Salta il menu

Giardino dei Signori

Panoramica

Il Giardino dei Signori, un’oasi di pace e silenzio

Regna una pace perfetta nel Giardino dei Signori, che induce al relax e a momenti di meditazione. Eppure siamo nel pieno centro di Bressanone, nel cuore dell’Alto Adige.

La città più antica del Tirolo riserva la sorpresa del silenzio all’interno di questo gioiello verdeggiante, aperto al pubblico e a ingresso libero.

 

Atmosfera d’altri tempi

Il Giardino dei Signori (Herrengarten, in tedesco) fa parte del Palazzo Vescovile, di cui occupa il lato Nord.

La classica struttura rinascimentale, con cui è stato costruito il Palazzo, si esprime nel giardino in stile italiano a disegno geometrico, con 4 aiuole regolari e una preziosa fontana centrale dalla vasca in bronzo.

Erbe e ortaggi si susseguono in file decorative, mentre le siepi di bosso sfoggiano rose e altre piante ornamentali. La lavanda spande il suo profumo inebriante.

Per immaginare il posto come era in origine bisogna rifarsi agli inventari. I principi vescovi amavano al punto la loro oasi verde che nel 1631 concessero uno stemma al giardiniere di corte Paul Schachner. E non erano gli unici ad apprezzarlo. Qui è passato anche Wolfgang Amadeus Mozart, che diede un concerto nella sfavillante Sala Teatrale del Palazzo.

 

Passeggiata tra storia, botanica e architettura

Qui si è invogliati a sedere a lungo, senza fretta, su una delle tante panchine, in compagnia di un bel libro: nessuno vi disturberà. Oppure si può camminare a passo lento con il partner o in famiglia. Ogni stagione offre il suo panorama, di eguale fascino. In primavera, i ciliegi che cingono il parco si caricano di fiori delicati, in autunno le foglie offrono il loro spettacolo variopinto. E d’inverno lo sguardo si alza verso i picchi innevati della catena montuosa.

Qualunque sia il mese della vostra visita, altissima è la possibilità di trovare un cielo sereno, dato che la zona di Bressanone vanta 2.000 ore di sole all’anno: un vero record.

Una piantagione storica rivive oggi nel Giardino dei Signori. Sebbene non identica a quella del passato, ben ne rispecchia il disegno complessivo. Si tratta del Pomarium, una serie fitta di filari, costituita da vari alberi da frutto, tra cui due varietà di meli.

Una pergola dell’800 circonda il parco.
Una curiosità culturale è rappresentata dal padiglione cinese e dalla torre giapponese, sempre dell’Ottocento. Anche qui era giunta, come in Francia, la moda dell’esotismo, che si esprimeva in decorazioni, ornamenti e architetture orientaleggianti. La ricca curia non voleva essere da meno, dimostrandosi pronta a seguire le nuove tendenze.

 

Un erbario vivo

Il Giardino dei Signori presenta una grande varietà di erbe officinali, aromatiche, mediche e afrodisiache. Del resto è uno dei vanti di questo territorio. Il consiglio è quello di inseguire questo tema affascinante nel corso di un viaggio, visitando i tanti masi fuori dalla città che le coltivano e le commercializzano. Sentirete parlare di santoreggia, aneto, calendula, cerfoglio, melissa, pimpinella, enotera.

Le erbe entrano anche nella cucina locale, da quella tradizionale alla più moderna. I cuochi di nuova generazione compongono piatti bouquet, attenti all’ecologia e alla salvaguardia della biodiversità. Nelle locande imperano i piatti tipici. I canederli alle ortiche sono un primo piatto prelibato, nella loro semplicità contadina, così come la zuppa alle erbe, che a una base di cipolla di scalogno può aggiungere ortica, romice, crescione. Tra i vini è da provare il Sylvaner, vitigno autoctono.

 

L’esplorazione di un patrimonio naturale

Volendo proseguire la vacanza continuando a tuffarsi nella natura, si può sempre uscire dalla città per scoprire i dintorni. La Valle Isarca offre panorami agricoli variegati, dai vigneti e frutteti della Valle Isarco fino ai castagneti di mezza montagna. Più su, vi aspettano infiniti itinerari di trekking sulle Dolomiti. L’Unesco ha inserito nel Patrimonio dell’Umanità i 530 chilometri di sentieri della Val d’Ega, inseriti tra le cime del Catinaccio e il Latemar.

Giardino dei Signori

Via Vescovado, 39042 Bressanone BZ, Italia

Chiama +390472062000 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Escursioni
5 vie ferrate nelle Dolomiti di Sesto da non perdere

5 vie ferrate nelle Dolomiti di Sesto da non perdere

Enogastronomia
Speck

Speck Alto Adige IGP

Borghi
Photo by: IDM Alto Adige/Alex Filz

Vipiteno, tra paesaggi alpini e monumenti secolari

Arte e cultura
Alto Adige, Curon: il campanile sommerso nel Lago di Resia

Alto Adige, Curon: il campanile sommerso nel Lago di Resia

Città d'arte
Bolzano, una città di grande fascino circondata dai monti

Bolzano, una città di grande fascino circondata dai monti

Borghi
Alto Adige: Merano tra castelli, edifici liberty e terme

Alto Adige: Merano tra castelli, edifici liberty e terme

Arte e cultura
Alto Adige: a Bressanone, tra passato e modernità

Alto Adige: a Bressanone, tra passato e modernità

Cicloturismo
Il Giro delle Dolomiti

Il Giro delle Dolomiti

Borghi
Photo by: IDM Alto Adige/Alex Filz

In Alto Adige, alla scoperta dei borghi più belli d’Italia

Enogastronomia
alto adige alla scoperta del torggelen

Vivere il Törggelen in Alto Adige per assaporare il vero sapore dell’autunno

Tour e esperienze
Photo by: Hansi Heckmair

Alto Adige: avventura sotterranea nel mondo delle miniere

Borghi
Alto Adige, Brunico: escursioni, architettura e cultura in Val Pusteria

Alto Adige, Brunico: escursioni, architettura e cultura in Val Pusteria

Relax e benessere
wine therapy di lusso

Vinoterapia di lusso in alta quota: in Alto Adige si ritrova se stessi

Enogastronomia
La strada del vino dell’Alto Adige

La strada del vino dell’Alto Adige

Laghi
Tutti i segreti del paese sommerso di Curon in Alto Adige

Tutti i segreti del paese sommerso di Curon in Alto Adige

Relax e benessere
smg04777alfi

Forest Therapy, un rigenerante bagno nel verde dell’Alto Adige

Enogastronomia
Alto Adige, turismo enogastronomico: la Strada del Vino

Alto Adige, turismo enogastronomico: la Strada del Vino

Arte e cultura
Natura suggestiva, arte, cultura, sport e buon cibo: benvenuti in Alto Adige

Natura suggestiva, arte, cultura, sport e buon cibo: benvenuti in Alto Adige

Mercatini di Natale
A Brunico c'è il mercatino di Natale più bello della Val Pusteria

A Brunico c'è il mercatino di Natale più bello della Val Pusteria

Enogastronomia
sette cantine alto adige hero

7 cantine in Alto Adige per un viaggio estivo, sensoriale

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.