Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Enogastronomia

Sicilia

La regione Sicilia attraverso la pizza di Franco Pepe

14 novembre 2022

3 minuti

1. Storia del pistacchio salato e altre meraviglie della Sicilia a tavola

storia del pistacchio

È arrivato dal Medio Oriente in Sicilia portato dagli arabi e qui ha trovato il suo habitat ideale, tanto da diventarne uno dei prodotti simbolo. È il pistacchio che col suo sapore, insieme dolce e salato, la croccantezza ma anche le capacità nutritive, è amato sin dall’antichità. Una testimonianza? In Turchia ne sono state trovate tracce risalenti al VII millennio a.C.
In Italia, il più celebre è il Pistacchio di Bronte DOP, alle pendici dell’Etna, e coltivato anche nei paesi limitrofi di Adriano e Biancavilla. La pianta si adatta bene al clima poco piovoso; inoltre il terreno lavico, arricchito di sostanze minerali, anche grazie all’apporto costante di cenere vulcanica, dà vita a un seme qualitativamente superiore, dal sapore più forte e dal colore verde acceso.
Nonostante sia noto come un frutto a guscio, quello che in realtà mangiamo, a livello botanico, è il seme. L’oro verde, come viene chiamato a Bronte, è ancor oggi selezionato a mano dai circa 5mila produttori locali, in modo da scegliere i chicchi uno ad uno. Si può gustare fresco e intero, senza alcun tipo di salatura o tostatura, oppure sbriciolarlo per preparare la Pasta alla brontese – insieme a panna e pancetta – e ovviamente il gelato, i biscotti, la crema al pistacchio e molte altre delizie siciliane.

2. Oltre al pistacchio salato

oltre al pistacchio

Cominciamo dal cannolo, la cialda a forma di tubo che viene fritta, riempita di crema di ricotta di pecora e cioccolato e guarnita con la granella di pistacchio o con un’altra tipicità siciliana: l’arancia candita. La frutta candita nella pasticceria siciliana è più che una decorazione, è un ingrediente essenziale, anche stavolta introdotto dagli arabi: canditi deriva proprio dal termine arabo “qandi” che indica l’estratto di canna di zucchero con cui veniva conservata e addolcita la frutta. Li ritroviamo anche nella cassata siciliana, il pan di spagna arricchito da ricotta, pasta di mandorle, glassa di zucchero e ovviamente canditi, che si può gustare in varianti diverse in tutta la regione.

La cucina siciliana è esuberante e audace, ricca di ingredienti e sintesi di sapori ed elaborazioni introdotte nel tempo dai Greci, dai Romani o dagli Arabi. Ne è un esempio il cous cous di pesce di Trapani: viene preparato a mano nella tipica pentola di terracotta, la mafaradda, e condito con brodo e pezzetti di pesce, talvolta anche fritti. Un altro esempio di sintesi storico-gastronomica è la famosissima granita siciliana, che deriva dalla ricetta araba dello sherbet, una bevanda ghiacciata e aromatizzata con petali di fiori o frutti, preziosa e quindi dedicata alla nobiltà. Per realizzarla un tempo veniva utilizzata la neve raccolta sui monti siciliani in inverno e poi stivata nel resto dell’anno in grotte naturali o apposite costruzioni in pietra, antenate delle ghiacciaie.

È impossibile non ricordare almeno uno dei grandi capolavori di street food di questa terra, a partire dal leggendario arancino (o arancina, come si chiama nella parte occidentale dell’isola), l’intramontabile pallina a base di riso condito con pomodoro e piselli e poi fritto, ne esistono in realtà moltissime varianti. A Palermo camminando per strada si scovano tesori del gusto, come pane e panelle, il panino ripieno di farinata di ceci fritta che è un’altra delle ricette portate qui dagli arabi; o lo sfincione palermitano, la focaccia morbidissima che si vende nei mercati cittadini, condita con pomodoro, cipolle, origano, caciocavallo e alici. E per chiudere in bellezza non possiamo che lasciarci tra gli aromi del Pani ca meusa, il panino con la milza di vitello, unto e saporitissimo, che può essere anche “maritato”, ovvero ulteriormente arricchito con una generosa grattata di caciocavallo o ricotta.

 

Per avere maggiori informazioni sulla Settimana della cucina italiana nel mondo, clicca qui.

Ti potrebbe interessare

Enogastronomia
napoli-pizza-una-lunga-storia-d-amore

Napoli e la pizza, una lunga storia d’amore

Enogastronomia
tipi-di-pizza-in-italia

3 (di tanti) tipi di pizza da mangiare in Italia

Enogastronomia
prosciutto di norcia

La regione Umbria attraverso la pizza di Gabriele Bonci

Enogastronomia
storia dei maccheroni abruzzo

Storia dei maccheroni alla chitarra e altre meraviglie dell’Abruzzo a tavola

Enogastronomia
mozzarella di bufala

La pizza Margherita secondo Franco Pepe

Enogastronomia
storia-delle-acciughe-liguria

La regione Liguria attraverso la pizza di Roberto Caporuscio

Enogastronomia
storia del pomodoro san marzano campania

La regione Campania attraverso la pizza di Gino Sorbillo

Enogastronomia
storia del bergamotto calabria

La regione Calabria attraverso la pizza di Donato De Santis

Enogastronomia
storia del peperone crusco

La regione Basilicata attraverso la pizza di Franco Pepe

Enogastronomia
storia-del-guanciale

La regione Lazio attraverso la pizza di Gabriele Bonci

Enogastronomia
fontina valdostana e salumi

La regione Valle d’Aosta attraverso la pizza di Roberto Caporuscio

Enogastronomia
storia del figo moro friuli venezia giulia

La regione Friuli Venezia Giulia attraverso la pizza di Renato Bosco

Enogastronomia
storia del prosciutto di parma emilia romagna

La regione Emilia Romagna attraverso la pizza di Edu Guedes

Enogastronomia

La regione Lombardia attraverso la pizza di Edu Guedes

Enogastronomia
storie-delle-frattaglie

La regione Marche attraverso la pizza di Gabriele Bonci

Enogastronomia
storia-della-soppressa

La regione Molise attraverso la pizza di Donato De Santis

Enogastronomia
pasta fresca

La regione Veneto attraverso la pizza di Renato Bosco

Enogastronomia
storia del capocollo

La regione Puglia attraverso la pizza di Gino Sorbillo

Enogastronomia
storia del pecorino sardo

La regione Sardegna attraverso la pizza di Gino Sorbillo