Salta il menu

Terme Romane

Panoramica

Durante la costruzione della Mostra d’Oltremare nel 1939, venne scoperto il complesso termale situato tra l’antica via Puteolis-Neapolim e una strada secondaria. Strutturato su più livelli, alimentato dall’acquedotto del Serino e realizzato principalmente in opus vittatum e latericium, l’edificio risale alla prima metà del II sec. d.C. pur se nel corso dei secoli ha subito vari interventi che ne hanno modificato l’organizzazione degli spazi. Tra questi, il corridoio d’ingresso (adattato a cisterna in epoca medievale), alcuni ambienti, probabilmente identificabili come tabernae, e la latrina, preceduta da un piccolo vano di disimpegno con volta a botte e resti della vaschetta per le abluzioni e solitamente ricoperta da una semicupola con pitture parietali, di cui oggi non rimane che qualche traccia. La decorazione del pavimento – un mosaico a tessere bianche e nere raffigurante due delfini natanti e un animale marino fantastico – è mal conservata. La luminosità era assicurata dalle cinque finestre poste nella parete semicircolare. Accanto al perimetro dell’emiciclo, inoltre, scorreva un canale di scolo delle acque, costantemente alimentato dalla cisterna attraverso condotti sotterranei, su cui erano presenti sedili in pietra o marmo forati. In origine l’ingresso all’edificio termale si apriva direttamente sul vestibolo, che ospitava un mosaico figurato a tessere bianche e nere con una nereide seduta sulla coda di un giovane tritone, circondata da due amorini e delfini, nonché tracce della zoccolatura e del rivestimento parietale a lastre di marmo. Il vano adibito a spogliatoio (apodyterion) era inizialmente collegato al vestibolo mediante un ingresso, poi murato. Gli utilizzatori potevano optare per vari percorsi in base ai loro gusti o alle esigenze terapeutiche. Il principale prevedeva fermate in quattro ambienti riscaldati a temperature differenti, quindi la sosta nel calidarium absidato, con labrum (bacino) per le abluzioni e la vasca (alveus) per il bagno caldo, e infine l’accesso tramite un vano di passaggio al frigidarium con due vasche per i bagni freddi. Anche qui faceva bella mostra di sé un mosaico pavimentale a figure nere su fondo bianco con animali fantastici, cavalcati o seguiti da figure antropomorfe e delfini agli angoli. Il crollo parziale delle pavimentazioni e la caduta dei rivestimenti parietali hanno reso visibili i componenti connessi alla produzione e alla diffusione del calore, come i forni laterali (praefurnia) con vani di servizio, le intercapedini al di sotto dei pavimenti (hypocausta e suspensurae) e lungo le pareti. Tali ambienti, così come riportato da Vitruvio, sono orientati a Sud-Ovest per ottimizzare l’utilizzo del calore e della luce solare nelle ore pomeridiane.

Orari

Lunedì - Venerdì
Chiuso
Sabato - Domenica
10:00 am-01:00 pm
Terme Romane
Via Terracina, 429, 80125 Napoli NA, Italia
Chiama +393357272005 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Enogastronomia
In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

Città d'arte
Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Enogastronomia
lo street food a napoli hero

Lo street food a Napoli è la quintessenza delle meraviglie per il palato

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Arte e cultura
Sesta Tappa del Giro d’Italia 2023: Napoli

Sesta Tappa del Giro d’Italia 2023: Napoli

Enogastronomia
napoli-pizza-una-lunga-storia-d-amore

Napoli e la pizza, una lunga storia d’amore

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Isole
I sentieri di Ischia

I sentieri di Ischia

Relax e benessere
Terme Ischia

Ischia: i parchi termali

Natura
I paesaggi della Campania

I paesaggi della Campania

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.