Salta il menu

Sant'Antonio di Ranverso

Panoramica

Il complesso monastico di Sant’Antonio di Ranverso, situato sulla tratta della Via Francigena tra Rivoli e Avigliana, all’ingresso della Val di Susa, è considerato uno dei più importanti esempi architettonici del gotico internazionale. Immerso in un ambiente naturale ancora intatto, il complesso presenta la sua struttura originale, comprendendo, oltre alla chiesa, anche il monastero (conservando anche il chiostro) e l’ospedale (con la notevole facciata provvista di ghimberga e pinnacoli). I monaci Antoniani, inoltre, fornivano in questo luogo assistenza in quello che era noto come il "fuoco di Sant’Antonio" (o ignis sacris) e gestivano un articolato sistema di cascine. Nel XIII e XIV secolo l’Abbazia subì numerose modifiche e alla fine del 1400 si arricchì sugli archi di ingresso e sulla facciata dell’Ospedale delle pregevoli decorazioni in terracotta sagomata con motivi floreali e frutti di vario tipo. Inoltre, degne di nota sono le eccellenti pitture murali di Giacomo Jaquerio, che hanno ornato l’interno della Chiesa, e il polittico di Defendente Ferrari, eseguito nel 1531 su commissione della Comunità di Moncalieri e posto sopra l’altare maggiore. Gli Antoniani posero fine alla loro attività all’Abbazia nel 1776, quando l’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro ne acquisirono la proprietà e tutti terreni che la circondavano. Da allora, il complesso è rimasto di proprietà della Fondazione Ordine Mauriziano.

Sant'Antonio di Ranverso
10090 Sant'Antonio di Ranverso TO, Italia

Ti potrebbe interessare

Teatro
Teatro Regio - Torino, Piemonte

Il Teatro Regio di Torino: tesoro sabaudo dal design d’avanguardia

UNESCO
Torino e le sontuose residenze dei Savoia

Torino e le sontuose residenze dei Savoia

Cicloturismo
Torino a pedali, alla lenta scoperta di una città di charme

Torino a pedali, alla lenta scoperta di una città di charme

Arte e cultura
Reggia di Venaria Reale - Venaria Reale, Piemonte. Photo by: Dario Fusaro

Arte e natura nel giardino sabaudo: la Venaria Reale

Arte e cultura
Mole Antonelliana - Torino, Piemonte

Piemonte, la regione che non annoia mai tra natura e storia

Arte e cultura
torino sostenibilita

Torino trasforma la sostenibilità in arte

UNESCO
Ivrea, la città Industriale con l'attenzione al benessere cittadino

Ivrea, la città Industriale con l'attenzione al benessere cittadino

Città d'arte
Cosa vedere a Torino in due giorni

Cosa vedere a Torino in due giorni

Enogastronomia
storia delle nocciole

La regione Piemonte attraverso la pizza di Roberto Caporuscio

Montagna
La Val di Susa e i suoi paesi

La Val di Susa e i suoi paesi

Cicloturismo
Val di Susa - Piemonte

Piemonte su due ruote: il Bike Park di Sauze d’Oulx

Natura
I vigneti terrazzati di Carema: paesaggio unico e un vino imperdibile

I vigneti terrazzati di Carema: paesaggio unico e un vino imperdibile

Cicloturismo
Palazzina di Caccia di Stupinigi

Un percorso e mille mondi diversi. La meraviglia di attraversare il Piemonte in bicicletta

Montagna
Sulle Alpi Torinesi: Vialattea e Bardonecchia

Sulle Alpi Torinesi: Vialattea e Bardonecchia

Montagna
Montagne innevate vicino Torino

In montagna vicino a Torino: ecco dove andare

Divertimento
Bioparco Zoom: un'esperienza immersiva tra gli animali di Africa e Asia

Bioparco Zoom: un'esperienza immersiva tra gli animali di Africa e Asia

Cammini
Sentiero CAI Piemonte: Settimo Vittone – Montalto Dora

Sentiero CAI Piemonte: Settimo Vittone – Montalto Dora

Cicloturismo
Pedalare nel cuore antico del Piemonte

Pedalare nel cuore antico del Piemonte

Tour e esperienze
671925914

Piemonte, in cammino tra sacralità e natura

Enogastronomia
Cioccolato

Torino e la tradizione del cioccolato

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.