Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Cicloturismo

Giro d'Italia

Tappa 20 | Belluno-Marmolada (Passo Fedaia)

Durata
1 giorno
Difficoltà
Difficile
Periodo migliore

Giugno, Luglio, Settembre

Il paradiso dei bike lovers è qui, tra questi prati verdissimi incorniciati da vette che solo a nominarle ci si emoziona: il Catinaccio, le Torri del Sella, la Marmolada, il Pordoi. Non importa arrivare in cima. Pedalare lungo un itinerario come questo resta comunque un’esperienza indimenticabile.

 

Tra le vette rosa

La Valbelluna, un’ampia conca delimitata a Nord dal monte Schiara e a Sud dalle Prealpi Bellunesi in mezzo alla quale scorre il Piave, il fiume Sacro alla Patria. Ma le regine incontrastate di questo itinerario sono le Dolomiti, i giganti di roccia inseriti nella World Heritage List dell’Unesco. Straordinarie per l’architettura (Le Corbusier le ha definite “l’opera architettonica più bella del mondo”), per il paesaggio, per la storia che le contraddistingue: hanno iniziato a formarsi 250 milioni di anni fa dall’accumulo di conchiglie, coralli e alghe in mari caldi e poco profondi. Con il tempo, questi sedimenti sono diventati roccia, che per effetto dello scontro tra la placca europea e la placca africana ha dato forma a guglie altissime, che spesso superano i 3000 metri di altitudine e che al tramonto si colorano di rosa. 

 

Pedalare nel cuore delle Dolomiti

Belluno, la Valle del Piave e le Dolomiti, che incorniciano la città e seducono tutti, turisti e amanti della bicicletta. Ignorare il loro richiamo è impossibile. Del resto, vuoi mettere l’emozione di poter dire: “Ho fatto il Pordoi?”. Un privilegio che tocca agli atleti della ventesima tappa del Giro d’Italia 2022, da cui questo tracciato prende ispirazione, ma anche ai semplici appassionati. Studiatevi l’itinerario descritto in queste righe e allenate il fisico. Per il cuore non c’è preparazione che tenga: in mezzo a questi scenari batterà all’impazzata

A Belluno, tra i ricordi di Dino Buzzati

giro d italia 20 belluno

Elegante, a misura d’uomo, incastonata in un anfiteatro di montagne. Ma Belluno è prima di tutto la città dello scrittore Dino Buzzati, nato in località San Pellegrino, a 2 chilometri dall’abitato, dove si può (anzi, si deve) visitare la sua casa natia: la cinquecentesca Villa Buzzati, una tipica dimora veneta con la facciata ricoperta di affreschi. Un altro artista ha segnato questo luogo: Andrea Brustolon, il maestro bellunese dell’ebanisteria, tanto da essere definito il “Michelangelo del legno”. Dentro la chiesa di San Pietro sono esposti due dei suoi capolavori: la Morte di San Francesco Saverio e la Crocifissione. Un terzo, forse il più famoso, è l’angelo che svetta a 72 metri di altezza dal campanile della Cattedrale di San Martino. Non è finita. Già che vi trovate in piazza Duomo, allungate lo sguardo sul Palazzo dei Rettori, meraviglioso esempio del Rinascimento veneziano. A questo punto, siete pronti per passare dalle meraviglie artistiche a quelle della natura. È il momento di salire in bicicletta e affrontare la prima parte del tracciato, che scende brevemente nella Valle del Piave per poi risalire in direzione delle montagne. 

In Val di Fassa, sulla scia dei campioni

giro d italia 20 moena

A Cencenighe Agordino, dove la Val del Biois e la Val Cordevole si uniscono, inizia la salita verso il Passo San Pellegrino: 20 chilometri dal sapore agrodolce, tra paesaggi meravigliosi e pendenze che dopo il passaggio da Falcade superano il 15 per cento. Dietro il valico, però, si apre il paradiso: è la Val di Fassa, una distesa verdissima ingioiellata da alcune delle cime più spettacolari delle Dolomiti, come il Sass Pordoi, le Torri del Sella, il Catinaccio e la Marmolada. Difficile scegliere un luogo dove suggerirvi un pit stop, ma ci proviamo. Moena, avvolta da boschi di pini, larici e abeti. Vigo di Fassa, dove la frazione San Giovanni ospita il Museo Ladin de Fascia, dedicato alla cultura ladina. Oppure Canazei, crocevia di rotte verso i passi più famosi, che collegano la Val di Fassa alle altre valli ladine. È il momento di sferrare l’attacco al mito: il Passo Pordoi (2239 metri di quota), scenario di alcune delle più belle pagine del nostro ciclismo. Una su tutte? Al Giro d’Italia del 1940, su questi tornanti il campione Gino Bartali sprona l’esordiente Fausto Coppi, che anche grazie al suo aiuto conquista la vetta e mette un’ipoteca sul suo primo trionfo al Giro. Ma se Coppi è andato in crisi, non è detto che debba succedere anche a voi: è una salita di 11,8 chilometri al 6,8 per cento di pendenza media. Ce la potete fare!

Sulla Marmolada, nel ricordo della Grande Guerra

giro d italia 20 lago fedaia

La discesa nella Valle di Fodom, con la sua perla Arabba, potrebbe spingervi a fermarvi. Perché lasciare un luogo come questo? Ma un’altra impresa (se lo volete) vi aspetta: la conquista della Marmolada. Nella salita s’incontra l’incantevole borgo di Sottoguda, trapuntato da antichi fienili (i cosiddetti tabièi) e case in pietra decorate con amore dagli abitanti locali. Da Malga Ciapela inizia la parte finale della scalata al Passo Fedaia, al confine tra Veneto e Trentino-Alto Adige (2057 metri di quota): a partire da questo punto le pendenze non scendono ma sotto il 10 per cento, con frequenti fiammate al 18. Arrivati al valico, siete ai piedi della montagna. L’ultima cosa che vi passerà per la mente è lasciare questo luogo senza averlo esplorato. Se avete ancora forza nelle gambe, potete camminare lungo le sponde dal Lago Fedaia. Oppure, prendere la funivia che sale a Punta rocca (dove c’è una bellissima terrazza panoramica) e scendere alla stazione di Serauta, dove si trova il Marmolada Grande Guerra: è il museo più alto in Europa (a 3000 metri) e racconta le battaglie avvenute tra queste cime durante la Prima Guerra Mondiale. Mai prima di allora si era combattuto a quote così alte. Emozioni a non finire.

A cura della redazione di RCS Sport