Salta il menu

Museo Storico Archeologico di Nola

Panoramica

Il prestigioso edificio che fu un tempo convento delle Canossiane, destinato dall’Amministrazione comunale a sede espositiva dopo il restauro, ospita il Museo che propone al pubblico la storia del territorio di Nola, mediante una vasta e ragionata scelta di reperti archeologici. Ad iniziare dalla sezione preistorica, scandita da un itinerario tematico, nella prima sala è illustrata l’attività vulcanica del Somma-Vesuvio, con particolare attenzione alle eruzioni che hanno avuto un impatto sulla storia del luogo, come quella delle "Pomici di Avellino" databile all’età del Bronzo e quella di Pollena del periodo tardo antico. Nelle sale successive sono esposti i materiali del Bronzo Antico, con gli effetti dei depositi piroclastici dell’eruzione delle Pomici di Avellino che cancellarono i villaggi della zona, le ricostruzioni fisiognomiche di tre individui estratti dalle sepolture e una ricostruzione in scala reale della capanna rinvenuta durante gli scavi dell’insediamento di Croce del Papa a Nola, dotata di arredo e spazi originari. La sezione successiva riguarda le origini di Nola, abbracciando un arco cronologico che va dall’VIII al VI secolo a.C.. Qui sono esposti i corredi tombali, tra cui vasellame di produzione greca, che suggerisce l’utilizzo del vino in occasione del simposio, e quelli attestanti l’influenza etrusca sulla comunità nolana. A seguire, le sale dedicate alla "Città dei Cavalieri", relativa al periodo compreso tra il VI ed il IV secolo a.C., con materiali ricollegabili ai Sanniti, come anfore attiche a figure rosse del Pittore di Alchimaco e del cosiddetto Pittore di Berlino e un cratere a colonnette decorato a figure rosse attribuito al cosiddetto Pittore di Napoli. Punto focale della sezione sono le sepolture a cassa ed a semicamera dipinte al centro della sala, dove si trova anche un’ampia gigantografia in scala reale della “Tomba del Cavaliere”, che illustra la disposizione originale delle lastre dipinte. Sono ricostruite in loco le sepolture a cassa del territorio di Casamarciano, tra cui la Tomba dei Togati e la Tomba della danzatrice. L’itinerario prosegue con le testimonianze della presenza osca, della conquista romana della città (313-312 a.C.) fino allo scoppio della guerra sociale (90-88 a.C.), con l’esposizione delle statue che ornavano alcuni sepolcri, i rilievi funerari e quelli provenienti dall’anfiteatro della città e le testimonianze epigrafiche. Al primo piano il percorso museale prosegue arrivando all’epoca imperiale con gli elementi della villa di Augusto rinvenuta a Somma Vesuviana. Infine troviamo l’ultima sezione con gli elementi della fine del mondo antico e dell’età medioevale, come il complesso delle basiliche paleocristiane di Cimitile, completando così uno strumento esaustivo di lettura e di valorizzazione dei monumenti e delle opere d’arte dei diversi periodi storici nell’area di Nola.

Orari

Lunedì
Chiuso
Martedì - Domenica
09:00 am-07:30 pm
Museo Storico Archeologico di Nola
Via Senatore Cocozza, 1, 80035 Nola NA, Italia
Chiama +390815127184 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Montagna
Vista di Napoli e del Vesuvio dall'alto

In montagna partendo da Napoli: ecco dove andare

Città d'arte
Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Isole
I sentieri di Ischia

I sentieri di Ischia

Isole
Le Fumarole

Le Fumarole: che spettacolo la spiaggia fumante di Ischia

Relax e benessere
Terme Ischia

Ischia: i parchi termali

Natura
I paesaggi della Campania

I paesaggi della Campania

Enogastronomia
lo street food a napoli hero

Lo street food a Napoli è la quintessenza delle meraviglie per il palato

Enogastronomia
In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.