Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Cicloturismo

Giro d'italia

Sulle orme del Giro d’Italia 2022: Avola - Etna - Nicolosi

Durata
1 giorno
Difficoltà
Difficile
Periodo migliore

Aprile, Maggio, Settembre

Pedalare tra i fasti del tardo barocco, i campi che profumano di arance, le colate di lava, le nuvole. C’è questo e tanto altro ancora nell’itinerario che vi presentiamo in queste righe. Un tuffo nella Sicilia più autentica che vi toglierà la voglia di ripartire.

 

Parola d’ordine: diversità

Le spiagge di sabbia dorata della costa ionica della Sicilia, strette tra la macchia mediterranea e il mare turchese che degrada lentamente, per la gioia dei più piccoli. La Piana di Catania, che i catanesi chiamano “Chiana”, un’estesa pianura alluvionale dal clima molto secco, rigogliosa e fertilissima grazie all’attività del vulcano: è in questa terra, prodiga anche di olive e cereali, che nascono le famose Arance Rosse di Sicilia. Infine il Parco dell’Etna, il primo a essere istituito in questa regione, nel 1987: 59 mila ettari di bio-diversità dove boschi, crateri, colate laviche, piante autoctone e coltivazioni abbracciano e proteggono il vulcano attivo più alto d’Europa. 

 

In bici nella Sicilia orientale

C’è un itinerario, ispirato alla quarta tappa del Giro d’Italia edizione 2022, che può essere interpretato in due modi. Per i patiti delle due ruote è un semplice tracciato sportivo, lungo 170 chilometri, con una prima parte alla portata di tutti e un assalto finale all’Etna che ha il sapore dell’impresa. Per i più romantici, può essere addirittura un viaggio esistenziale: un percorso in cui si passa dalla dimensione vacanziera della costa a quella più raccolta dei borghi e dell’entroterra contadino, fino a quella solitaria di una montagna aspra e seducente, che assomiglia a un pianeta alieno. Questa guida racchiude entrambi gli approcci, così che ognuno di voi possa costruirsi l’esperienza che più fa al caso suo. 

Avola e Noto, tra gusto e meraviglia

giro d italia 4 noto

Si parte da Avola, il comune affacciato sulla costa ionica. Ma senza fretta. Già che siete qui, non fatevi scappare l’occasione di assaggiare l’ovale perfetto, quello delle mandorle famose in tutto il mondo. A queste prelibatezze, così come al Nero d’Avola, uno dei vini siciliani più rinomati, è dedicato il Museo della Mandorla e dei prodotti tipici avolesi, appena fuori dal centro storico: un viaggio nelle tradizioni contadine con tanto di degustazione finale. Un altro luogo da non perdere è la tonnara dismessa, magari al tramonto, per poi accomodarvi in un ristorantino dell’antico borgo marinaro. Ora sì che potete iniziare l’itinerario, che in questo primo tratto è pianeggiante e privo di grandi difficoltà. Prendetelo come un riscaldamento, anche perché dopo 10 chilometri scarsi arriverete in un altro luogo che impone una sosta: Noto, che dal 2002 (insieme ad altre sette città) è parte dei sito Val di Noto, patrimonio mondiale dell’umanità Unesco. Qui l’architettura del tardo-barocco è talmente esplosiva che pare di stare in una scenografia teatrale. La Cattedrale di San Nicolò, con la sua scalinata maestosa, è l’immagine che vi resterà nel cuore.

Nell’entroterra, tra arte e letteratura

giro d italia 4 capitello con decorazione

Da questo punto, il percorso svolta un entroterra privo di grandi salite. Due i paesi dove il pit stop è un must. Il primo è Palazzolo Acreide, a 634 metri di quota, il borgo nato sull’antica sub-colonia greca di Akrai, nella parte alta della città, di cui sono ancora visibili alcuni resti. Ma questo paese è un’altra perla del barocco (anch’essa appartiene al sito Unesco Val di Noto), e dunque resterete affascinati dagli antichi palazzi nobiliari e dalle chiese: su tutte la Basilica di San Sebastiano, con le sue eleganti volute, e quella di San Paolo, con i suoi capitelli corinzi. Passato lo svincolo di Buccheri, si scende verso Vizzini, il borgo natio di Giovanni Verga. Tra le viuzze di questo piccolo abitato rivivono alcune delle sue novelle. Qualche esempio? Palazzo Trao è la casa di Donna Trao, che sposa Mastro Don Gesualdo. Palazzo La Gurna è l’edificio in cui si tiene il banchetto di nozze. Mentre la Chiesa di Santa Teresa è l’Osteria in cui Turiddu e Alfio si scambiano il bacio della sfida nella Cavalleria Rusticana.

Sul vulcano. O sulla luna?

giro d italia 4 rifugio sapienza

Attraversando la piana di Catania, lo sguardo è rapito da “a Muntagna”, che vi aspetta maestosa. La scalata al vulcano, la grande asperità di questa prima tappa del Giro d’Italia, inizia da Biancavilla, a 534 metri di quota, nella fascia pedemontana. Si sale fino a incontrare la Strada Milia e passato l’Osservatorio Astrofisico, si attacca la strada da Nicolosi. Il tracciato si snoda su carreggiate larghe, circondate dalle colate di lava, ma la pendenza tocca spesso il 10-12 per cento, con una fiammata del 13 in un breve tratto. Insomma, è un tratto per persone allenate. L’arrivo ai 1920 metri del Rifugio Sapienza, però, vi ripagherà di tutte le fatiche. Si tratta, infatti, di un edificio storico, la cui costruzione iniziò poco prima della Seconda Guerra Mondiale e dopo lo stop imposto dal conflitto fu portata a termine dal Cai. Negli ultimi anni è diventato anche un luogo simbolo della buona cucina, un trionfo di carni, caponate, parmigiane, piatti a base di funghi e pistacchi. Ma è il paesaggio a renderlo indimenticabile: guardatevi intorno e vi sembrerà di stare sulla Luna.

A cura della redazione di RCS Sport

Magazine

Bici e bollicine: alla scoperta della natura Lombarda

Città
467663396

Catania, città del barocco dall’energia grintosa

Arte & Cultura
Una giornata a Caltagirone

Una giornata a Caltagirone, tra le città UNESCO della Val di Noto, per imparare a fare una testa di moro

Natura

Il tramonto è il miglior momento per visitare il parco dell'Etna e sentire il cuore del vulcano

Sport

Isole e Sandboarding: scivolando sulla sabbia in Sardegna e Sicilia

Cicloturismo
542683007

Da Realmonte a Piazza Armerina. In sella dal mare a un entroterra ricchissimo di arte e storia

Cicloturismo
1125981609

Da Milazzo a Bagheria: in bici lungo la costa settentrionale della Sicilia

Cicloturismo
1310777932

Pedalare da Palma di Montechiaro a Caltanissetta

Magazine
Snorkeling

Le migliori zone dove fare snorkeling in Italia nelle isole minori

Cicloturismo
1387605316

Girotondo dell’Etna su due ruote

Sport

Kitesurf tra laghi e mare, dove andare e quali spot scegliere

Sport

Kitesurf: evoluzioni tra acqua e cielo

Sport
Climbing - San Vito lo Capo - Sicilia

In Sicilia, dove le falesie si tuffano in mare

Magazine
in-ebike-parco-della-murgia-hero

Cosa vedere nella Murgia materana in e-bike per scoprire le chiese rupestri

Natura
passeggiate a cavallo

Passeggiate a cavallo e team building nella natura a due passi dalla città per riconnettersi e fare squadra

Magazine

Arrampicata, corpo a corpo con la roccia

Arte & Cultura

La Valle dei Templi di Agrigento, meraviglia archeologica in un contesto da sogno

Magazine

Tindari e la sua laguna

Natura
894433170

Monte Etna