Salta il menu

Biblioteca Monumento Nazionale Badia di Cava

Panoramica

Fin dall’apparire della Badia di Cava, nel sec. XI, fu necessario costruire una biblioteca per garantire ai monaci i libri necessari secondo la Regola di S. Benedetto. All’interno della Badia, inoltre, esisteva anche uno Scriptorium, in cui si scrivevano i libri necessari per l’istruzione dei monaci di Cava e di quelli di tutti i monasteri dipendenti. Tra i codici, si ricordano: il n. 9 (sec. XII) Expositio in I Librum Regum, da qualche anno attribuito al monaco Pietro di Cava; il n. 18 (sec. XIII) De septem sigillis; il n. 19 (sec. XIII) Kalendarium, Evangelia, Apocalypsis, Epistola I Ioannis, Regula S. Benedicti. Nel sec. XIV la biblioteca ebbe un notevole impulso, grazie all’aggiunta di una Bibbia e di uno Speculum historiale di Vincenzo di Beauvais, nonché al materiale per scrivere e per legare i volumi. Tuttavia, secondo l’ipotesi avanzata da Leone Mattei Cerasoli, molti di questi libri furono dispersi durante il periodo della commenda (1431-1497) o per la volontà di alcuni cardinali commendatari o a causa della situazione precaria che impediva di conservare tanti testi per il piccolo numero di monaci sopravvissuti. Al contrario, i monaci di S. Giustina si dimostrarono meritevoli della biblioteca, comprando per essa molti incunaboli a Venezia. Allo stesso modo, l’abate D. Vittorino Manso contribuì, per primo, a separare i libri stampati dai manoscritti e, per salvaguardare l’integrità della biblioteca, nel 1595 ottenne dal papa Clemente VIII una bolla che vietava di asportare i libri con la minaccia di scomunica. Non meno importante fu l’azione dell’abate D. Filippo De Pace, il cui nome è impresso in innumerevoli volumi. Un grave danno alla biblioteca fu provocato durante la notte di Natale del 1796, quando una quantità di terra e pietrame riversatasi dal soprastante Corpo di Cava la distrusse totalmente, come riporta una notizia di cronaca. In questo modo, furono perduti innumerevoli libri e alcuni manoscritti. Nell’Ottocento, la biblioteca dei monaci benedettini fu minacciata non da elementi naturali, ma da quelli politici: le soppressioni degli ordini religiosi avvennero, nel 1807, per volere del re di Napoli Giuseppe Bonaparte, e, nel 1866, per ordine del re sabaudo Vittorio Emanuele II. Il direttore dello Stabilimento, nel primo caso, e il conservatore del Monumento Nazionale, nel secondo, furono lasciati con la responsabilità della biblioteca, mentre alcuni monaci vi rimasero come custodi. Da quel momento, la biblioteca diventò proprietà dello Stato e, nel corso del tempo, i monaci si sono prodigati nella sua gestione con la stessa dedizione che hanno sempre dimostrato nella conservazione e nell’incremento del patrimonio librario, privilegiando discipline consone a una biblioteca monastica, come la patristica, la teologia, il diritto e la storia.

Orari

Lunedì - Sabato
08:30 am-01:00 pm
Domenica
Chiuso
Biblioteca Monumento Nazionale Badia di Cava
Via Michele Morcaldi, 6, 84013 Cava de' Tirreni SA, Italia
Chiama +39089345255 Sito Web

Ti potrebbe interessare

UNESCO
614626686

Costiera Amalfitana, un ipnotico affaccio sul mare blu cobalto

UNESCO
Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Spiritualità
san-cono-piazza-destination

Festa di San Cono

Divertimento
Campania, Cilento in volo: tra cielo, terra e mare

Campania, Cilento in volo: tra cielo, terra e mare

Mare
4 motivi per scegliere la costiera amalfitana d inverno

La Costiera Amalfitana d’inverno: 4 eccellenti motivi per sceglierla

Mare
A Punta Campanella ammaliati dalle sirene di Ulisse

A Punta Campanella ammaliati dalle sirene di Ulisse

Ospitalità
agriturismi green in campania

7 agriturismi green in Campania per il perfetto connubio di ecosostenibilità e gusto

Spiritualità
auletta-ruderi-tanagro-destination

Festa di San Donato di Auletta

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Città d'arte
Procida, la cultura non isola

Procida, la cultura non isola

Spiritualità
Campania, una via Francigena ricca di storia

Campania, una via Francigena ricca di storia

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

UNESCO
La Reggia di Caserta, sontuoso trionfo del barocco italiano

La Reggia di Caserta, sontuoso trionfo del barocco italiano

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.