Salta il menu

Museo dell'Arte e della Civiltà Contadina di Andreis

Panoramica

Nel 1981, l’Amministrazione Comunale ed i cittadini di Andreis hanno dato vita al Museo, donando materiale di epoche comprese tra la metà del XIX e la metà del XX secolo. Fuori dal Museo, spicca una pregevole opera artigianale: un orologio da torre del XVIII secolo, una struttura a gabbia d’uccello in ferro battuto lavorato a mano, che un tempo era collocato sulla torre campanaria della chiesa parrocchiale. Al primo piano dell’edificio, nel corridoio, si può ammirare un corredino per neonato, con abiti bianchi, cuffiette, scarpine, bavaglini, asciugamani, e abiti femminili in nero, come era in uso al tempo: dopo la Prima Guerra Mondiale il nero ha caratterizzato l’abbigliamento femminile, per manifestare il dolore per i lutti subiti, ma nel corso del tempo si è trasformata in una scelta libera che prescindeva dal motivo originario.

Nella stanza a seguire, vicino al corridoio, c’è una cucina antica con focolare, paiolo, piatti, posate, e un primo antenato del girello per bambini, oltre a un filatoio. Nella medesima stanza, è conservata una fretola, una cassettiera portatile di legno, utilizzata nel passato dai venditori ambulanti, chiamati "cremars". Tale contenitore racchiudeva molti oggetti di uso quotidiano, come colori per stoffe, fili, aghi, pettini e tanto altro che i cremars vendevano a domicilio, a volte andando anche fuori dai confini della città. Andreis era nota anche per la lavorazione dell’osso, ricavato dalle corna di toro adulto. Questa, è una forma di artigianato molto antica già nella metà degli anni ’50 era andata persa. Con l’osso si realizzavano pettini e tabacchiere, venduti anche a largo raggio. Si dice, infatti, che qualche venditore sia arrivato perfino a Istanbul. Una tradizione singolare di Andreis di cui il Museo ci offre testimonianza sono le raganelle pasquali, dette anche craceles. La raganella è uno strumento formato da una ruota montata su un perno, attorno alla quale viene fissato un telaio con una lamina. Strisciando contro i denti della ruota produce un suono stridente. Il Giovedì Santo, dopo il Gloria e fino alla domenica di Pasqua, le campane vengono legate e la popolazione viene richiamata alle funzioni non con il loro suono ma con quello dalle raganelle. Un’altra particolarità sono le maschere lignee che venivano indossate a Carnevale, tradizione diffusa anche in Carnia e in Carinzia.

Nel Museo troviamo gli unici esemplari rimasti di queste maschere, di cui non si conoscono ancora le origini o il reale significato, infatti non rappresentano nessuno dei personaggi della Commedia dell’Arte, ma sono volti accigliati e grotteschi, che forse vogliono sottolineare gli stati d’animo umani dove si nasconde drammaticità e comicità. Infine, ricordiamo la bottega del fabbro Barba Anzal (zio Angelo), il cui edificio è stato ristruttrato da poco. Gli attrezzi del mestiere sono stati messi come Anzal li aveva lasciati prima della scomparsa. Si può vedere la fucina, il mantice, l’incudine, il martello, le tenaglie e molti altri attrezzi legati al vecchio mondo contadino. Egli era un fabbro molto versatile perchè forgiava sia oggetti di uso quotidiano che manufatti singolari come le fedi nuziali.

Museo dell'Arte e della Civiltà Contadina di Andreis
Via Centrale, 33080 Andreis PN, Italia
Chiama +39042776007 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Musei e monumenti
Cividale del Friuli: viaggio alla scoperta delle Valli del Natisone

Cividale del Friuli: viaggio alla scoperta delle Valli del Natisone

Sport
Skiarea di Piancavallo: sport sulla neve con vista mare

Skiarea di Piancavallo: sport sulla neve con vista mare

Arte e cultura
Valbruna, Friuli Venezia Giulia

Friuli Venezia Giulia, regione di confine incastonata tra mare e monti

Spiritualità
Il Santuario del Monte Grisa a Trieste, simbolo di pace e amicizia fra Occidente e Oriente

Il Santuario del Monte Grisa a Trieste, simbolo di pace e amicizia fra Occidente e Oriente

Arte e cultura
trieste street art

Trieste come non l’avete mai vista: un itinerario alla scoperta della street art

Business
friuli venezia giulia nomadi digitali

Il Friuli Venezia Giulia è tra i luoghi più attrattivi al mondo per i nomadi digitali

Musei e monumenti
Ai Giardini Pubblici di Gorizia, sulle tracce degli eroi della Grande Guerra

Ai Giardini Pubblici di Gorizia, sulle tracce degli eroi della Grande Guerra

UNESCO
534209328

Aquileia tra i fasti romani e i segni del Cristianesimo

Mare
Lignano sabbiadoro

Lignano Sabbiadoro

Sport
Canyoning-Friuli Venezia Giulia

In Friuli Venezia Giulia, canyoning tra i solchi della storia

Sport
In Friuli Venezia Giulia sugli sci

In Friuli Venezia Giulia sugli sci

Divertimento
Trieste Adventure Park- Friuli Venezia Giulia

Friuli Venezia Giulia: al Trieste adventure park la vacanza è in quota (su un albero)

Città d'arte
1289673345

Alla scoperta di Trieste, città di frontiera dall’anima internazionale

Mare
Guida alle spiagge accessibili del Friuli Venezia Giulia

Guida alle spiagge accessibili del Friuli Venezia Giulia

Mare
Spiaggia di Grado

La spiaggia di Grado: mare, sole e un clima imperiale

Enogastronomia
storia del figo moro friuli venezia giulia

La regione Friuli Venezia Giulia attraverso la pizza di Renato Bosco

Sport
sportland in friuli venezia giulia

Andare a Sportland e scoprire il cuore verde del Friuli Venezia Giulia

Tour e esperienze
Friuli Venezia Giulia da vedere e da vivere

Friuli Venezia Giulia da vedere e da vivere

Sport
Ski area di Tarvisio, un eden per gli sport alpini al confine con Austria e Slovenia

Ski area di Tarvisio, un eden per gli sport alpini al confine con Austria e Slovenia

Bambini
vivere la barcolana a trieste con i bambini

Vivere la Barcolana a Trieste con i bambini: tutte le esperienze fuori dal comune

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.