Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Arte & Cultura

Puglia

Alberobello, la capitale dei Trulli che ti farà vivere una favola

Alberobello è un luogo da favola, una piccola gemma di terra incastonata nella Valle d'Itria tra le province pugliesi di Bari, Brindisi e Taranto

La capitale dei trulli, straordinarie testimonianze di edilizia in pietra a secco a lastre dal tetto a forma conica o piramidale, vi incanterà con una distesa di oltre 1.500 trulli che dal 1996 sono entrati di diritto nella World Heritage List dell’UNESCO.

L'intera Valle d’Itria si caratterizza proprio per la presenza di queste pittoresche costruzioni che affondano le proprie radici nell'era preistorica, ma è proprio ad Alberobello che si trova la massima concentrazione di esemplari meglio conservati.

Il clima mediterraneo, l'eccellente offerta ricettiva e un’armonia architettonica senza eguali rendono questa cittadina la meta ideale per i visitatori alla ricerca di un'atmosfera che non è stata intaccata dal passare del tempo. Vi è venuta voglia di partire alla scoperta di queste meraviglie? 

1. Storia e curiosità su Alberobello

Trulli di Alberobello, Puglia

La storia di Alberobello non è così antica come si potrebbe pensare. La cittadina così come possiamo ammirarla oggi nacque sul finire del XIV secolo per volontà dei Conti di Conversano, proprietari terrieri che affidarono la gestione del territorio ad alcuni contadini. La legge del Regno di Napoli prevedeva il pagamento di un tributo per ogni nuovo villaggio edificato e, secondo alcuni studi, i trulli sono il risultato di uno stratagemma architettato per non pagare quelle tasse.

L'aspetto di queste costruzioni doveva essere volutamente precario per dare l'idea di edifici facilmente demolibili nel caso di un'ispezione. Dopo un primo insediamento di circa 40 trulli, nel 1620 ci fu una importante espansione. Solo nel 1797 Alberobello fu liberata da ogni richiesta tributaria e dalla servitù feudale dei Conti su decisione Ferdinando IV di Borbone, re di Napoli. Ma la tradizione dei trulli non si è mai interrotta.

2. Cosa vedere ad Alberobello: i 7 luoghi imperdibili

Trulli di Alberobello - Alberobello, Puglia

Le dimensioni contenute del centro storico fanno di Alberobello un centro facilmente visitabile. Tutti i luoghi da non perdere si trovano a brevi distanze e comunque percorribili a piedi, tra suggestive viuzze e scorci da fotografare. Ecco cosa potete visitare ad Alberobello in 7 tappe:

  • Partiamo dal Trullo Sovrano, situato nella parte settentrionale della città: è l’unico trullo a due piani del paese ed è allestito con mobilio originale dei primi del Novecento.
  • Si passa poi a Rione Monti, il quartiere più esteso e famoso di Alberobello con circa 1.000 trulli: qui vi potreste perdere alla ricerca della foto perfetta. Volete un’ispirazione? Andate a vedere i Trulli Siamesi, due coni fusi centralmente che, secondo la leggenda, simboleggiano la storia di amore e odio che travolse due fratelli.

  • È la volta del Rione Aia piccola, il quartiere più piccolo del centro storico di Alberobello. Qui si trovano circa 400 trulli ad uso residenziale. Visitatelo, ma non aspettatevi di trovare negozi o locali.

  • Andate poi alla ricerca di Casa Pezzolla, un complesso di 15 coni comunicanti tra loro che ospita il Museo del Territorio. Potete visitarlo gratuitamente. Imperdibile anche Casa D'Amore, una casa storica del 1797, primo edificio costruito dopo che Alberobello fu liberata da ogni richiesta tributaria dal re di Napoli.

  • Il Belvedere Santa Lucia, infine, è il punto di osservazione più suggestivo della città. Visitatelo al tramonto per scattare foto da sogno.

3. 3 idee su cosa fare ad Alberobello

Malgrado le sue dimensioni contenute, Alberobello è una cittadina che offre tantissime opzioni. Potete passeggiare e perdervi tra i vicoli inseguendo odori e colori. Oppure, seguire 3 preziosi consigli su cosa fare ad Alberobello.

Tanti trulli sono visitabili all'interno, ma solo il Museo del Territorio vi darà un esempio chiaro dell'evoluzione della cultura architettonica di Alberobello. La parte su due piani con facciata alta e stretta sormontata da timpano triangolare rappresenta le costruzioni più recenti. Da lì potete passare alla parte più antica, formata da organismi semplici e di piccole dimensioni, tutto in un unico complesso formato da 15 trulli comunicanti.

Passeggiate tra i negozietti di souvenir e le botteghe di artigianato locale fino a raggiungere la sommità della collina lungo Via Monte San Michele. Vi aspetta la pittoresca chiesa a trullo di Sant'Antonio da Padova, unica al mondo. Fu costruita nell'arco di 14 mesi nel 1927 e profondamente trasformata negli anni 60.

Se volete immergervi nel fascino di Alberobello, la cosa migliore da fare in città è un tour dei trulli, magari aiutati da una guida che vi svelerà segreti impossibili da scoprire in altro modo. Se preferite girare in autonomia potrete contare sulla gentilezza dei commercianti, sempre disponibili a farvi ammirare queste insolite costruzioni dall'interno.

4. Cosa mangiare ad Alberobello: 4 specialità

Trulli di Alberobello, Puglia

Passeggiare nel centro storico di Alberobello regala enormi soddisfazioni. Se all'ora di pranzo vi volete concedere una pausa e regalarvi una food experience che non dimenticherete, dovete scegliere con cura le cose da mangiare ad Alberobello:

  • noi vi suggeriamo di cominciare con le deliziose orecchiette pugliesi condite con cime di rapa e alici salate.
  • Proseguite il pasto con il secondo piatto più famoso della Valle d'Itria: le bombette di carne, piccoli involtini di maiale ripieni di formaggio e aromi.
  • Da assaggiare anche le pettole, sfiziose palline di pasta lievitata fritte in olio bollente. Tipici delle festività natalizie, possono essere consumate anche mentre si passeggia.
  • Concludete con la frutta, provando le barattiere, frutti estivi dalla polpa croccante che danno un'immediata freschezza al palato.