Salta il menu

Antiquarium di Eraclea Minoa

Panoramica

Eraclea Minoa sorge sul bianco promontorio che si protende su uno splendido paesaggio marino, con alte pareti verticali a sinistra del fiume Platani. Le indagini archeologiche ebbero inizio nel 1950, quando Ernesto De Miro scoprì il teatro, al quale sono seguite scavi regolari fino al 1964. Il teatro è parte integrante della città, che si sviluppa verso Sud-Ovest. La città era difesa da un’impressionante cinta muraria, lunga circa sei chilometri, che circoscriveva l’altopiano e arrivava fino al fiume Platani. Sono state scoperte grandi porzioni dell’abitato, specialmente nella pianura a Sud del teatro. Inoltre, sono stati registrati due livelli abitativi, risalenti rispettivamente al periodo ellenistico e al periodo romano repubblicano. Di questo secondo strato, periodo coevo al teatro (IV-III secolo a.C.), sono state rinvenute due abitazioni organizzate su strade parallele e perpendicolari. Le due case presentano una pianta semplice, con una struttura quadrata, chiusa intorno a un piccolo atrio con cortile centrale. La casa A aveva un solo piano e un cortile con una grande cisterna che raccoglieva le acque piovane scese dal tetto. Nel cortile si trovava un sacello domestico (lararium), di cui oggi rimangono l’altare quadrangolare situato nell’angolo nord-ovest e l’edicoletta per i lares nella parete est. Il pavimento del vano era decorato con tesserine bianche, mentre le pareti conservano avanzi della decorazione a stucco (stile a incrostazione o stile pompeiano). La casa B aveva un piano superiore con stanze destinate all’abitazione. Dopo il crollo, le macerie (mattoni crudi delle pareti, lastroni di soglia, stucchi, intonaci, pavimento in cocciopesto decorato e mosaico) hanno riempito i vani del piano terra. La straordinaria conservazione dei muri, sia in pietra che in mattoni crudi, è unica. Le pareti erano rivestite con intonaco dipinto di cui oggi si vede ancora il fondo. Il primo strato, risalente al II-I secolo a.C., si sovrappone a quello precedente (IV-III secolo a.C.) e può essere identificato con la colonia di ripopolamento della quale parla Rupilio (Cic., Verr., II, 125) alla fine della prima guerra servile (132 a.C.). Questo abitato era caratterizzato da case con due o più vani, un cortile con focolare e muri costruiti con blocchetti di pietra gessosa e mattoni crudi. L’organizzazione in isolati, delimitati da strade nord-sud e strade est-ovest, ricalca lo schema della fase precedente. In seguito, alla fine del I secolo a.C., la città fu abbandonata. Nel periodo paleocristiano ed bizantino (III-VII secolo d.C.), l’area extra-urbana fu nuovamente occupata, con la costruzione di una basilica e un connesso cimitero. L’intera area archeologica è visitabile, con un piccolo antiquarium che espone materiali provenienti dagli scavi del sito e del territorio circostante.

Antiquarium di Eraclea Minoa
Via Esculapio, 92011 Eraclea Minoa AG, Italia
Chiama +390922846005

Ti potrebbe interessare

Arte e cultura
Isola Bella, Taormina - Messina, Sicilia

Sicilia, isola dall'estate eterna, della cultura e dell'archeologia

Borghi
Castelmola

Castelmola, una finestra sul mare a due passi da Taormina

Arte e cultura
Una giornata a Caltagirone

Una giornata a Caltagirone, tra le città UNESCO del Val di Noto, per imparare a fare una testa di moro

Siti storici
Le città barocche del Val di Noto: quando l’arte sposa la bellezza

Le città barocche del Val di Noto: quando l’arte sposa la bellezza

Cicloturismo
1125981609

Da Milazzo a Bagheria: in bici lungo la costa settentrionale della Sicilia

Arte e cultura
A Messina, in Piazza Duomo,  c'è il più grande e complesso orologio astronomico del mondo

A Messina, in Piazza Duomo, c'è il più grande e complesso orologio astronomico del mondo

UNESCO
Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale

Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale

UNESCO
Val di Noto, il Barocco

Val di Noto, il Barocco

UNESCO
La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina

La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina

UNESCO
Necropolis of Pantalica

Siracusa, la Necropoli di Pantalica Patrimonio dell'Umanità

Enogastronomia
A Palermo, sua maestà il pane con la milza

A Palermo, sua maestà il pane con la milza

Enogastronomia
Pistacchio di Bronte

Il pistacchio di Bronte

UNESCO
894433170

Monte Etna

UNESCO
La Valle dei Templi di Agrigento, meraviglia archeologica in un contesto da sogno

La Valle dei Templi di Agrigento, meraviglia archeologica in un contesto da sogno

Città d'arte
467663396

Catania, città del barocco dall’energia grintosa

Natura
Arance rosse di sicilia frutto

Arance rosse di Sicilia, più che un frutto una delizia

Tour e esperienze
giro dell etna

Sul vulcano con il treno, ecco il giro dell'Etna in Ferrovia Circumetnea

Enogastronomia
Cucina siciliana: l'estratto di pomodoro u strattu

Cucina siciliana: l'estratto di pomodoro u strattu

Natura
Il tramonto è il miglior momento per visitare il parco dell'Etna e sentire il cuore del vulcano

Il tramonto è il miglior momento per visitare il parco dell'Etna e sentire il cuore del vulcano

Divertimento
Giardini Naxos, Taormina - Messina, Sicilia

Sicilia, e la meraviglia di Giardini Naxos e Taormina

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.