Salta il menu

Parco Archeologico di Pompei

Panoramica

Pompei è rappresentata da uno spazio equivalente a 66 ettari, di cui 50 sono stati esplorati (tenendo conto anche delle zone suburbane). La città campana, è costituita da edifici (sia privati che civici), oltre che pitture, sculture, monumenti e mosaici.
In memoria della vita quotidiana delle città romane di un tempo, vennero conservati i lapilli e le ceneri ritrovate dopo l’eruzione del vulcano Vesuvio, risalente al 79 d.C.
Pompei è sita in un altopiano, da cui è possibile accedere da una delle porte ubicate nei dintorni. Dal pianoro è possibile ammirare la valle e il fiume Sarno, oltre che percorrere le vecchie strade in cui si possono vedere le abitazioni che appartenevano alle famiglie ricche e modeste, oltre che le strutture termali e gli immobili destinati agli spettacoli teatrali di un tempo.
Nonostante le origini della città di Pompei oggigiorno siano dubbie, il forte credo è che essa derivi con alta probabilità dagli etruschi. Dando un occhio alle testimonianze più vecchie, risale alla fine del VII, combaciante con la prima metà del VI secolo (Avanti Cristo), periodo in cui venne realizzata la prima pappamonte, una cinta muraria di color grigio.
Verso la fine del IV secolo a.C. , Pompei è entrata nell’organizzazione della Repubblica Romana. Tuttavia, successivamente, provò a ribellarsi insieme ad altre popolazioni italiche ma divenne colonia romana (con il nuovo nome, ecc.). Da quel momento in poi, cominciò la colonizzazione romana, facendo crollare Pompei e assegnandole il nuovo nome “Cornelia Veneria Pompeianorum (risalente all’80 a.C.).
Pompei – colonizzazione a parte – venne distrutta a causa del Vesuvio, per poi esser riscoperta nel XVI secolo, mentre si stava costruendo il Canale del Conte di Sarno. Soltanto qualche anno dopo, sotto il regno di Carlo III di Borbone , vennero riscoperte le iscrizioni pubbliche, il quartiere dei teatri e il tempio di Iside. Con l’avvento del dominio borbonico, si riscoprì con sorprese la casa del Fauno, notevole per il suo mosaico che rappresentava la battaglia d’Alessandro. Dopo che venne nominato Giuseppe Fiorelli e  l’Unità di Italia, si ebbe una svolta nel metodo di lavoro.
La prima innovazione riguardò l’introduzione del metodo dei calchi in gesso, che ha permesso il recupero delle impronte risalenti ai corpi dei cittadini deceduti a causa dell’eruzione del vulcano. Da allora, proseguirono i profondi scavi nelle regiones orientali, e furono scoperti edifici di enorme prestigio.
La fase più antica di scavo, risale alla scoperta della necropoli di Porta Nocera, oggi ricordato come un sito storico di grande importanza. Successivamente, alla metà del XX secolo, piuttosto che proseguire con i lavori di esplorazione, si è preferito attuare un metodo più conservativo, mirato a preservare il valore storico del luogo.

Parco Archeologico di Pompei
Via Villa dei Misteri, 2, 80045 Pompei NA, Italia
Chiama +390818575111 Sito Web

Ti potrebbe interessare

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

UNESCO
Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Isole
I sentieri di Ischia

I sentieri di Ischia

Relax e benessere
Terme Ischia

Ischia: i parchi termali

Enogastronomia
In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

Città d'arte
Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Montagna
Vista di Napoli e del Vesuvio dall'alto

In montagna partendo da Napoli: ecco dove andare

Isole
Le Fumarole

Le Fumarole: che spettacolo la spiaggia fumante di Ischia

Natura
I paesaggi della Campania

I paesaggi della Campania

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.