Salta il menu

MArTa - Museo Archeologico Nazionale

Panoramica

Nella classifica dei siti culturali più importanti di Italia, si trova il Museo Archeologico Nazionale di Taranto. È stato aperto nel 1887, subito dopo che la zona Est del Canale Navigabile di Taranto venne urbanizzata, grazie anche alla realizzazione del Borgo Umbertino. Se da un lato il ripopolamento creò un vantaggio, dall’altro, lo svantaggio più grande fu la dispersione di oggetti archeologici di valore risalenti all’età romana e greca.

Per preservare ciò che restava degli oggetti antichi rinvenuti, presso la città di Taranto arrivò l’archeologo Luigi Viola, che dopo aver ottenuto l’approvazione per costruire il museo presso il vecchio convento dei Frati Alcantarini, non perse tempo ad ingrandirlo (già nel XVIII secolo), e riadattarlo in diversi modi.

I lavori che sono stati effettuati sono di diverso tipo, a partire dal 1903 quando l’architetto Guglielmo Calderini ordinò di ricostruire la facciata, oppure tra il 1935 e l’anno 1941, l’architetto Carlo Ceschi decide di ristrutturare l’ala settentrionale.

Soltanto diversi anni dopo, nel 1998, il Museo Archeologico Nazionale di Taranto – MarTa, è stato ristrutturare del tutto, riuscendo ad inaugurarlo soltanto 18 anni dopo, nel 2016. Dopo tanti anni di duro lavoro, il Museo oggigiorno dà la possibilità di mostrare la storia della città pugliese, Taranto, raccontando quello che un tempo era il territorio durante la Preistoria fino ad arrivare all’Alto Medioevo.

La disposizione del sito culturale è suddivisa a piani, il primo comprende i reperti protostorici e preistorici, per poi continuare con l’età greca, romana, tardoantica e l’Alto Medioevo. Dato che i piani sono disposti diacronicamente, il percorso si comincerebbe dal secondo piano, dove è possibile assistere alle fasi più antiche della storia.

Al piano mezzanino, si continua la visita al Museo Archeologico Nazionale di Taranto, dove vi sono le raccolte di quadri e oggetti risalenti alla vita che si conduceva un tempo nella città pugliese. Le opere in questo piano, vennero mischiate per volere del vescovo di Nardò, Monsignor Giuseppe Ricciardi, con le raccolte del Regio Museo di Taranto.

18 Quadri, tutti di natura religiosa, tra cui uno, che raffigura l’Addolorata mentre piange su una lastra di zinco. Ogni opera è dipinta ad olio su tela, e risale al periodo tra il XVII e XVII secolo. Gli altri quadri sono in onere di riconoscimento all’istituto scolastico di Andrea Vaccaro, Luca Giordano e Francesco de Mura, tutti di produzione napoletana.

Tra i quadri più nuovi, troviamo la Deposizione e l’Addolorata tra Barbara e i Santi Nicola, tutti riferiti Leonardo Antonio Olivieri (di Martina Franca), un vecchio artista pugliese.

Il Museo Archeologico Nazionale di Taranto è accessibile a tutti, anche soggetti con disabilità. Al piano terra del sito culturale è una sala didattica, che arricchisce l’esperienza con la nuova tecnologia. Un’idea innovativa per semplificare le spiegazioni a bambini, scuole ed anche adulti. Il sito, dispone anche di un chiostro, in cui si svolgono attività didattiche ed eventi.

Orari

Lunedì
08:30 am-05:30 pm
Martedì - Sabato
08:30 am-07:00 pm
Domenica
08:30 am-12:30 pm
03:30 pm-07:00 pm
MArTa - Museo Archeologico Nazionale
Via Cavour, 10, 74123 Taranto TA, Italia
Chiama +390994532112 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Enogastronomia
Olio d'oliva

Olio: l’oro verde della Puglia

Arte e cultura
Immergersi nelle meraviglie della Puglia con il digitale

Immergersi nelle meraviglie della Puglia con il digitale

UNESCO
627087300

Alberobello, la capitale dei Trulli che ti farà vivere una favola

Spiritualità
Padre Pio

Il Santuario di Padre Pio

Cicloturismo
Ostuni, Puglia

La Puglia in bici in mezzo a trulli, ulivi e borghi gioiello

Meta turistica
Puglia, autentica meraviglia anche in autunno

Puglia, autentica meraviglia anche in autunno

Città d'arte
Bari

Alla scoperta di Bari, incontro inaspettato tra Oriente e Occidente

Tour e esperienze
puglia fuori rotta

Puglia Fuori Rotta, 5 tappe insolite per un itinerario sorprendente

UNESCO
Castel del Monte, la fortezza dei misteri di Andria

Castel del Monte, la fortezza dei misteri di Andria

Natura
Leuca

Santa Maria di Leuca

Arte e cultura
32 location per 18 mostre: PhEST Monopoli incanta con la fotografia del futuro

32 location per 18 mostre: PhEST Monopoli incanta con la fotografia del futuro

Arte e cultura
TRICASE | Puglia

Puglia, cuore del Mediterraneo, culla di civiltà antiche e bagnata da un mare spettacolare

Spiritualità
Puglia, sulla via Francigena tra castelli e basiliche

Puglia, sulla via Francigena tra castelli e basiliche

Business
brindisi hub mondiale per i nomadi digitali

Brindisi è l’hub mondiale per i nomadi digitali in Italia

Tour e esperienze
lecce tour in bici corsi di cucina

L’anima più vera di Lecce tra tour in bici, corsi di cucina e pranzi in casa

Divertimento
Gallipoli, la perla del Mar Ionio

Gallipoli, la perla del Mar Ionio

Divertimento
Aquapark Egnazia - Puglia- Photo by yu_tsai /shutterstock.com

Aquapark Egnazia Puglia, per una giornata di pura adrenalina in Puglia

Enogastronomia
storia del capocollo

La regione Puglia attraverso la pizza di Gino Sorbillo

Isole
Le isole Tremiti si visitano anche in inverno, tra pesca e giri in kayak

Le isole Tremiti si visitano anche in inverno, tra pesca e giri in kayak

Mare
464451044

L’incanto cristallino nella Baia delle Zagare sul Gargano

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.