Salta il menu
Enogastronomia
Puglia

La regione Puglia attraverso la pizza di Gino Sorbillo

3 minuti

Storia del Capocollo di Martina Franca e altre meraviglie della Puglia a tavola

storia del capocollo

Tra i candidi trulli, le colline e i boschi della Valle d’Itria nasce il Capocollo di Martina Franca, il salume più tipico della Puglia, famoso sin dal XVIII secolo in tutto il Regno di Napoli. Già allora infatti in questa zona, che climaticamente è unica in tutta la regione, si produceva il celebre insaccato: anticamente, infatti, tutti i suini allevati in Salento e a Taranto venivano portati a Martina Franca per essere macellati.

Il clima ventilato, secco e fresco della zona la rende perfetta per la lavorazione dei salumi e qui si è formata nel corso del tempo una manodopera esperta. Oggi il Capocollo di Martina Franca è un Presidio Slow Food e i produttori sono riuniti in un Consorzio che preserva la tradizione norcina e l’unicità del salume. 

Il capocollo, in dialetto chépecùedde, deve il suo nome al taglio impiegato per produrlo: il termine capocollo (o capicollo) nel sud Italia indica la parte del maiale posizionata tra il collo e la colonna vertebrale, chiamata in altre zone del nostro Paese coppa, oppure lonza.
Un prodotto d’eccellenza che si produce anche nei comuni accanto a Martina Franca, Locorotondo e Cisternino, nella cosiddetta Murgia dei Trulli.
Qui, si trovano splendidi boschi di querce, centrali nella produzione del salume: non solo, infatti, i maiali allevati in zona vengono nutriti con le loro ghiande ma la corteccia di questi alberi viene utilizzata nel processo di affumicatura che rende il sapore del capocollo di Martina Franca unico al mondo.

Ogni pezzo ha un peso che varia tra i due e mezzo e i quattro chili, e viene prodotto con una lavorazione rigorosamente artigianale, frutto della maestria dei macellai martinesi. I pezzi di suino, tagliati e sagomati, vengono messi a macerare sotto sale per un periodo che va dai 15 ai 20 giorni, poi vengono lavati con una preparazione a base di vino cotto, ovvero un insieme di mosto cotto, erbe della Murgia e vino. A questo punto i capicolli vengono insaccati in un budello naturale di maiale e lasciati asciugare. Si passa quindi alla fase finale dell’affumicatura, che si realizza bruciando corteccia di quercia e mallo di mandorla, fondamentali per donare al capocollo il suo profumo inconfondibile. Il salume infine dovrà essere stagionato almeno per sei mesi prima di essere pronto per essere gustato, magari insieme alle bombette, polpette di capocollo e salame che sono un’altra specialità di Martina Franca.

 

Oltre al Capocollo di Martina Franca

oltre al capocollo

La Puglia è un viaggio gastronomico capace di stregare e stupire tutti i palati: qui i piatti della tradizione sono un modello per la dieta mediterranea e affondano le loro radici nella cucina povera, basata su ingredienti di stagione e locali.
Si possono assaggiare oltre cento tipi diversi di pane, come quello cotto nel forno a paglia di Orsara di Puglia, senza dimenticare la pasta fresca, tra cui spiccano le mitiche orecchiette, che a Bari Vecchia vengono prodotte a mano dalle donne nelle pittoresche strade del centro storico. E ancora i formaggi, come il caciocavallo e la burrata di Andria, le cozze a Taranto, dove vengono coltivate da tempo immemorabile: senza dimenticare le indimenticabili cene di pesce sui trabucchi, le tradizionali piattaforme per la pesca che punteggiano la costa del Gargano. 

 

Ti potrebbe interessare

Enogastronomia
Puglia, tutti i colori di una cucina da primato

Puglia, tutti i colori di una cucina da primato

Città d'arte
Bari

Alla scoperta di Bari, incontro inaspettato tra Oriente e Occidente

Tour e esperienze
puglia fuori rotta

Puglia Fuori Rotta, 5 tappe insolite per un itinerario sorprendente

Isole
Le isole Tremiti si visitano anche in inverno, tra pesca e giri in kayak

Le isole Tremiti si visitano anche in inverno, tra pesca e giri in kayak

UNESCO
627087300

Alberobello, la capitale dei Trulli che ti farà vivere una favola

UNESCO
Castel del Monte, la fortezza dei misteri di Andria

Castel del Monte, la fortezza dei misteri di Andria

Arte e cultura
TRICASE | Puglia

Puglia, cuore del Mediterraneo, culla di civiltà antiche e bagnata da un mare spettacolare

Arte e cultura
Immergersi nelle meraviglie della Puglia con il digitale

Immergersi nelle meraviglie della Puglia con il digitale

Spiritualità
Padre Pio

Il Santuario di Padre Pio

Mare
464451044

L’incanto cristallino nella Baia delle Zagare sul Gargano

Mare
Spiaggia della Scialara

La Spiaggia della Scialara, regina della costa garganica

Natura
Leuca

Santa Maria di Leuca

Natura
Le coste della Puglia: i mille volti di un mare che fa innamorare

Le coste della Puglia: i mille volti di un mare che fa innamorare

Città d'arte
Basilica di santa croce

Lecce: la splendida città baciata dal sole tra le bianche pietre

Città d'arte
184988187

Cosa vedere a Lecce in due giorni

Tour e esperienze
lecce tour in bici corsi di cucina

L’anima più vera di Lecce tra tour in bici, corsi di cucina e pranzi in casa

Meta turistica
Puglia, autentica meraviglia anche in autunno

Puglia, autentica meraviglia anche in autunno

Divertimento
Gallipoli, la perla del Mar Ionio

Gallipoli, la perla del Mar Ionio

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.