Salta il menu

Villa Imperiale Pesaro

Panoramica

Villa Imperiale a Pesaro, un gioiello del Rinascimento in simbiosi con il paesaggio                                   

Nell’imponente Villa Imperiale di Pesaro, gioiello rinascimentale, l’architettura si fonde con la natura circostante in un legame inscindibile.

Immersa nel verde dell’area protetta del parco naturale di San Bartolo, la costruzione appare oggi così come fu concepita dalla famiglia Sforza nel Quattrocento, successivamente ampliata e rimaneggiata nel Cinquecento dal casato dei Della Rovere.

A soli 5 minuti dal centro di Pesaro, è il luogo ideale per una passeggiata nella storia.

 

Il dono di una sposa al marito condottiero

La villa viene chiamata Imperiale perché la prima pietra fu posta dall’imperatore Federico III d’Asburgo, ospite a Pesaro nel 1468 dalla famiglia Sforza durante il suo viaggio in Italia per l’incoronazione.

Il complesso giunto fino ai nostri giorni è il risultato dell’ampliamento realizzato nel Cinquecento per volere della duchessa Leonora Gonzaga, che lo donò al marito, il duca di Urbino Francesco Maria I Della Rovere, in occasione del suo ritorno dalla guerra. Si tratta dunque di due costruzioni distinte e collegate da un corridoio aereo: una villa quadrangolare con funzione difensiva ampliata e ingentilita dall’ala realizzata nel Cinquecento dal celebre architetto urbinate Girolamo Genga.

Nell’insieme, che risulta particolarmente armonioso, è un luogo di delizia, adatto a soddisfare lo stile di vita colto e raffinato di una corte rinascimentale.

 

Spazi aperti per cerimonie di corte

Gli spazi aperti sono da sogno: logge, giardini e cortili sembrano fatte apposta per accogliere cerimonie, ricevimenti e spettacoli nell’incantevole e fiabesco scenario di una villa suburbana immersa in un bosco.

Il giardino rinascimentale occupa gran parte dei terrazzamenti abbelliti da aiuole geometriche realizzate con siepi di bosso scolpito secondo i dettami dell’ars topiaria, intervallate da altre essenze come alloro, mirto, rosmarino, con cedri, limoni e aranci a dimora nei vasi di terracotta.

La parte superiore del parco invece è stata lasciata a bosco. Dalle parti più elevate delle terrazze si gode del bel panorama sulla valle del fiume Foglia, sulle dolci colline marchigiane e sulle cime degli Appennini.

 

Un meraviglioso ciclo di affreschi 

Notevole il ciclo di affreschi in stile manierista dai colori vivissimi commissionati per la villa Imperiale dall’architetto Genga. Alla villa hanno lavorato alcuni dei maggiori artisti del tempo, da Dosso Dossi a Raffaellino del Colle, dal Bronzino a Camillo Mantovano.

 

Il declino e la rinascita

Dopo secoli di abbandono, alla fine del Settecento, la villa ha recuperato la sua funzione di residenza nobiliare. Oggi, grazie ai restauri pluridecennali, che hanno permesso di recuperare e preservare l’originale aspetto cinquecentesco, la villa viene utilizzata come location per eventi di rappresentanza, matrimoni e congressi.                                             

 

Il parco di San Bartolo, tra le colline e il mare

Villa Imperiale si trova nel Parco di San Bartolo, un’area protetta regionale tra le verdi colline marchigiane e una fascia costiera caratterizzata da un’alta falesia a strapiombo sul mare Adriatico.

Completamente immersa nel verde, è circondata da un’azienda agricola che coltiva con metodo biologico gli ulivi secolari. La villa è visitabile solo nel periodo estivo, da giugno a settembre, con visite guidate per piccoli gruppi e su prenotazione.

Villa Imperiale Pesaro

Str. dei Cipressi, 63, 61121 Pesaro PU, Italia

Sito Web

Ti potrebbe interessare

Folklore
Il carnevale di Fano: 3 ragioni per non perderlo

Il carnevale di Fano: 3 ragioni per non perderlo

UNESCO
Urbino Il Centro Storico

Urbino Il Centro Storico

Arte e cultura
La Festa del Duca a Urbino è l’occasione giusta per respirare l’essenza delle Marche

La Festa del Duca a Urbino è l’occasione giusta per respirare l’essenza delle Marche

Natura
Il cuore accogliente degli Appennini: i 9 comuni delle Alte Marche

Il cuore accogliente degli Appennini: i 9 comuni delle Alte Marche

Festività
Urbania, capitale d’Italia della Befana

Urbania, capitale d’Italia della Befana

Mare
La Spiaggia di Mezzavalle e le sue 10 sorelle sulla Riviera del Conero

La Spiaggia di Mezzavalle e le sue 10 sorelle sulla Riviera del Conero

Enogastronomia
storie-delle-frattaglie

La regione Marche attraverso la pizza di Gabriele Bonci

Spiritualità
Santuario di Loreto

Il Santuario di Loreto

Divertimento
Frasassi Avventura-Marche

Frasassi Avventura, quante emozioni tra bosco e fiume nel cuore delle Marche

Cicloturismo
1323302795

In bicicletta tra le colline marchigiane

Mare
Nelle Marche, a Porto San Giorgio per un tuffo nelle tradizioni

Nelle Marche, a Porto San Giorgio per un tuffo nelle tradizioni

Sport
sport estremi marche

Sport estremi e attività all'aperto nelle Marche, il miglior posto dove scegliere di lavorare a settembre

Cicloturismo
1362182416

Pedalare nelle Marche: un itinerario dall’Appennino alla costa

Cicloturismo
114312304

In sella lungo la Riviera delle Palme

Cicloturismo
Le Marche su due ruote: dall’entroterra al mare

Le Marche su due ruote: dall’entroterra al mare

Borghi
Gradara

Gradara

Città d'arte
Ascoli Piceno

Ascoli Piceno, città delle cento torri e del bien vivre

Ospitalità
migliori b e b nelle marche

I migliori B&B nelle Marche, dove riscoprire il ritmo lento dell'estate italiana

Natura
I paesaggi delle Marche

I paesaggi delle Marche

Enogastronomia
Le Marche, un territorio di prodotti sopraffini tutti da svelare

Le Marche, un territorio di prodotti sopraffini tutti da svelare

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.