Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Sport

In Trentino, arrampicata con vista sul Lago di Nembia

Salire sulla falesia del Lago di Nembia circondati dal maestoso paesaggio delle Dolomiti del Brenta

18 luglio 2022

Il Trentino offre ai climbers uno spaccato di natura incantata tra il blu cristallino delle acque lacustri e il verde vivido delle oasi protette e dei boschi. Vi arrampicate avvolti dal silenzio, respirate l’aria salubre. Lo scenario che abbraccia la falesia offre a tutta la famiglia momenti di rigenerante relax.

1. Dalla primavera all’autunno ogni momento è buono

La Falesia del Lago di Nembia si trova a 838 metri di altitudine, sulle rive del lago che le dà il nome. Si sale su placche verticali o lievemente a strapiombo, sulla roccia di calcare grigio compatto. Su 20 metri si aprono 10 vie di arrampicata, di difficoltà dal 6b al 7c, che vi portano fino alla cima. Essendo la parete esposta a Est, si consiglia di affrontarla in autunno e primavera, oppure nei pomeriggi d’estate. 

2. Oasi WWF e riserva di pesca

Il Lago di Nembia è un’oasi del WWF, uno dei piccoli gioielli che punteggiano il paesaggio dolomitico trentino. Siamo sull’Altipiano della Paganella, in uno scorcio spettacolare delle Dolomiti del Brenta, inserite dall’UNESCO nella lista dei patrimoni dell’umanità. Il laghetto si estende all’interno del Parco Adamello-Brenta. Se la vostra meta è la salita sulla falesia, non mancate la passeggiata lungolago, su un cammino pianeggiante adatto a chiunque. Il Lago di Nembo è inoltre un’apprezzata riserva di pesca, con accesso a pagamento e modalità no kill: vi stupirete di fronte alla miriade di trote iridee, trote fario e salmerini. Il microclima lacustre consente la pesca tutti i mesi dell’anno: le acque non ghiacciano mai. L’attrezzatura necessaria è noleggiabile sul posto.

3. Un salto nell’antico borgo

A poca distanza dalla falesia del lago di Nembia sorge San Lorenzo Dorsino, comprendente le due frazioni di San Lorenzo in Banale e di Dorsino. Ci troviamo proprio all’imbocco della Val d’Ambiez, in una delle porte di accesso al Parco Naturale Adamello Brenta. Domina la pietra in questo borgo agrario, il materiale da costruzione per eccellenza delle vecchie case contadine con i loro lavatoi, collegate da portici e incoronate da prati verdeggianti. Camminate con calma e godetevi la calma atmosfera d’altri tempi. Oltre che per la posizione panoramica, il luogo è celebre per una sua specialità culinaria, frutto di una sapiente artigianalità contadina. Si tratta della ciuìga, un salume dall’inusuale gusto pungente prodotto con carne suina e rape bianche del Trentino. È un presidio Slow Food e in autunno viene qui celebrato con una sagra enogastronomica. 

4. Sentiero dei giochi e arrampicata per più piccoli

Invitate i bambini a leggere insieme a voi i 14 pannelli illustrativi disposti sul tragitto ad anello intorno al Lago di Nembia, ricchi di curiosità e dettagli sul patrimonio naturalistico dell’area. Quindi conduceteli per mano lungo i vari Sentieri dei Piccoli Camminatori, dove incontrerete la casetta dei 3 porcellini e altri allestimenti ispirati alle fiabe, le passerelle in legno sospese sul lago da cui ammirare pesci, anfibi e insetti, stradine acciottolate che portano ai borghi, tronchi e rocce interessanti: un parco gioco tutto naturale.

Oltre alla falesia del Lago di Nembia, nello stesso comune di San Lorenzo Dorsino una parete è pensata per i più piccoli. Si trova nel Parco degli Scoiattoli e sotto la supervisione di una guida anche i bambini possono provare l’emozione della salita, con imbragatura, corde e moschettoni.

5. Un picnic sotto i larici

Portate con voi il necessario per un picnic. Il posto giusto è il boschetto di larici, sempre nel parco degli Scoiattoli, attrezzato con panchine e tavoli. Forse anche gli abitanti della natura faranno capolino mentre gustate un panino: scoiattolini curiosi e velocissimi nei movimenti.

Per il pranzo, scegliete un ristorante con terrazza vista lago. Al piacere di una polenta accompagnata da un sugoso spezzatino si aggiunge quello del panorama, tra il verde della vegetazione e il blu dell’acqua.

Fate una sosta in uno degli agriturismo fattoria intorno al Lago di Nembia. Privilegiate quelli tradizionali, in rustica pietra e legno odoroso. I bambini si divertiranno ad osservare gli animali di allevamento e il menu sarà di gradimento a tutti, genitori e figli. Gustate all’aperto salumi, formaggi e ortaggi prodotti in loco, ad autentico Km 0. Strudel e dessert alle marmellate fatte in casa sono un ottimo modo per concludere il pasto, accompagnati da succo di sambuco.

 

Per saperne di più
visittrentino.info