Salta il menu

Fondazione Palazzo Coronini Cronberg

Panoramica

Tra il 1593 e il 1598, Carlo Zengraf, già Segretario degli Stati Provinciali di Gorizia, ebbe l’opportunità di costruire un palazzo nella periferia della città. Realizzato con uno stile austero e una struttura solida con alte mura e poche concessioni al superfluo, a seguito di lavori di ristrutturazione svoltisi tra il 2002 ed il 2006, si è potuto notare come l’edificio sorgesse nel luogo in cui era presente una struttura a torre, di circa 8,5×10 metri, presumibilmente costruita per il controllo dell’ingresso nord della città.
Si ritiene, inoltre, che il progetto sia opera dell’architetto militare Giulio Baldigara, che in quel tempo, insieme ad Alessio di Gradisca, stilò una stima in occasione della vendita dell’immobile a Riccardo di Strassoldo. Fu, poi, proprio la famiglia Strassoldo a modificare l’aspetto del palazzo, trasformandolo in una casa-dominicale, eretta nel 1640, all’esterno, una cappella dedicata a sant’Anna, collegata al palazzo da un loggiato, e, all’interno, edifici a uso agricolo e di abitazione dei coloni.
Nell’Ottocento, a seguito di problemi economici, il palazzo fu messo all’asta e acquistato dal conte Michele Coronini Cronberg. Da allora, il palazzo vide massicci interventi di ristrutturazione, tra cui l’aggiunta di un’ala di circa venti metri, destinata alla residenza e alla ricca biblioteca di famiglia. Tale ristrutturazione fu interrotta dall’esilio temporaneo a Gorizia del re Carlo X di Borbone, che decise di prendere residenza proprio a Palazzo Coronini. Il sovrano morì, pochi giorni dopo il suo arrivo, a causa del colera.
Durante le campagne napoleoniche e il primo conflitto mondiale, il palazzo subì ingenti danni, tanto che Carlo Coronini, per evitare devastazioni, fu costretto a fuggire con la sua famiglia. Le ricostruzioni cominciarono subito dopo la fine della guerra e si conclusero nel 1923, anno in cui il palazzo fu sottoposto a vincolo diretto di tutela da parte del Ministero della Pubblica Istruzione. Durante gli anni tra le due guerre, l’edificio fu affittato e occupato, prima dall’esercito italiano e, successivamente, dalle truppe tedesche. Nel 1950, il palazzo fu restituito ai Coronini che vi si stabilirono definitivamente. Poco dopo, il conte Guglielmo, con il sostegno della sorella Nicoletta, decise di progettare la destinazione museale del palazzo, che prese forma dopo la sua morte, avvenuta nel 1990. Oggi, pertanto, è sede della Fondazione Palazzo Coronini Cronberg il cui intento è rendere accessibile a tutti il proprio patrimonio, immenso tra l’altro, a cominciare dal palazzo che è diventato un museo aperto al pubblico.

Orari

Lunedì - Martedì
Chiuso
Mercoledì - Venerdì
10:00 am-01:00 pm
Sabato - Domenica
10:00 am-01:00 pm
02:00 pm-06:00 pm
Fondazione Palazzo Coronini Cronberg
Viale XX Settembre, 14, 34170 Gorizia GO, Italia
Chiama +390481533485 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Musei e monumenti
Ai Giardini Pubblici di Gorizia, sulle tracce degli eroi della Grande Guerra

Ai Giardini Pubblici di Gorizia, sulle tracce degli eroi della Grande Guerra

Musei e monumenti
Cividale del Friuli: viaggio alla scoperta delle Valli del Natisone

Cividale del Friuli: viaggio alla scoperta delle Valli del Natisone

Mare
Spiaggia di Grado

La spiaggia di Grado: mare, sole e un clima imperiale

Città d'arte
1289673345

Alla scoperta di Trieste, città di frontiera dall’anima internazionale

Lusso
Tour tra i vigneti e resort di lusso più belli del Friuli Venezia Giulia: lusso, relax e gusto

Tour tra i vigneti e resort di lusso più belli del Friuli Venezia Giulia: lusso, relax e gusto

Arte e cultura
Valbruna, Friuli Venezia Giulia

Friuli Venezia Giulia, regione di confine incastonata tra mare e monti

Spiritualità
Il Santuario del Monte Grisa a Trieste, simbolo di pace e amicizia fra Occidente e Oriente

Il Santuario del Monte Grisa a Trieste, simbolo di pace e amicizia fra Occidente e Oriente

Arte e cultura
trieste street art

Trieste come non l’avete mai vista: un itinerario alla scoperta della street art

Business
friuli venezia giulia nomadi digitali

Il Friuli Venezia Giulia è tra i luoghi più attrattivi al mondo per i nomadi digitali

UNESCO
534209328

Aquileia tra i fasti romani e i segni del Cristianesimo

Enogastronomia
San Daniele

San Daniele, patrimonio italiano

Mare
Lignano sabbiadoro

Lignano Sabbiadoro

Sport
Canyoning-Friuli Venezia Giulia

In Friuli Venezia Giulia, canyoning tra i solchi della storia

Sport
In Friuli Venezia Giulia sugli sci

In Friuli Venezia Giulia sugli sci

Divertimento
Trieste Adventure Park- Friuli Venezia Giulia

Friuli Venezia Giulia: al Trieste adventure park la vacanza è in quota (su un albero)

Mare
Guida alle spiagge accessibili del Friuli Venezia Giulia

Guida alle spiagge accessibili del Friuli Venezia Giulia

Enogastronomia
storia del figo moro friuli venezia giulia

La regione Friuli Venezia Giulia attraverso la pizza di Renato Bosco

Sport
sportland in friuli venezia giulia

Andare a Sportland e scoprire il cuore verde del Friuli Venezia Giulia

Tour e esperienze
Friuli Venezia Giulia da vedere e da vivere

Friuli Venezia Giulia da vedere e da vivere

Sport
Skiarea di Piancavallo: sport sulla neve con vista mare

Skiarea di Piancavallo: sport sulla neve con vista mare

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.