Salta il menu

Museo Civico - MuCiRaMa

Panoramica

Il complesso conventuale domenicano, sede del Museo Civico "Raffaele Marrocco", fu costruito nell’ultima parte del XIV secolo ai piedi del borgo di San Giovanni. La struttura fu inserita nel tessuto urbano in conformità alle intenzioni dell’Ordine domenicano di partecipare alla vita cittadina: due bolle papali di Bonifacio IX, databili dal 1389 al 1404, documentano la volontà di portare l’Ordine nel territorio pedemontano. Tra il 1394 e il 1414 su iniziativa di Sveva Sanseverino, moglie di Giacomo II Caetani dell’Aquila e signora di Piedimonte, pronipote di san Tommaso d’Aquino furono edificati il convento e la chiesa, dedicati al Santo. Nel 1414 il convento e la chiesa furono concessi ai domenicani, i quali rimasero nel luogo fino al 1809, anno in cui il monastero fu soppresso. Successivamente il convento fu destinato a sottintendenza borbonica, per poi essere adibito a sottoprefettura del Regno d’Italia. Nel 1905 fu trasformato in edificio scolastico, ampliato una ventina di anni dopo. Dai primi anni del Novecento, una porzione del complesso conventuale è stata destinata al Museo Alifano, rinominato Museo Civico "Raffaele Marrocco" in onore del suo creatore. Marrocco, nella prima metà del Novecento, fu una figura di primo piano nella vita culturale della sua città. In qualità di dipendente comunale, giornalista e storico locale, dedicò la sua passione e la sua cultura classica all’archeologia per quasi quarant’anni. Nel 1912 venne nominato regio ispettore onorario dei monumenti e scavi di Piedimonte e nel 1913 fu designato a direttore del civico museo campano-sannita, che assunse il nome di Museo Alifano solo nel 1926. Grazie a donazioni e acquisti, Marrocco incrementò notevolmente la collezione archeologica del museo che fu trasferito dall’originaria sede in via Ercole d’Agnese nell’ex convento del Santissimo Salvatore per poi traslocare definitivamente nella sede attuale nel 1927. Nel 1953 il museo fu arricchito da una sala lapidaria e dalla Bibliotheca Scriptorum loci in cui vennero raccolti i libri scritti dagli autori locali. Per alcuni decenni, tuttavia, il museo è rimasto chiuso e inaccessibile alla popolazione; inoltre i reperti ivi conservati sono stati spostati nel Museo Archeologico di Napoli. Solo il 16 giugno 2013 il museo fu nuovamente inaugurato e, nel 2014, è stato la sede della mostra archeologica sui sanniti, intitolata Gens fortissima Italiae, e dell’antica esposizione al primo piano, relativa al periodo che va dal Risorgimento alla seconda guerra mondiale, voluta dal suo fondatore, Raffaele Marrocco.

Museo Civico - MuCiRaMa
81016, Piedimonte Matese CE, Italia
Chiama +390823912320

Ti potrebbe interessare

Spiritualità
Campania, una via Francigena ricca di storia

Campania, una via Francigena ricca di storia

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

UNESCO
La Reggia di Caserta, sontuoso trionfo del barocco italiano

La Reggia di Caserta, sontuoso trionfo del barocco italiano

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Città d'arte
Procida, la cultura non isola

Procida, la cultura non isola

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

UNESCO
Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

UNESCO
614626686

Costiera Amalfitana, un ipnotico affaccio sul mare blu cobalto

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Enogastronomia
storia del pomodoro san marzano campania

La regione Campania attraverso la pizza di Gino Sorbillo

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Siti storici
Bagni della Regina Giovanna

Ai Bagni della regina Giovanna per un tuffo in un angolo di paradiso

Enogastronomia
napoli-pizza-una-lunga-storia-d-amore

Napoli e la pizza, una lunga storia d’amore

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Isole
I sentieri di Ischia

I sentieri di Ischia

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.