Salta il menu

Campi Flegrei

Panoramica

Alla scoperta dei Campi Flegrei, tra mito e benessere

Tra i Comuni di Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida, le Isole di Ischia, Procida e Vivara si stende la vasta area vulcanica dei Campi Flegrei, tecnicamente un’antica caldera, ossia un supervulcano in quiescenza, uno dei pochi sulla superficie terrestre.

Qui, è possibile vedere diversi piccoli crateri, alcuni dei quali caratterizzati dalle solfatare, manifestazioni gassose effusive, altri da fenomeni idrotermali.

 

I Campi Flegrei nella mitologia

Un luogo così suggestivo non poteva non alimentare il mito. I coloni greci, ad esempio, ritenevano che questa terra fosse la tomba di alcuni giganti sconfitti da Ercole per conto di Zeus.
Secondo la leggenda, i giganti avrebbero voluto usurpare il re degli Dei, e vennero puniti per la loro avventatezza. Proprio da questo deriva il nome flegreo: risale, infatti, al greco flego, che vuol dire ardo. Nel mito, ad ardere erano le piaghe dei giganti: provocate dalla folgore divina, producevano fuoco e acqua.

Anche Virgilio, nell’Eneide, racconta la zona flegrea come luogo di sepoltura di questi personaggi mitologici. Non è un caso che Enea inizi la sua discesa agli inferi dal Lago d’Averno, situato proprio nei Campi Flegrei. Il mito non va sottovalutato: al di là delle interpretazioni fantasiose, infatti, offre un quadro dell’attività vulcanica dell’epoca, decisamente vivace.

 

Cuma, la prima colonia greca in Italia

Le caratteristiche geofisiche dei Campi Flegrei rendono la zona particolarmente fertile, e complice anche il clima mite già gli antichi Greci vi costruirono alcune delle loro città: la più famosa fu Cuma, la prima colonia ellenica in Magna Grecia. Oggi di Cuma potete visitare l’Acropoli, che comprende l’Antro della Sibilla, alla base della collina, mentre salendo verso la rocca ci sono la Torre Bizantina con il Belvedere, il Tempio di Apollo e il Tempio di Giove, noti anche come Terrazza Inferiore e Terrazza Superiore. Trasformati in chiese nel Medioevo, i due templi conservano tracce sia delle loro origini che della destinazione d’uso successiva.

 

La tradizione termale dei Campi Flegrei

Non era, però, solo il mito ad alimentare la fama dei Campi Flegrei.
Grazie all’attività vulcanica, questa zona venne eletta dagli antichi romani ad area termale preferita.

Se a Roma, infatti, bisognava aspettare che le stanze delle terme e l’acqua si scaldassero grazie a un sistema sotterraneo di focolai, a Cuma e dintorni non esistevano procedure di questo tipo: ecco che molti decisero di far costruire qui le loro ville patrizie, per rilassarsi e godere della bellezza del luogo.

 

Baia, la città sommersa

La più famosa era il Pausilypon, fatta erigere dal liberto Publio Vedio Pollione, che alla sua morte la lasciò ad Augusto. Vi ricorda qualcosa? Sì, il Promontorio di Posillipo deve il suo nome proprio a questa dimora.
Epicentro del benessere, Baia, frequentata da Giulio Cesare e Nerone, Pompeo e Adriano; un irresistibile polo di attrazione. Molto di ciò che sappiamo oggi di questa antica città lo dobbiamo a Plinio il Vecchio, comandante della flotta imperiale romana nella vicina Miseno.

L’acqua bollente sgorgava dal sottosuolo insieme ai suoi vapori, ed entrambi venivano sfruttati in saune scavate nella roccia. Un luogo perfetto per trascorrere ore di ozio; solo con la decadenza dell’Impero tutto questo venne meno.

Oggi l’antica Baia non esiste più. È un’area completamente sommersa per via del  bradisismo, un fenomeno vulcanico che ha portato all’inabissamento della linea di costa.
Chiamata anche La Pompei sommersa, perché molto simile urbanisticamente, l’antica Baia rientra in un’area marina protetta.
Molto di ciò che la caratterizzava si può vedere al Museo Archeologico dei Campi Flegrei, al Castello Aragonese. Non perdetelo se volete farvi un’idea di ciò che poteva essere questa meravigliosa località, amatissima dai patrizi romani. 

Campi Flegrei

Campi Flegrei, 80078 Pozzuoli NA, Italia

Ti potrebbe interessare

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Relax e benessere
Terme Ischia

Ischia: i parchi termali

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Montagna
Vista di Napoli e del Vesuvio dall'alto

In montagna partendo da Napoli: ecco dove andare

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Isole
I sentieri di Ischia

I sentieri di Ischia

Isole
Le Fumarole

Le Fumarole: che spettacolo la spiaggia fumante di Ischia

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

Natura
I paesaggi della Campania

I paesaggi della Campania

Enogastronomia
lo street food a napoli hero

Lo street food a Napoli è la quintessenza delle meraviglie per il palato

Enogastronomia
In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.