Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Natura

Lombardia

Santa Caterina Valfurva, sulla pista della Compagnoni

Santa Caterina Valfurva, in Valtellina, è una bellissima località di montagna aperta al turismo europeo fin dall’Ottocento, quando cominciò ad accogliere alpinisti inglesi e tedeschi.

Una volta era rinomata anche per una sorgente di acqua ferruginosa dalle diverse qualità, poi andata perduta.

Sorge in una conca, fra Bormio, il Passo dello Stelvio e il Passa Gavia, ai piedi delle montagne del gruppo Ortles Cevedale e non c’è stagione in cui gli amanti della montagna non possano apprezzarla.

Certo, lo sci è la disciplina che qui la fa da padrone. Santa Caterina Valfurva, infatti, ha ospitato nel 1985 i Campionati del Mondo di Sci Alpino femminile e diverse gare di Coppa del Mondo di Sci Alpino e Nordico.

La sua vera attrazione è <strong>la pista dedicata a Deborah Compagnoni</strong>, tre volte medaglia d’oro di sci alpino, inaugurata in occasione dei Mondiali nel 2005 e illuminata di notte, per consentire sciate al chiaro di luna. È lunga oltre tre chilometri, raggiunge una pendenza del 75 per cento (solo in alcuni punti) ed è una delle piste più varie ed emozionanti dell’intero arco alpino.

Nel cuore del <strong>Parco Nazionale dello Stelvio</strong>, il comprensorio sciistico rappresenta un vero gioiello di natura e cime innevate. Un’oasi dove trovare tranquillità immersi nel panorama montano.

1. Snowboard, fondo e telemark

Il comprensorio sciistico, compreso tra le cime del gruppo Ortles Cevedale e il ghiacciaio Forni, è perfetto per lo sci: da queste parti avrete solo da scegliere tra 35 chilometri di piste lungo le quali dedicarvi allo sci alpino, 15 chilometri per lo sci nordico e poi sci alpinismo. Il luogo si presta anche ad altre discipline da neve come il telemark, lo snowboard o lo sci di fondo. Per il fondo sono disponibili due anelli che si inoltrano nei boschi per chilometri, a vari livelli di difficoltà. Poi c’è una pista di pattinaggio sul ghiaccio, adatta a ogni età.

Santa Caterina Valfurva è la destinazione giusta anche per i bambini, grazie alla presenza di un moderno campo scuola, dotato di nastro trasportatore. Infine gli appassionati di fat e-bike, la bicicletta su strada con le ruote più larghe degli standard, avranno a loro disposizione numerosissimi percorsi per muoversi in natura o su strade sterrate.

2. Uno skipass per tre comprensori

Un unico skipass, da queste parti, permette di spostarsi su tre comprensori uno vicino all’altro: Santa Caterina, Oga San Colombano e Bormio. Sono collegati da uno skibus gratuito anche di notte. La neve è assicurata da fine novembre a maggio, naturale o programmata.