Salta il menu

Parco archeologico dell'antica Abellinum

Panoramica

I resti dell’antica colonia romana di Abellinum, fondata alla fine del II secolo a.C. su un precedente insediamento sannitico risalente al IV-III secolo a.C., chiamato Oppidum Abellinatium, occupano l’attuale pianoro della Civita, a nord-ovest dell’odierna Atripalda, sulla riva sinistra del fiume Sabato, da sempre un importante collegamento tra le terre di Benevento e quelle di Salerno.
All’ingresso della Civita, a Nord, è visibile un tratto del circuito murario di età romana, realizzato in opus reticulatum, con tufelli piramidali. Lungo il fossato che circonda l’intera cinta muraria, sono stati rinvenuti tre filari della fortificazione sannitica di III secolo a.C., in opus quadratum, con blocchi di tufo giallo.
All’interno della cinta muraria, sulla facciata orientale, è stata individuata l’area pubblica, con le terme e il foro, da cui proviene un’ara circolare di marmo esposta al Museo Irpino di Avellino. Nella zona nord-orientale è stato rinvenuto un edificio di tipo ellenistico-pompeiano, appartenuto forse a un certo Marcus Vipsanius Primigenius, liberto di Vipsanio Agrippa, genero di Augusto.
Questo complesso monumentale presenta tutti i caratteri di una ricca dimora patrizia: non solo l’estensione di circa 2500 mq, ma anche la particolare ricercatezza delle decorazioni degli ambienti e delle suppellettili emerse rimandano a questa ipotesi. Dopo il terremoto avvenuto nel 346 d.C. le condizioni di vita della colonia diventano difficili e, a partire dalla guerra greco-gotica (535-555 d.C.), si assiste ad un graduale abbandono della zona fino alla conquista longobarda della fine del VI secolo.
Nell’area di Abellinum sono note alcune zone delle necropoli situate lungo le strade esterne: in particolare, nella località Capo la Torre, si trovano sepolture dall’età romana imperiale al periodo tardo-antico. Anche presso i muri perimetrali della cripta della Collegiata di S. Ippolisto sono state individuate altre sepolture che secondo la tradizione corrispondono allo Specus Martyrum delle prime comunità cristiane, in cui si custodivano le reliquie dei santi. In questo luogo sono tutt’oggi conservati i sepolcri di Romolo, il levita, e di Sabino, vescovo del VI secolo d.C..

Orari

Lunedì - Sabato
09:30 am-03:00 pm
Domenica
Chiuso
Parco archeologico dell'antica Abellinum
Via Manfredi, 94, 83042 Atripalda AV, Italia
Chiama +390825626917

Ti potrebbe interessare

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

UNESCO
Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Ospitalità
agriturismi green in campania

7 agriturismi in Campania per il perfetto connubio di ecosostenibilità e gusto

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

Spiritualità
Campania, una via Francigena ricca di storia

Campania, una via Francigena ricca di storia

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

UNESCO
614626686

Costiera Amalfitana, un ipnotico affaccio sul mare blu cobalto

UNESCO
La Reggia di Caserta, sontuoso trionfo del barocco italiano

La Reggia di Caserta, sontuoso trionfo del barocco italiano

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

Città d'arte
Procida, la cultura non isola

Procida, la cultura non isola

Enogastronomia
storia del pomodoro san marzano campania

La regione Campania attraverso la pizza di Gino Sorbillo

Siti storici
Bagni della Regina Giovanna

Ai Bagni della regina Giovanna per un tuffo in un angolo di paradiso

Enogastronomia
napoli-pizza-una-lunga-storia-d-amore

Napoli e la pizza, una lunga storia d’amore

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.