Salta il menu

Teatro romano di Sessa Aurunca

Panoramica

L’edificio pubblico di età romana più grande scoperto finora in Campania, il Teatro romano di Sessa Aurunca, fu portato alla luce e restaurato tra il 1999 e il 2003. Costruito sotto l’impero di Augusto nel I secolo d.C. e poi ristrutturato e ampliato nel II secolo d.C., sotto Antonino Pio, è una testimonianza tangibile della potenza di Roma in Campania e di Suessa in particolare. La sua muratura, con un’altezza di ben 20 metri, comprende una cavea di 110 metri di diametro, con tre ordini di gradinate in calcare che potevano ospitare fino a 10.000 spettatori.
Un’altra struttura di grande imponenza è quella che sosteneva il velarium, usato per proteggere i presenti dal sole, e il grande edificio scenico, lungo 40 metri e alto in origine 24, dal quale spiccano le 84 colonne suddivise in tre ordini sovrapposti. È un vero museo all’aperto, con decorazioni in marmi preziosi provenienti da varie zone, come le isole greche, Numidia e Egitto. Si possono altresì ammirare numerose iscrizioni dedicatorie e commemorative, oltre a frammenti di sculture che decoravano il teatro e raffiguranti personaggi come Traiano e Adriano, le loro mogli Plotina e Sabina, Livia e Agrippina maggiore. Matidia maggiore, Sabina, Plotina e Matidia minore sono le sculture provenienti dal sacello in summa cavea. Ai lati dell’edificio scenico si sviluppava il porticus pone scaenam, con due aule a pianta basilicale, una affrescata e dotata di ninfeo, l’altra con crypta e collegata alla viabilità extraurbana, presso la quale è posto un sacello con affresco del Genius loci. Vi è addossata una latrina con pavimento tessellato e pareti a rivestimenti marmorei, costruita nel III secolo d.C..
Un’altra struttura importante è il criptoportico, edificio probabilmente a uso pubblico che sorgeva presso il Foro, a poca distanza dal teatro, sulla terrazza a Ovest della città antica. Sembra risalire all’età sillana o tardo sillana e si articola in tre bracci con due navate separate da file di pilastri e coperte da volte a botte. Le pareti conservano un rivestimento in stucco bianco con membrature architettoniche a rilievo, su cui sono incisi interessanti graffiti con nomi di poeti e versi virgiliani.
Nelle vicinanze, nell’area dell’attuale Porta Cappuccini, è stata di recente scoperta una vasta villa residenziale extraurbana, forse appartenuta a Matidia, dotata di pars rustica con torcularium per la produzione vinaria, e pars urbana, con gli ambienti residenziali. Costruita in opus incertum nel II secolo a.C., è stata ristrutturata in epoche successive.
In conclusione, il Teatro romano di Sessa Aurunca è un esempio di grande imponenza ed importanza storica, che offre una varietà di reperti e scoperte notevole.

Orari

Lunedì
Chiuso
Martedì
03:00 pm-06:00 pm
Mercoledì
Chiuso
Giovedì
09:30 am-12:45 pm
Venerdì
Chiuso
Sabato
09:30 am-12:45 pm
03:30 pm-07:30 pm
Domenica
10:00 am-12:45 pm
04:00 pm-07:30 pm
Teatro romano di Sessa Aurunca
SP14, 6, 81037 Sessa Aurunca CE, Italia
Chiama +390823936455 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

Spiritualità
Campania, una via Francigena ricca di storia

Campania, una via Francigena ricca di storia

UNESCO
La Reggia di Caserta, sontuoso trionfo del barocco italiano

La Reggia di Caserta, sontuoso trionfo del barocco italiano

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Enogastronomia
storia del pomodoro san marzano campania

La regione Campania attraverso la pizza di Gino Sorbillo

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Spiritualità
san-cono-piazza-destination

Festa di San Cono

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Montagna
Vista di Napoli e del Vesuvio dall'alto

In montagna partendo da Napoli: ecco dove andare

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Siti storici
Bagni della Regina Giovanna

Ai Bagni della regina Giovanna per un tuffo in un angolo di paradiso

Città d'arte
Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Enogastronomia
napoli-pizza-una-lunga-storia-d-amore

Napoli e la pizza, una lunga storia d’amore

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Isole
I sentieri di Ischia

I sentieri di Ischia

Divertimento
Campania, Cilento in volo: tra cielo, terra e mare

Campania, Cilento in volo: tra cielo, terra e mare

Mare
4 motivi per scegliere la costiera amalfitana d inverno

La Costiera Amalfitana d’inverno: 4 eccellenti motivi per sceglierla

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.