Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Magazine

Lombardia

Treno storico Sebino Express

Viaggiare a bordo di antiche carrozze trainate da una vecchia locomotiva a vapore in direzione Lago di Iseo è un’esperienza divertente da vivere in famiglia, in coppia o con gli amici.

28 luglio 2022

3 minuti

Viaggiare a bordo del treno storico Sebino Express è una occasione per ripercorrere a ritroso la storia dei primi viaggi in treno. Ammira i paesaggi verdi del Fiume Oglio e le vaste colline della Val Camonica, scopri le acque blu del Lago d’Iseo e la bellezza di Paratico e Sarnico. 

Centoporte e Corbellini sono le carrozze in stile anni 30’ e 50’ che compongono il treno storico Sebino Express in partenza dalla stazione Milano Centrale direzione Lago d’Iseo. L’esperienza del viaggio è come quella di un tempo, con sedili in velluto per la prima classe, reti sopraelevate per il deposito bagagli, tradizionali panche in legno per chi viaggia low budget e un vagone ristorante con piccoli tavoli  illuminati da antichi lampadari. La corsa, con brevi soste intermedie a Bergamo e Palazzolo sull’Oglio, termina è a Paratico-Sarnico davanti la meraviglia del Lago di Iseo

Vista Panoramica sul Fiume Oglio che attraversa il territorio pianeggiante.

La tratta ferroviaria, realizzata tra il 1874 e il 1876, attraversa il Parco Regionale del fiume Oglio Nord toccando la Valcamonica fino a raggiungere le sponde del lago. Il viaggio scorre tra ampie pianure e scorci sulla natura che circonda il fiume, fino ai borghi di Paratico e Sarnico uniti da un breve ponte quasi da sembrare un solo paesino sul lago.

A Paratico merita una visita la Torre Lantieri che ospita la Quadrisfera, installazione innovativa (di cui esistono solo altri tre esempi in Italia) pensata per coinvolgere il pubblico in un’esperienza totalizzante di immagini, suoni ed emozioni. Il paese si trova nel territorio della Franciacorta e da qui inizia l’omonima Strada del Vino: ottima occasione per degustazioni nelle enoteche locali. L’ultimo tratto della ferrovia è stato trasformato in un giardino per una passeggiata lungolago.

Sempre sul lungolago, situata nel Parco Comunale Segafieni si trova ​​la Palazzina dell’Oselanda, in stile neogotico, oggi sede di diverse mostre d’arte. Nel parco inoltre si può ammirare l’esposizione permanente di sculture di pietra disposte lungo il Viale dei Volti.

Per chi pratica sport all’aria aperta è possibile percorrere una parte dell’ itinerario cicloturistico che da Paratico porta a Brescia, oppure decidere di fare wakeboard, sci nautico o canoa sulle acque del lago.

Sarnico è conosciuta per le Ville Liberty dei primi del 900’ che si trovano in prossimità delle sponde del lago. Il centro storico è noto con il nome di Contrada e conserva tuttora una struttura medioevale a semicerchio con il dorso rivolto verso il monte, secondo la disposizione dell'antica cinta muraria. Nei vicoli della Contrada si trova la Pinacoteca Gianni Bellini che ospita  una preziosa collezione di opere d’arte dal 500’ al 700’. Da visitare anche la Chiesa di San Martino Vescovo.

Indicazioni sul sentiero per raggiungere la cima del Monte Bronzone

Per chi è in cerca di un’esperienza attiva a contatto con la natura è possibile percorrere i sentieri della Valle di Adrara attraversata dal torrente Guerna oppure esplorare percorsi più impegnativi e panoramici che portano al Corno Buco a 966 mt di altitudine e sulla cima del Monte Bronzone a 1334 mt. 

La sosta lunga nelle destinazioni di arrivo a Paratico-Sarnico dura circa 6 ore e riparte nel tardo pomeriggio, avrai tutto il tempo per programmare la giornata con le tue attività preferite. Prima di lasciare Paratico, soffermati sul lungolago Chiatte, nel Parco delle Erbe Danzanti dove potrai ammirare una testimonianza di archeologia industriale negli antichi pontili di attracco delle chiatte. Infatti, dai paesi a nord del lago, giungevano qui vagoni carichi di merce, per essere poi trasferiti sulla linea ferroviaria Paratico-Palazzolo, proprio quella linea che stai percorrendo con il Sebino Express. Nella pavimentazione lungo il giardino, sono ancora visibili le vecchie rotaie che ti guideranno in stazione sulla via del rientro in città.