Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Itinerario

I luoghi del Sommo Poeta

In giro per Ravenna alla scoperta di Dante

Tipologia
percorso ciclistico
Durata
72 ore
Difficoltà
Facile
Periodo migliore

Estate

Quello tra Ravenna e Dante Alighieri è stato un rapporto profondo che ha legato il Sommo Poeta a questa terra lungo l'intero arco della sua vita, dalle frequenti visite che gli hanno dato tanta ispirazione durante la scrittura della Divina Commedia agli ultimi anni trascorsi proprio in città presso la corte di Guido Novello da Polenta.

Il nome di Dante ricorre in tanti dei luoghi più suggestivi di Ravenna e dei suoi dintorni, dal Lido Dante alle Querce che impreziosiscono la Pineta di Classe che lo aveva lasciato a bocca aperta, senza dimenticare la Tomba di Dante nel cuore della città e il piccolo museo a lui dedicato.
È impossibile, spostandosi per questa zona, non imbattersi nei luoghi della memoria dantesca tra un tuffo in mare e una passeggiata tra pini secolari e i grandiosi monumenti di Ravenna.

Che ne dite, quindi, di seguirci in un itinerario di tre giorni che vi porterà a vivere e scoprire l'area di Ravenna per una piccola vacanza tra arte, cultura, sole, mare e l'immancabile divertimento che nella Riviera Romagnola è sempre assicurato? 

Dante e Ravenna

Iniziamo proprio dal capoluogo, prima tappa anche dell'evocativo percorso culturale e naturalistico Il Cammino di Dante® che in 21 giorni vi permette di ripercorrere il viaggio del Sommo Poeta dalla sua amata Firenze a Ravenna. È un lungo percorso a piedi promosso da un'associazione no-profit con l'obiettivo di diffondere la cultura dantesca che parte dalla Tomba di Dante a Ravenna, raggiunge il capoluogo Toscano attraverso l'Appennino e ritorno in Romagna passando per il Casentino per un totale di 400 chilometri.

https://www.camminodante.com/il-cammino-di-dante-chi-siamo

Nel nostro itinerario di tre giorni vi stuzzichiamo la curiosità con un piccolo assaggio di questo lungo cammino tra due delle Regioni più belle d'Italia.
Partiamo quindi dal luogo in cui Dante in cui è stato sepolto nel 1321 dopo i funerali in pompa magna celebrati nella Basilica di San Francesco, all'epoca chiesa di San Pier Maggiore.

La Tomba di Dante sorge nel cuore della Ravenna medievale. È un piccolo tempio neoclassico eretto alle spalle della Basilica di San Francesco tra il 1780 e il 1781 su progetto dell’architetto Camillo Morigia. In origine il luogo dell'eterno riposo del Padre della Lingua Italiana doveva essere una semplice cappella, ma poco più di un secolo dopo la sua morte il governatore di Ravenna decise di dare maggiore risalto alla tomba del Sommo Poeta commissionando allo scultore Pietro Lombardo un bassorilievo marmoreo con il ritratto di Dante.

Gli elementi realizzati nel 1483 furono poi inglobati nell'attuale mausoleo, ancora oggi visibili ai visitatori che si recano a Ravenna per rendere omaggio a Dante. Sull'architrave di accesso al monumento campeggia la scritta Dantis Poetae Sepulcrum.

A pochi passi dalla tomba è stato allestito il Museo Dante, un percorso in 9 sale che ripercorre la vita e le opere di Alighieri tra documenti, targhe ed elementi interattivi introdotti nel corso dell'ultima ristrutturazione.

Gli studiosi sono convinti che Dante si sia ispirato agli splendidi mosaici di Ravenna per descrivere alcuni luoghi e personaggi della Divina Commedia.
Ecco perché vi suggeriamo una visita alla Basilica di Sant'Apollinare Nuovo per ammirare la straordinaria decorazione musiva che, tra elementi del Nuovo Testamento, presenta anche la processione delle vergini e dei santi che ritroviamo nel XXIX canto del Purgatorio ad anticipare l'arrivo nel Paradiso Terrestre dell'amata Beatrice.

Dante e Classe

Lasciamo il centro cittadino e ci dirigiamo a sud, appena fuori da Ravenna. La meta di questa seconda tappa è la frazione di Classe. E i motivi sono due: la Basilica di Sant'Apollinare in Classe, tra i siti Patrimonio dell'Umanità UNESCO che impreziosiscono Ravenna, e la Pineta di Classe, un paradiso verde molto amato da Dante.

La Basilica circondata dal centro abitato di Classe è una tappa obbligata per chiunque si trovi a passare da quelle parti. È il più grande esempio di basilica paleocristiana nel mondo e i mosaici policromi che la ornano meritano senza dubbio una visita prima di procedere a sud verso la grande pineta.

A questo polmone verde di Ravenna potete accedere dal Parco I Maggio e a questo punto avete più di una opzione. Potete immergervi nel parco, magari in bicicletta, seguendo un percorso ad anello di 4 chilometri che vi accompagnerà in tutti i luoghi più suggestivi della pineta oppure inoltrarvi alla scoperta delle Querce di Dante, un grande querceto che ha accompagnato il Poeta nelle sue passeggiate meditative. La natura rigogliosa che caratterizza questa pineta viene citata nella Divina Commedia: è la bellissima e ospitale foresta che accompagna i visitatori all'ingresso del Paradiso terrestre.

Se avete voglia e grinta, seguite il percorso fino a raggiungere le zone più umide e quelle con la maggior diversità ambientale, le oasi dell’Ortazzo e dell’Ortazzino.

Dante e Marina di Ravenna

Non si possono visitare i luoghi di Dante a Ravenna senza concedersi una giornata sul rinomato litorale. È qui che si conclude il nostro itinerario di 3 giorni, a spasso tra i 9 lidi ravennati che si alternano lungo 35 chilometri di costa che per il Sommo Poeta significarono molto tra dune selvagge, la tranquillità, l'incredibile molteplicità di piante e animali.

Qualunque sia il vostro ideale di soggiorno al mare, a Marina di Ravenna troverete il lido che più fa al caso vostro.

  • Casalborsetti: la località balneare più a nord di Ravenna. Sorge sulle sponde del canale Destra Reno e offre ampie spiagge libere e piccoli stabilimenti attrezzati, oltre a una grande area camper a 100 metri dal mare e una spiaggia per gli amici a 4 zampe.
  • Marina Romea: il lido più elegante di Ravenna, circondato da pini secolari e per questo ideale per chi cerca una giornata al mare senza rinunciare al verde.
  • Porto Corsini: il più antico dei lidi ravennati e uno di quelli più orientati agli sport acquatici. Anche qui trovate la rigogliosa pineta retrodunale in cui ripararvi dal sole tra un tuffo e l'altro.
  • Marina di Ravenna: la località balneare più trendy, dotata di un importante porto turistico, stabilimenti all'avanguardia e una movida che vi farà compagnia fino all'alba.
  • Punta Marina Terme: ideale per chi vuole concedersi un po' di tempo per sé stesso nello stabilimento termale che sorge sulla spiaggia. Qui si trova anche uno stabilimento che permette a persone con disabilità fisiche molto gravi di fare il bagno in mare.
  • Lido Adriano: il più visitato durante il periodo estivo grazie all'ampia spiaggia dorata, i tanti stabilimenti attrezzati e un calendario fitto di eventi da mattina a sera.
  • Lido di Dante: piccolo paradiso per chi cerca tranquillità lontano dal caos. Spiagge incontaminate, tante piazzole per la sosta dei camper e pochi stabilimenti balneari.
  • Lido di Classe: legato a doppio filo alla vicina pineta, questo lido offre sia spiagge attrezzate che lunghi arenili liberi, oltre a un'ottima spiaggia dedicata agli amici a 4 zampe.
  • Lido di Savio: a ridosso di Milano Marittima, il lido è una meta ambita per chi cerca divertimento e movida.