Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Itinerario

Emilia Romagna

Un weekend tra i Castelli del Ducato

Tipologia
percorso in strada
Difficoltà
Facile
Periodo migliore
Ottobre

Il territorio del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli è ricco di rocche, castelli, dimore storiche e borghi antichi. Percorrendo in auto le stradine di campagna, è difficile non lasciarsi incantare dalle residenze che svettano minacciose su una rupe, brillano di storia al centro di una valle o squarciano di bellezza la perfetta linea dei campi coltivati.

L’autunno è tra le stagioni migliori per visitare la zona del Ducato quando i colori rendono il panorama una trama avvincente in cui trascorrere un weekend da protagonisti. Oltre a visitare i castelli e i borghi, in autunno si può cogliere l’occasione per fermarsi nelle aziende agricole ad acquistare vino, salumi, formaggi, aceto e scambiare qualche chiacchiera con le persone del luogo. Ascoltare storie di famiglia, mentre i più piccoli scoprono il gusto della vita contadina, è un valore aggiunto al viaggio on-the-road.

Ecco un divertente itinerario di due giorni nel territorio del Ducato, perfetto per le famiglie con bambini, tra Soragna, Fontanellato e il Labirinto della Masone.

Rocca Meli-Lupi di Soragna

Opulenta e sfarzosa, la Rocca dei principi Meli-Lupi di Soragna è la prima tappa del weekend tra i Castelli del Ducato. La visita guidata è un vivace racconto delle vicende che hanno segnato l’edificio, nel quale ancora oggi vive il Principe Meli-Lupi.

Tra aneddoti di vita passata ed episodi del tempo presente, si attraversano i saloni stuccati, affrescati e completamente arredati in stile Barocco. Tutti restano sbalorditi davanti a tanta pompa magna, soprattutto nelle sontuose gallerie dove, se ci si concede la possibilità di restare indietro rispetto al resto del gruppo, si potrebbe avere la fortuna di vedere spuntare il fantasma di Cassandra Marinoni.

Labirinto della Masone

Basta meno di un quarto d’ora d’auto da Soragna per raggiungere il Labirinto della Masone, il più grande labirinto di canne di bambù nel quale si avrà l’onore di smarrire e poi ritrovare la strada. Per costruirlo, aono state impiegate 200.000 canne di bambù di oltre 20 specie, con altezze che variano dai 30 cm ai 15 metri, su un magico percorso di 3 km.

Non solo un’esperienza ludica, ma una vera metafora della vita, perfetta da vivere insieme ai bambini. In fondo, il labirinto rappresenta davvero la nostra esistenza, con quei cambi di percorso, i bivi, i passi incerti e quelli più sicuri che portano verso l’uscita.

Al Labirinto della Masone prendetevi tutto il tempo necessario per affrontare questo viaggio figurato, senza dimenticare di visitare il Museo in cui Franco Maria Ricci, l’ideatore del progetto, ha raccolto tutte le opere collezionate nel corso della propria vita.

Fontanellato

Un paese dai colori pastello e dal gusto retrò, dove ancora campeggiano le vecchie insegne dipinte sui muri: ecco Fontanellato, una cartolina che racchiude i tratti più caratteristici dell’Emilia.

Le botteghe da cui esce il profumo di Culatta e Culatello, le forme di Parmigiano Reggiano che fanno venire l’acquolina in bocca, i bar nei quali i vecchietti giocano a carte, appaiono come delle ricostruzioni cinematografiche nella loro verace tipicità. E, al centro la Rocca Sanvitale sembra incarnare arte e storia. Sorge letteralmente nel cuore del borgo, riempiendo la piazza principale con la sua solida architettura circondata dal fossato.

La visita guidata consente di immergersi nello spirito ricco di storia delle salette e dei saloni di rappresentanza, oltre che di ammirare capolavori unici come lo Stendardo della Beata Vergine di Fontanellato.

Alla Rocca Sanvitale è presente anche l’unica camera ottica d’Italia dalla quale i conti osservano tutto quello che succedeva sulla piazza, grazie ad un gioco di prismi. Inoltre, proprio all’interno della residenza, il Parmigianino ha dipinto uno dei suoi massimi capolavori, la Sala di Diana e Atteone, commissionata da Paola Gonzaga e dal Conte Gian Galeazzo Sanvitale.

Tenete gli occhi ben aperti, perché potreste incappare nel fantasma di Maria Costanza Sanvitale, la nipotina di Maria Luigia d’Austria, morta a soli 5 anni. Capita spesso che i visitatori abbiano udito dei passetti e una vocina sottile chiamarli, soprattutto nella Sala del Biliardo e nella Sala da Ricevimento.

A proposito di esperienze da fare alla Rocca, non perdere le Domeniche magiche per famiglie e bambini, con laboratori creativi e didattici: il modo migliore per concludere con fantasia il weekend tra i Castelli del Ducato.

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.