Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Cicloturismo

Marche

Pedalare nelle Marche: un itinerario dall’Appennino alla costa

Chilometro dopo chilometro, la quiete dell’entroterra lascia il posto alla verve spumeggiante del mare Adriatico. Sui muri di asfalto e porfido, i ritmi sui pedali si fanno sempre più intensi. Ci volete provare?

10 ottobre 2022

3 minuti

Il quinto appuntamento della Tirreno-Adriatico, la corsa delle due ruote che attraversa la Penisola da un mare all’altro, ha una fama che la dice lunga. La chiamano la “tappa dei muri”. Attenzione, dunque, a non farvi ingannare: con i suoi 155 chilometri è un tracciato piuttosto breve per i professionisti, ma tostissimo. Vediamolo insieme. Mentre il primo tratto si snoda tra alture dolci, punteggiate di borghi a misura d’uomo, dalla metà in poi ci si ritrova davanti a pareti d’asfalto quasi verticali, capaci di mandare in crisi anche i fisici più allenati. Mettevi alla prova, se amate le sfide. Male che vada, scenderete dalla sella. Il premio di consolazione? Una cena a base di brodetto di pesce e un calice di verdicchio, tra i prodotti simbolo dell’enogastronomia locale.

1. L’entroterra dei panorami e dei mestieri antichi

È un Appennino poco impegnativo quello in cui si pedala per i primi chilometri, con partenza da Sefro e un passaggio da Castelraimondo, borgo di maestri fiorai e tradizioni, e San Severino Marche, con la sua manciata di torri e campanili. Persino la salita al Valico di Pietra Rossa, a 667 metri di quota, non mette soggezione. Mentre la discesa su Cingoli è il preludio a una sosta obbligata, capace di rifocillare corpo e mente: il balcone delle Marche, com’è conosciuto questo borgo tra i più belli d’Italia, offre una terrazza panoramica da cui si ammira la costa Adriatica fino al Gran Sasso e al promontorio del Conero. Dalla partenza a questo punto non sono nemmeno 40 chilometri. Scegliete voi, se proseguire lungo il percorso di gara oppure deviare in direzione Fabriano, per immergervi in una delle grandi tradizioni manifatturiere del luogo. All’interno di un ex Convento dei padri Domenicani, si trova il Museo della Carta e della Filigrana: un viaggio a ritroso di 900 anni attraverso la produzione cartiera, affiancato da una preziosa collezione di filigrane antiche e moderne.

2. Sui muri, dove si può solo pedalare

Passato l’abitato di Montegranaro, il gioco si fa duro. È il momento dei temutissimi muri, il segno distintivo di questa tappa, vere e proprie ‘rampe di garage’ che costringono anche i professionisti delle due ruote ad alzarsi sui pedali. Qualche numero, giusto per rendere l’idea. Si parte con il muro di Monte Urano, un paesino a una dozzina di chilometri dalla costa: punta di pendenza del 15 per cento. Dopo il Lido di Fermo attacca la salita di Capodarco, dove si tocca il 18 per cento, seguita a pochissima distanza da quella di Fermo-Strada Calderari. Ansimando, si può quasi sentire il profumo di salsedine che arriva dal mare: un pensiero dolce, per alleviare la fatica.

3. A Fermo, tra piazze-salotto e resti romani

AMANDOLA | Marche

Per concludere il nostro viaggio lungo il percorso della quarta tappa della Tirreno-Adriatico, non resta che il tratto finale. E che finale! Si tratta, infatti, di un semicircuito di 18 chilometri, con altre due salite: quella di Madonnetta d’Ete e di nuovo quella di Fermo-Strada Calderari. Ma per gli atleti non è ancora il momento di riprendere fiato. Anche gli ultimi chilometri tirano verso l’alto, oltretutto su vie strette e in porfido, che impongono una certa cautela soprattutto se il fondo è bagnato. Come se non bastasse, il traguardo è su una rampa al 10 per cento. È un girone infernale per indolenti, circondato però da un borgo-paradiso. Costruita quasi interamente in pietra sulla sommità del colle Sabulo, Fermo ha un meraviglioso centro storico, con vicoli tortuosi, piazze-salotto, chiese medievali e palazzi rinascimentali. Un must fermarsi a Piazza del Popolo, con la prospettiva disegnata dai portici, e visitare Palazzo dei Priori, sede della Biblioteca Civica e della Sala del Mappamondo. Se resta del tempo, non perdetevi il Teatro dell’Aquila, inaugurato nel 1792, famosissimo per l’acustica e i decori. Infine, non ripartite senza visitare Le Cisterne Romane di Fermo: ben 30 sale collegate da cunicoli, realizzate nel primo secolo d.C. per raccogliere e depurare le acque.

A cura della redazione di RCS Sport.

Ti potrebbe interessare

Cicloturismo
114312304

In sella lungo la Riviera delle Palme

Cicloturismo
623559818

In sella dall’Umbria alle Marche

Cicloturismo
1323302795

In bicicletta tra le colline marchigiane

Cicloturismo
1600X1000_sterrati_strade_bianche_cardina_1.jpg

Tra borghi medievali e colline incantate: in bici lungo gli sterrati della Strade Bianche

Cicloturismo
522814757

In bici verso l’Umbria

Cicloturismo
531422743

In bici da Milano a Sanremo

Cicloturismo
542683007

Da Realmonte a Piazza Armerina. In sella dal mare a un entroterra ricchissimo di arte e storia

Cicloturismo
1125981609

Da Milazzo a Bagheria: in bici lungo la costa settentrionale della Sicilia

Cicloturismo
1310777932

Pedalare da Palma di Montechiaro a Caltanissetta

Cicloturismo

Pedalare nel cuore antico del Piemonte

Cicloturismo
1279305212

In sella lungo la Versilia: Camaiore, Pietrasanta, Forte dei Marmi e dintorni

Cicloturismo
1283368449

In bicicletta nella terra degli Etruschi: da Camaiore alla Val di Merse, con tappa a Volterra

Cicloturismo
1387605316

Girotondo dell’Etna su due ruote

Cicloturismo
Palazzina di Caccia di Stupinigi

Un percorso e mille mondi diversi. La meraviglia di attraversare il Piemonte in bicicletta

Cicloturismo
tramonti lombardia bicicletta

Tramonti infiammati, castelli e gole scavate nella roccia. Un dipinto? No, la Lombardia da girare in bicicletta

Magazine

Le Marche su due ruote: dall’entroterra al mare

Natura

Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Sport
sport estremi marche

Sport estremi e attività all'aperto nelle Marche, il miglior posto dove scegliere di lavorare a settembre

Sport

Trentino, pedalate nella natura al profumo di vini e mele