Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Cicloturismo

Piemonte

Un percorso e mille mondi diversi. La meraviglia di attraversare il Piemonte in bicicletta

Ci sono dame e cavalieri, mondine e vignaioli, statisti e monarchi: una comunità trasversale allo scorrere del tempo e alle classi sociali, che non è racchiusa in un libro fantasy, ma disseminata lungo l’itinerario di cui parliamo in questo articolo.

02 novembre 2022

4 minuti

S’ispira al GranPiemonte 2022, la Classica del ciclismo d’autunno che parte da Omegna, sulla punta Nord del Lago d’Orta, in provincia di Verbano-Cusio-Ossola, e si conclude alle porte di Torino. Bisogna solo immaginarli questi personaggi, e non è difficile quando si pedala in un territorio così straordinario da sembrare un piccolo mondo in miniatura, fatto di montagne aspre e pianure infinite, risaie e vigneti, castelli, tenute di caccia e residenze nobiliari. Basta rallentare il passo, guardarsi intorno, lasciarsi ispirare. Del resto, il tracciato è prevalentemente pianeggiante, per la gioia di chi ama sentire il vento sulla pelle, ma anche di chi preferisce conservare un po’ di energie per un pit stop culturale. Fate solo attenzione ai chilometri, che sono davvero tanti: 198. Il consiglio è di spezzare il percorso in due tappe, concedendovi una notte di riposo, e lasciare ai professionisti l’impresa di percorrerlo in un solo giorno. E allora, come si dice in dialetto piemontese, andùma!

monumenti al tramonto torino

Il tracciato prende il via in leggera salita da Omegna e subito infila la direzione più bella, quella del lungolago di Orta. Lo specchio d’acqua più romantico d’Italia, che si allunga dal Monte Mottarone alla pianura di Novara, è punteggiato di borghi pittoreschi, alcuni sulle sue sponde, altri arroccati sulla prima collina, da dove il panorama è impareggiabile.  

Nonio, il primo paese che s’incontra, è uno di questi. A renderlo speciale sono le cave di Serpentino, un minerale grigio-verde, e il fenomeno dei due tramonti: in alcuni giorni dell’anno il sole scompare dietro il monte Castello, che sovrasta il borgo, e ricompare qualche minuto dopo, per poi calare definitivamente. Neanche il tempo di ripartire, e nel giro di pochi chilometri vi aspetta un altro gioiello: Pella, il paesino che vanta una delle balconate panoramiche più belle d’Italia. Parliamo del Santuario della Madonna del Sasso, da cui si abbraccia con lo sguardo tutto il Lago d’Orta, compresa l’isoletta di San Giulio. Una sosta qui è il giusto arrivederci al lago, prima di un cambio di scenario. 

Chiesa

L’itinerario sale infatti verso il colle della Cremosina, a quota 560 metri, oltre il quale si apre la Valsesia, incastonata tra montagne aspre e autentiche. A Borgosesia, un centro di produzione della lana con una storia millenaria, una di queste, dal profilo solitario e possente, catturerà il vostro sguardo: è il Monte Fenera, da cui prende il nome del Parco Naturale in cui si snodano i prossimi chilometri. Sembra un luogo remoto, quasi allergico alla vita, ma non è così. Circa 300mila anni fa sulle sue pendici boscose viveva l’uomo di Neanderthal, come testimoniano alcune grotte, mentre oggi questo habitat vanta una fauna rarissima. La cicogna nera, il picchio muraiolo e il falco pellegrino qui sono di casa.

isola san giulio

La magia della bici? Una ventina di chilometri attraverso risaie e vigneti vi fanno compiere un salto nel tempo, dalla preistoria al Rinascimento. Ve ne accorgerete osservando Rovasenda e la sua torre-simbolo, costruita nel 1461 e alta ben 48 metri. E ancora di più arrivando a Buronzo, famoso per il suo Consortile, e cioè sette castelli in uno. Il maniero, infatti, apparteneva ai Signori di Buronzo, una famiglia che nel 14esimo secolo si divise in 7 rami: ognuno occupava una porzione distinta della fortezza, mentre le parti comuni (come fossati e muri di cinta) venivano gestite insieme. Nei secoli crebbe così un borgo fortificato che occupa 10mila metri quadri e merita una visita. 

villa con alberi

La pianura, e con essa la pedalata facile, s’interrompe di fronte alla collina di Superga, che si scala dal versante del Pilonetto: il dislivello non è pazzesco, ma le pendenze, soprattutto all’altezza di Rivodora, superano il 10 per cento. In cima, ci sono almeno due motivi per fermarvi: la splendida Basilica barocca costruita su disegno di Filippo Juvarra e dedicata alla Madonna delle Grazie e la lapide in memoria del Grande Torino, la squadra di calcio scomparsa nell’incidente aereo del 4 maggio del 1949. 

Basilica di Superga

La discesa dal colle vi porta dritti a un altro luogo caro agli amanti della storia: Santena, la città natale di Camillo Benso Conte di Cavour. A lui è dedicato il Polo Cavouriano, con la villa Settecentesca di famiglia e la tomba dello statista artefice dell’unità d’Italia, dichiarata monumento nazionale nel 1911. È un luogo ricco di fascino, che rende difficile l’arrivederci. Consolatevi sapendo che uno altrettanto interessante vi aspetta a poche pedalate di distanza. Si tratta della Palazzina di Caccia di Stupinigi, uno dei gioielli monumentali di Torino, costruita a partire dal 1729 per l’attività venatoria dei Savoia. Appartiene alle Residenze Reali Sabaude del Piemonte, patrimonio mondiale Unesco, ed è l’ultima sosta consigliata lungo questo itinerario con arrivo a Beinasco, alle porte di Torino.

A cura della redazione di RCS Sport

Ti potrebbe interessare

Cicloturismo

Pedalare nel cuore antico del Piemonte

Cicloturismo
1600X1000_sterrati_strade_bianche_cardina_1.jpg

Tra borghi medievali e colline incantate: in bici lungo gli sterrati della Strade Bianche

Cicloturismo
114312304

In sella lungo la Riviera delle Palme

Cicloturismo
623559818

In sella dall’Umbria alle Marche

Cicloturismo
1323302795

In bicicletta tra le colline marchigiane

Cicloturismo
522814757

In bici verso l’Umbria

Cicloturismo
531422743

In bici da Milano a Sanremo

Cicloturismo
542683007

Da Realmonte a Piazza Armerina. In sella dal mare a un entroterra ricchissimo di arte e storia

Cicloturismo
1125981609

Da Milazzo a Bagheria: in bici lungo la costa settentrionale della Sicilia

Cicloturismo
1310777932

Pedalare da Palma di Montechiaro a Caltanissetta

Cicloturismo
1362182416

Pedalare nelle Marche: un itinerario dall’Appennino alla costa

Cicloturismo
1279305212

In sella lungo la Versilia: Camaiore, Pietrasanta, Forte dei Marmi e dintorni

Cicloturismo
1283368449

In bicicletta nella terra degli Etruschi: da Camaiore alla Val di Merse, con tappa a Volterra

Cicloturismo
1387605316

Girotondo dell’Etna su due ruote

Cicloturismo
tramonti lombardia bicicletta

Tramonti infiammati, castelli e gole scavate nella roccia. Un dipinto? No, la Lombardia da girare in bicicletta

Magazine

In bici in Piemonte tra paesaggi vitivinicoli e strade del gusto

Magazine

Isole fiorite e borghi medievali, in bici sul Lago Maggiore piemontese

Sport

Torino a pedali, alla lenta scoperta di una città di charme

Magazine

Bike Park, emozioni forti su due ruote immersi nella natura