Salta il menu

Parco Vergiliano a Piedigrotta

Panoramica

Il parco Vergiliano a Piedigrotta (noto anche come parco della Tomba di Virgilio, diverso da quello omonimo del quartiere Posillipo) è celebre perché, secondo la tradizione, conserva la tomba di Virgilio. È sempre qui che è stato eretto il monumento sepolcrale con le presunte spoglie di Giacomo Leopardi.
A Napoli, dunque, dietro la chiesa di Santa Maria di Piedigrotta, sorge il parco che, circondando parte delle pendici est del promontorio di Posillipo, prende il nome dal greco Pausilypon (“pausa del dolore”).
Nel 1930, l’area venne sottoposta a un grande intervento di risanamento e consolidamento, che le ha assegnato l’aspetto ancora osservabile oggi, ricco di panorami suggestivi. All’ingresso, un’imponente edicola reca due iscrizioni in cui viene evocata la tomba di Virgilio, ufficialmente attribuita al poeta Publio Virgilio Marone. Al fianco, un busto di Virgilio su colonnina, dono del 1931 dall’Accademia dell’Ohio, sottolinea ancora di più l’omaggio al poeta.
Nelle vicinanze, è stato edificato un monumento in onore di Giacomo Leopardi, traslato nel 1939 dalla chiesa di San Vitale a Fuorigrotta. Salendo inoltre lungo il viale del parco, si giunge alla piazzola davanti all’entrata orientale della Crypta Neapolitana, una delle più antiche gallerie del mondo, risalente all’età di Augusto. Qui, sovrasta l’ingresso un mausoleo funerario a colombario, costruito in opus reticulatum all’inizio dell’età imperiale, il cui contenuto rimane un mistero.
A partire dal XII secolo, letterati, cronisti e viaggiatori, italiani e stranieri, come Petrarca, Boccaccio e Cino da Pistoia, cominciarono a testimoniare in testi scritti l’esistenza del sepolcro, associandovi anche leggende che alimentano ancora oggi controversie e dubbi. La tradizione popolare partenopea, invece, non ha alcun dubbio sull’autenticità della tomba: è di Virgilio che è considerato alla stregua di un protettore divino della città e magico creatore della Crypta. Tuttavia il Poeta non riposerebbe qui: all’epoca della conquista normanna, infatti, i suoi resti sarebbero stati traferiti in un luogo recondito di Castel dell’Ovo e ivi murati al fine di evitare che una tanto preziosa reliquia fosse rubata alla città lasciandola, di conseguenza, senza protezione celeste. All’interno, sono tuttora visibili due nicchie affrescate, una con una raffigurazione di Madonna con Bambino risalente al XIV secolo, l’altra con un volto dell’Onnipotente di incerta datazione. Inoltre, viene menzionata una cappella di piccole dimensioni, intitolata a Santa Maria dell’Idria, realizzata da un eremita. È stato rinvenuto un bassorilievo in marmo bianco con la figura di Mitra, datato tra la fine del III e l’inizio del IV secolo d.C., ora conservato nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Queste testimonianze alimentano una superstizione popolare che vede la grotta come luogo misterioso e magico e anche il solo attraversarla indenni rappresenterebbe un miracolo.

Orari

Lunedì
08:45 am-02:45 pm
Martedì
Chiuso
Mercoledì - Domenica
08:45 am-02:45 pm
Parco Vergiliano a Piedigrotta
Salita della Grotta, 20, 80122 Napoli NA, Italia
Chiama +39081669390 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Enogastronomia
In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

Città d'arte
Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Enogastronomia
lo street food a napoli hero

Lo street food a Napoli è la quintessenza delle meraviglie per il palato

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Isole
I sentieri di Ischia

I sentieri di Ischia

Natura
I paesaggi della Campania

I paesaggi della Campania

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

UNESCO
Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Città d'arte
Procida, la cultura non isola

Procida, la cultura non isola

Arte e cultura
Sesta Tappa del Giro d’Italia 2023: Napoli

Sesta Tappa del Giro d’Italia 2023: Napoli

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.