizza di Edu Guedes

Enogastronomia
storie-delle-frattaglie

La regione Marche attraverso la pizza di Gabriele Bonci

Enogastronomia
storia-della-soppressa

La regione Molise attraverso la pizza di Donato De Santis

Enogastronomia
pasta fresca

La regione Veneto attraverso la pizza di Renato Bosco