Salta il menu

Palazzo Ducale di Guastalla

Panoramica

A Guastalla il Palazzo ducale è stato per secoli il luogo del potere, fin dai tempi dei conti Torello, che governarono la città tra il ’400 e i primi decenni del ’500. Fu però con la dinastia dei Gonzaga, prima conti e poi duchi, che divenne una vera residenza di corte: qui i nuovi signori di Guastalla ospitarono intellettuali e artisti come Torquato Tasso e il Guercino. Ai Gonzaga si deve anche l’aspetto rinascimentale del palazzo, lo fecero ricostruire dagli architetti Francesco Capriani detto il Volterra e Tommaso Filippi, mentre per le decorazioni si rivolsero a Bernardino Campi. I lavori si conclusero attorno al 1570, le rifiniture artistiche attorno al 1585. Quando la dinastia dei Gonzaga cadde, alla metà del ’700, per il palazzo iniziò un lungo periodo di rimaneggiamenti e impieghi non sempre consoni alla sua nobiltà, finché a fine ’800 fu privatizzato. Nei primi anni del ’900, ecco una svolta imprevista: il cortile interno divenne la galleria commerciale Flavio Mossina, dal nome dell’imprenditore che rilevò il complesso ed ebbe l’idea di fare del piano terra uno spazio elegante per botteghe alla moda. Chiudendo gli archi del porticato si ricavarono piccoli negozi e atelier, mentre gli spazi comuni furono arredati con statue e decorazioni in stile Déco poi andate in parte perdute. Così ricorda il palazzo anche Bernardo Bertolucci, che vi ambienta alcune scene di “Novecento”. Recuperato e restaurato, oggi il Palazzo ducale di Guastalla è un polo museale e culturale. Ospita il Museo della Città con la Quadreria Maldotti, oltre a essere sede di mostre temporanee.

Orari

Lunedì - Martedì
Chiuso
Mercoledì
09:30 am-12:30 pm
03:30 pm-06:30 pm
Giovedì - Venerdì
Chiuso
Sabato - Domenica
09:30 am-12:30 pm
03:30 pm-06:30 pm
Palazzo Ducale di Guastalla
Via S. Gonzaga, 16, 42016 Guastalla RE, Italia
Chiama +390522839763 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Enogastronomia
Emilia, tutta la bontà del Prosciutto di Parma

Emilia, tutta la bontà del Prosciutto di Parma

Enogastronomia
Parmigiano

Parmigiano Reggiano: l’eccellenza

Enogastronomia
Emilia-Romagna, dove la gastronomia è un impero dei sensi

Emilia-Romagna, dove la gastronomia è un impero dei sensi

Enogastronomia
Photo by: Marco Fortini

Emilia Romagna: viaggio alla scoperta del tortello

Città d'arte
Parma, città del teatro, della musica e del cibo d’eccellenza

Parma, città del teatro, della musica e del cibo d’eccellenza

Città d'arte
Rimini tra l’antica Roma e lo splendore del Rinascimento

Rimini tra l’antica Roma e lo splendore del Rinascimento

Enogastronomia
Parma

Musei del cibo di Parma

Città d'arte
Ferrara

In viaggio a Ferrara, ore preziose a passeggio nella storia

Spiritualità
Emilia Romagna, la via Francigena si fa cultura

Emilia Romagna, la via Francigena si fa cultura

Città d'arte
Piazza Maggiore e Basilica di San Petronio - Bologna, Emilia-Romagna

Bologna: giovane, colta e generosa

Città d'arte
Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Enogastronomia
Cappellacci

Emilia Romagna, esperienze da vivere nella terra dei sapori

Musei e monumenti
Museo Enzo Ferrari

Museo Enzo Ferrari

Spiritualità
Ghetto ebraico in Romagna

Itinerario ebraico: in Romagna tra ghetti e sinagoghe

Città d'arte
Cosa vedere a Bologna in due giorni

Cosa vedere a Bologna in due giorni

UNESCO
I Portici di Bologna, a passeggio nella storia

I Portici di Bologna, a passeggio nella storia

Musei e monumenti
Photo by: Archivio Comune Parma

Emilia Romagna: le statue parlanti di Parma

Arte e cultura
I Farnese a Piacenza

I Farnese a Piacenza

Musei e monumenti
Una sala del Museo Ferrari - Maranello, Emilia Romagna. Photo by: ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo, licenza CC BY-NC-SA <https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/deed.it>

Musei Ferrari: da Modena a Maranello, in viaggio con le “rosse”

Cicloturismo
emilia romagna cycle tourism disability

In Emilia Romagna, cicloturismo accessibile anche a persone con disabilità

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.