Salta il menu
Spiritualità
Puglia

Il Santuario di Padre Pio

La città in cui visse e operò Padre Pio da Pietrelcina gli rende omaggio con lo splendido Santuario progettato da Renzo Piano. Nata nell’XI secolo sulla strada dei pellegrini diretti alla grotta dell’Arcangelo Michele, San Giovanni Rotondo, in Puglia, è conosciuta oggi in tutto il mondo come città in cui visse e operò Padre Pio da Pietrelcina, venerato frate dei miracoli diventato Santo nel 2002.

2 minuti

Fu proprio padre Pio a fondare un Santuario adiacente all’antica chiesa conventuale di Santa Maria delle Grazie, accanto a cui sorge oggi un secondo grande Santuario, inaugurato il 1° luglio 2004 e progettato dal noto architetto Renzo Piano. Costruito originariamente nel 1540, il convento dei Cappuccini è il luogo in cui il Santo visse, ininterrottamente, dal 4 settembre 1916 fino al 23 settembre 1968, data della sua morte.

Fu qui che Padre Pio ricevette le stimmate, nel 1918, e sempre qui si verificarono tutti quegli eventi soprannaturali che portarono alla beatificazione e alla successiva canonizzazione del frate. Visitare questo convento e affacciarsi alle celle dove Padre Pio condusse la sua esistenza significa fare un salto in luoghi carichi di spiritualità e misticismo: una meta obbligata per devoti e turisti.

Accanto al convento sorge la chiesa di Santa Maria delle Grazie, originariamente dedicata a Santa Maria degli Angeli, consacrata nel 1629. Inaugurato nel 1959 per volere e ostinazione di Padre Pio, il Santuario vecchio ha raccolto, fino alla realizzazione del nuovo Santuario, le migliaia di fedeli e pellegrini che invadono ogni anno la cittadina pugliese per visitare i luoghi dove il Santo visse la sua fede.

La cripta della Chiesa ospitava, fino a pochi anni fa, anche la tomba di Padre Pio, che oggi è stata spostata nella cripta del nuovo complesso adiacente. Sempre nel complesso di Santa Maria delle Grazie, il nuovo Santuario concepito da Renzo Piano occupa, con la sua enorme struttura a conchiglia, circa 6000 metri quadri e rappresenta la seconda chiesa d’Italia per estensione, dopo il Duomo di Milano. Inaugurato a dieci anni dall’inizio dei lavori e conosciuto anche come “la chiesa di Padre Pio”, il Nuovo Santuario è stato finanziato quasi interamente dalle offerte dei pellegrini e può accogliere oltre 6500 fedeli.

Secondo il volere di padre Pio la chiesa, le cui mura sono costruite in pietra di Apricena, doveva essere un luogo di accoglienza per i fedeli: l’enorme sagrato esterno, infatti, ha la particolarità di continuare all’interno, nell’area liturgica, con lo stesso tipo di pavimentazione, proprio per indicare la continuità fra l’esterno e l’interno.

Questa scelta è evidente anche nella scelta di separare i due ambienti con una vetrata, decorata con una scena dell’apocalisse. Nella parte sotterranea del complesso è stata realizzata una chiesa inferiore, così come accade per la Basilica di San Francesco d’Assisi, che ospita le spoglie del Santo. La copertura, di rame preossidato, conferisce un caratteristico colore verde alla struttura. Questa profonda commistione di elementi storici, religiosi e architettonici rendono i Santuari di Padre Pio una meta di indubbio interesse sia per i fedeli che per coloro non lo sono.

Ti potrebbe interessare

Arte e cultura
Immergersi nelle meraviglie della Puglia con il digitale

Immergersi nelle meraviglie della Puglia con il digitale

Isole
Le isole Tremiti si visitano anche in inverno, tra pesca e giri in kayak

Le isole Tremiti si visitano anche in inverno, tra pesca e giri in kayak

Città d'arte
Bari

Alla scoperta di Bari, incontro inaspettato tra Oriente e Occidente

UNESCO
627087300

Alberobello, la capitale dei Trulli che ti farà vivere una favola

UNESCO
Castel del Monte, la fortezza dei misteri di Andria

Castel del Monte, la fortezza dei misteri di Andria

Arte e cultura
TRICASE | Puglia

Puglia, cuore del Mediterraneo, culla di civiltà antiche e bagnata da un mare spettacolare

Tour e esperienze
puglia fuori rotta

Puglia Fuori Rotta, 5 tappe insolite per un itinerario sorprendente

Enogastronomia
storia del capocollo

La regione Puglia attraverso la pizza di Gino Sorbillo

Enogastronomia
Puglia, tutti i colori di una cucina da primato

Puglia, tutti i colori di una cucina da primato

Cicloturismo
Ostuni, Puglia

La Puglia in bici in mezzo a trulli, ulivi e borghi gioiello

Mare
Spiaggia della Scialara

La Spiaggia della Scialara, regina della costa garganica

Città d'arte
Basilica di santa croce

Lecce: la splendida città baciata dal sole tra le bianche pietre

Città d'arte
184988187

Cosa vedere a Lecce in due giorni

Natura
Leuca

Santa Maria di Leuca

Mare
464451044

L’incanto cristallino nella Baia delle Zagare sul Gargano

Natura
Le coste della Puglia: i mille volti di un mare che fa innamorare

Le coste della Puglia: i mille volti di un mare che fa innamorare

Arte e cultura
32 location per 18 mostre: PhEST Monopoli incanta con la fotografia del futuro

32 location per 18 mostre: PhEST Monopoli incanta con la fotografia del futuro

Business
brindisi hub mondiale per i nomadi digitali

Brindisi è l’hub mondiale per i nomadi digitali in Italia

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.