Salta il menu

Anfiteatro romano

Panoramica

Risalente alla metà del I secolo d.C., l’Anfiteatro d’Ivrea si trova al di fuori delle mura della città, sulla via che conduce a Vercelli. Si ritiene che la sua capienza variasse da 10.000 a 15.000 persone.
Esteso per 65 metri, dell’Anfiteatro restano le fondazioni dei muri, in particolare quello perimetrale ellittico esterno e ulteriori mura laterali di sostituzione, ovvero strutture in tutto o in parte sotterranee per sostenere un edificio sovrastante.
Durante i lavori di scavo, avvenuti all’inizio del 1955, sono state individuate le fondazioni dei muri, in particolare del muro esterno ellittico, nonché dei muri di sostituzione. Inoltre, sono stati scoperti alcuni cunicoli sotterranei, nei quali venivano custoditi gli animali da combattimento. Tale anfiteatro eporediese presenta, come rinvenuto dagli scavi del ’55, diversi frammenti di affreschi ed un lungo tratto di rivestimento in bronzo per le spalliere di sedili del podio. Nei pressi dell’anfiteatro, i Romani fecero abbattere una villa preesistente, di cui sono state ritrovate monete, anfore, frammenti di statue e resti di intonaco dipinto.

La via delle Gallie, che univa Roma ai territori al di là delle Alpi, portava anche all’antica Eporedia. Quest’ultima, divenendo un importante nodo commerciale e tappa d’obbligo, si sviluppò notevolmente, soprattutto durante l’età imperiale. Estendendosi oltre le mura, soprattutto nella parte orientale, sorsero dei nuovi quartieri, come è testimoniato da fonti medievali e da scavi archeologici. Un’area ad uso prevalentemente commerciale è stata identificata anche a nord della Porta Praetoria.

Anfiteatro romano
Corso Vercelli, 60/1, 10015 Ivrea TO, Italia
Sito Web

Ti potrebbe interessare

Divertimento
A Zoom, l’Africa e l’Asia dietro un vetro

A Zoom, l’Africa e l’Asia dietro un vetro

Cicloturismo
Val di Susa - Piemonte

Piemonte su due ruote: il Bike Park di Sauze d’Oulx

Montagna
Montagne innevate vicino Torino

In montagna vicino a Torino: ecco dove andare

Natura
Inverno detox: mille modi per vivere la montagna in Piemonte

Inverno detox: mille modi per vivere la montagna in Piemonte

Cammini
Outdoor e natura 4 stagioni: il Piemonte è l’esperienza che non ti aspetti

Outdoor e natura 4 stagioni: il Piemonte è l’esperienza che non ti aspetti

Cicloturismo
Pedalare nel cuore antico del Piemonte

Pedalare nel cuore antico del Piemonte

Tour e esperienze
671925914

Piemonte, in cammino tra sacralità e natura

Montagna
La Val di Susa e i suoi paesi

La Val di Susa e i suoi paesi

Arte e cultura
Mole Antonelliana - Torino, Piemonte

Piemonte, la regione che non annoia mai tra natura e storia

Montagna
Sulle Alpi Torinesi: Vialattea e Bardonecchia

Sulle Alpi Torinesi: Vialattea e Bardonecchia

Cicloturismo
Torino a pedali, alla lenta scoperta di una città di charme

Torino a pedali, alla lenta scoperta di una città di charme

UNESCO
Torino e le sontuose residenze dei Savoia

Torino e le sontuose residenze dei Savoia

Arte e cultura
torino sostenibilita

Torino trasforma la sostenibilità in arte

Enogastronomia
Cioccolato

Torino e la tradizione del cioccolato

Teatro
Teatro Regio - Torino, Piemonte

Il Teatro Regio di Torino: tesoro sabaudo dal design d’avanguardia

Cammini
Sentiero CAI Piemonte: Settimo Vittone – Montalto Dora

Sentiero CAI Piemonte: Settimo Vittone – Montalto Dora

Enogastronomia
Piemonte, straordinario laboratorio di prodotti, tutti da gustare... e da bere.

Piemonte, straordinario laboratorio di prodotti, tutti da gustare... e da bere.

Natura
I vigneti terrazzati di Carema: paesaggio unico e un vino imperdibile

I vigneti terrazzati di Carema: paesaggio unico e un vino imperdibile

Arte e cultura
Arte e natura nel giardino sabaudo: la Venaria Reale

Arte e natura nel giardino sabaudo: la Venaria Reale

Enogastronomia
storia delle nocciole

Le nocciole piemontesi

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.