Saltar el menú

Parco Archeologico di Pompei

Resumen

Pompei è rappresentata da uno spazio equivalente a 66 ettari, di cui 50 sono stati esplorati (tenendo conto anche delle zone suburbane). La città campana, è costituita da edifici (sia privati che civici), oltre che pitture, sculture, monumenti e mosaici.
In memoria della vita abituale delle città romane di un tempo, vennero conservati i lapilli e le ceneri ritrovate dopo l’eruzione del vulcano Vesuvio, risalente al 79 d.C.
Pompei è sita in un altopiano, da cui è possibile accedere da una delle porte ubicate nei dintorni. Dal pianoro è possibile ammirare la valle del fiume Sarno, oltre che percorrere le vecchie strade in cui si possono vedere le abitazioni che appartenevano alle famiglie ricche e modeste, oltre che le strutture termali e gli immobili adibiti per gli spettacoli teatrali di un tempo.
Nonostante le origini della città di Pompei oggigiorno sono dubbie, il forte credo è che essa derivi con alta probabilità dagli etruschi. Dando un occhio alle testimonianze più vecchie, si sale alla fine del VII, combaciante con la prima metà del VI secolo (Avanti Cristo), periodo in cui venne realizzata la prima pappamonte, una cinta muraria di color grigio.
Verso la fine del IV secolo a.C, Pompei è entrata nell’organizzazione della Repubblica Romana. La popolazione essendo in disaccordo, decise di ribellarsi. Da quel momento in poi, cominciò la colonizzazione romana, facendo crollare Pompei e assegnandole il nuovo nome “Cornelia Veneria Pompeianorum (risalente all’80 a.C.).
Pompei – colonizzazione a parte – venne distrutta a causa del Vesuvio, per poi esser riscoperta nel XVI secolo, mentre si stava costruendo il Canale del Conte di Sarno. Soltanto qualche anno dopo, quando passarono i francesi e il Borbone, vennero riscoperte le iscrizioni pubbliche, il quartiere dei teatri e il tempio di Iside.Con l’avvento del dominio borbonico, si riscoprì con sorprese la casa del Fauno, notevole per il suo mosaico che rappresentava la battaglia d’Alessandro. Dopo che venne nominato Giuseppe Fiorelli e dopo che avvenne l’Unità di Italia, venne risvoltato l’organizzazione lavorativa.
La prima innovazione riguardò l’introduzione del metodo dei calchi in gesso, che ha permesso il recupero delle impronte risalenti ai corpi dei cittadini deceduti a causa dell’eruzione del vulcano. Da allora, proseguirono i profondi scavi nelle regiones orientali, a parte aver scoperto edifici di enorme prestigio.
La fase più antica di scavo, risale alla scoperta della necropoli di Porta Nocera, oggi, ricordato come un sito storico di grande importanza. Successivamente, alla metà del XX secolo, piuttosto che proseguire con i lavori di esplorazione, si è preferito attuare un metodo più conservativo, mirare a preservare il valore storico del luogo.

Horarios

lunes - domingo
09:00 am-03:30 pm
Parco Archeologico di Pompei
Via Villa dei Misteri, 2, 80045 Pompei NA, Italia
Llamar +390818575111 Página web

Le puede interesar

Arte y cultura
Bagni della Regina Giovanna

Darse un chapuzón en un rincón del paraíso: los Baños de la Reina Giovanna

UNESCO
941237456

Descubrir la zona arqueológica de Pompeya, Herculano, y Torre Annunziata

Islas
Procida, una encrucijada de experiencias para todos los sentidos

Procida, una encrucijada de experiencias para todos los sentidos

UNESCO
El Cilento, entre playas vírgenes, naturaleza salvaje y pueblos acogedores

El Cilento, entre playas vírgenes, naturaleza salvaje y pueblos acogedores

Rutas y experiencias
Palacio de caserta vista desde arriba

Nápoles-Caserta: viajar como un rey

Sitios históricos
Las catacumbas de Nápoles

Las catacumbas de Nápoles

Arte y cultura
Procida

Prócida: la isla encantada de las casas de acuarela y mar turquesa

Arte y cultura
Campania, mar de postal y sabores vertiginosos

Campania, mar de postal y sabores vertiginosos

Ciudades culturales
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Nápoles, una encantadora ciudad de mar y cultura

UNESCO
El encantador centro histórico de Nápoles, patrimonio mundial de la UNESCO

El encantador centro histórico de Nápoles, patrimonio mundial de la UNESCO

Ciudad
Qué ver en Nápoles en 2 días

Qué ver en Nápoles en 2 días

Deporte
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emocionantes vuelos panorámicos sobre el parque arqueológico de Paestum o por encima del Vesubio

Naturaleza
Parques de Campania: turismo sostenible en las zonas protegidas de la región

Parques de Campania: turismo sostenible en las zonas protegidas de la región

Ciudades culturales
Ruta de 10.000 pasos para visitar el centro de Nápoles

Ruta de 10.000 pasos para visitar el centro de Nápoles

Ocio
Estación zoológica Anton Dohrn, el acuario del Mare Nostrum

Estación zoológica Anton Dohrn, el acuario del Mare Nostrum

Islas
Los senderos de Isquia

Los senderos de Isquia

Islas
Le Fumarole

Le Fumarole: la playa humeante de Ischia, todo un espectáculo

Bienestar y relax
Terme Ischia

Isquia: los parques termales

Enogastronomía
lo street food a napoli hero

Comida callejera en Nápoles, quintaesencia de las maravillas del paladar

Enogastronomía
En Campania, donde la cultura culinaria es un estilo de vida

En Campania, donde la cultura culinaria es un estilo de vida

¡Ups! Hubo un error al compartir. Acepta las cookies de perfil para compartir esta página.