Salta il menu

Archivio di Stato di Napoli

Panoramica

L’Archivio di Stato di Napoli vide la luce come "Archivio Generale del Regno", con un regio decreto emesso il 22 dicembre 1808, al fine di raccogliere in un unico luogo gli archivi delle istituzioni esistenti fino all’arrivo di Giuseppe Bonaparte a Napoli nel 1806. Tale intenzione portò alla concentrazione degli archivi della Regia Camera della Sommaria, con i volumi concernenti i catasti "onciari" di tutti i comuni del regno, nonché dei documenti appartenenti a Cancelleria, Segreterie di Stato dell’epoca vicereale, Consiglio Collaterale, Real Camera di S. Chiara, Cappellano Maggiore e Sacro Regio Consiglio, Gran Corte della Vicaria e di molti altri organismi statali. Con la restaurazione borbonica del 1815, l’Archivio cambiò il nome in "Grande Archivio del Regno" e si stabilì che anche le carte delle istituzioni attive, non solo di quelle non più esistenti, dovessero essere periodicamente aggiunte. A partire dal 1860, l’archivio conobbe un imponente incremento del proprio patrimonio documentario, grazie all’acquisizione degli atti dei ministeri del Regno di Napoli, della Consulta di Stato, della Gran Corte dei Conti e di altre istituzioni centrali. Il primo direttore, Francesco Trinchera, contò sulla preziosa opera di Michele Baffi per la realizzazione della Relazione degli archivi napoletani (1872) prima e ancora utilissima guida sistematica alle fonti dell’Archivio di Stato di Napoli. Gli succedettero alla direzione importanti studiosi come Camillo Minieri Riccio (1874-1882) e soprattutto Bartolomeo Capasso (1882-1900) e Eugenio Casanova (1907-1915), autore di un famoso manuale di archivistica e di un ampio resoconto sull’Archivio di Stato di Napoli nel decennio 1899-1909, pubblicato nel 1910. Sotto la direzione di Riccardo Filangieri di Candida (1934-1956), fu avviata l’acquisizione degli archivi privati, ma sfortunatamente si trattò del periodo più triste per la storia del nostro paese e dei suoi archivi; l’Archivio di Stato di Napoli risentì delle vicende belliche in modo più grave di ogni altro istituto archivistico italiano, in quanto una rilevantissima quantità di scritture antiche e di valore, portate in un deposito vicino a Nola per preservarle dai bombardamenti, nel settembre del 1943 furono distrutte da un reparto tedesco in ritirata. Nel corso del Novecento, l’Archivio, a seguito della perdita del carattere di archivio di una capitale, divenne depositario di documenti provenienti da organismi provinciali e locali, come Prefettura, Questura, Ufficio distrettuale delle imposte dirette e Catasto provvisorio di Napoli. L’attuale sede dell’Archivio di Stato di Napoli, il Monastero dei Santi Severino e Sossio, ospita la zona museale dell’Istituto che include la Sala di studio principale, la Sala inventari e la Sala accoglienza: è un luogo di convivenza tra diverse epoche, stili e funzioni. Qui si trovano i quattro chiostri, la Sala del capitolo affrescata da Belisario Corenzio agli inizi del XVII secolo, il grande Refettorio e altro ancora. La visita dell’Archivio di Stato di Napoli, si limita oggi al primo piano, ma quella “virtuale” consente di curiosare nella sua "zona segreta", occupata attualmente dagli uffici e dai depositi di documenti, dove si trovano bellezze artistiche e archivistiche di una certa importanza. Al terzo piano, ad esempio, è conservato il reperto più prezioso, la Carta lapidaria, mentre al quarto si trovano le monumentali sale per la conservazione dei documenti, alcune realizzate nella prima metà dell’Ottocento, importanti sia per il patrimonio conservato sia per le varie soluzioni di allestimento d’archivio.

Orari

Lunedì - Venerdì
08:00 am-06:30 pm
Sabato
08:00 am-02:00 pm
Domenica
Chiuso
Archivio di Stato di Napoli
Piazzetta del, Via del Grande Archivio, 5, 80138 Napoli NA, Italia
Chiama +390815638111 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Enogastronomia
In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

Città d'arte
Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Enogastronomia
lo street food a napoli hero

Lo street food a Napoli è la quintessenza delle meraviglie per il palato

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Arte e cultura
Sesta Tappa del Giro d’Italia 2023: Napoli

Sesta Tappa del Giro d’Italia 2023: Napoli

Enogastronomia
napoli-pizza-una-lunga-storia-d-amore

Napoli e la pizza, una lunga storia d’amore

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Isole
I sentieri di Ischia

I sentieri di Ischia

Relax e benessere
Terme Ischia

Ischia: i parchi termali

Natura
I paesaggi della Campania

I paesaggi della Campania

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.