Salta il menu

Contursi Terme

Panoramica

Contursi Terme e la foce del Tanagro

Tra Tanagro e Sele, una foce meravigliosa

Contursi Terme sorge sulla cima di una collina con una bellissima vista sulla valle del Sele. I suoi vicoli, le strade e le piazze ripropongono le case colorate dai tradizionali portali in pietra, tratto distintivo dei borghi della zona. Non mancano i palazzi eleganti delle famiglie più influenti nella storia di Contursi Terme, così come diversi edifici religiosi, a testimonianza della spiritualità del borgo. Tra questi spicca la chiesa del Santissimo Bambino Gesù, che custodisce una statua lignea quattrocentesca del Bambinello legata a molti fatti miracolosi e venerata come protettrice del borgo.

 

Perché è speciale

A Contursi Terme, però, l’architettura e la spiritualità non sono gli unici elementi di spicco. Come suggerisce il suo nome, infatti, la natura, e in particolare l’acqua, hanno una fortissima rilevanza nella vita del borgo. Le molte sorgenti che si concentrano in questa zona, infatti, sono rinomate fin dalla notte dei tempi come tra le più prodigiose e hanno dato vita a complessi termali contemporanei dove potersi concedere un po' di relax o semplicemente una bella vacanza. Ma quando si guarda il borgo da lontano, sono ben altre le acque che catturano lo sguardo del viandante: sono i due fiumi di Contursi Terme.

 

Da non perdere

Contursi Terme è bagnata da ben due fiumi, il Tanagro e il Sele. La visuale più bella la si ha dall’alto, quando si vede il Tanagro che, dopo aver percorso la sua valle e il Vallo di Diano, e dopo aver accolto le acque di moltissimi torrenti lungo il suo cammino, si immette nel Sele, lasciandosi trasportare fino al mare. Per chi vuole vivere un po’ più da vicino il fiume, c’è una passeggiata che dal borgo porta alla riva del Sele, immersa in una vegetazione lussureggiante, nel tratto in cui sgorgano quindici sorgenti termali dalle note proprietà curative, tra cui quelle sulfuree, salsobromoiodiche e bicarbonato-alcaline.

 

Un po' di storia

L'area di Contursi è stata abitata fin dalla notte dei tempi, ma solo alla caduta dell'Impero Romano è sorto un vero e proprio centro urbano. La storia rivela infatti che le popolazioni che vivevano sulla collina dove un tempo sorgeva Saginara si rifugiarono nell'entroterra dove eressero la loro città fortificata e persino un castello per evitare i frequenti attacchi e le distruzioni da parte di barbari e saraceni. Dal XIV secolo il borgo venne distrutto e ricostruito molte volte da diversi conquistatori che volevano avere il controllo di questo punto strategico affacciato su due fiumi.

 

Curiosità

Il Sele è l'habitat naturale di una grande varietà di animali acquatici e terrestri, grazie alle condizioni uniche di salute e pulizia delle sue acque. La trota fario del ceppo mediterraneo è uno degli attuali indicatori ambientali di salubrità; inoltre, i censimenti ittiologici hanno tracciato la persistenza di una popolazione residua di trote mediterranee autoctone, che in passato si pensava fosse scomparsa. Per garantire la sopravvivenza e il rinfoltimento di quest'ultima con la riproduzione artificiale, è stato creato «Selattivo», un incubatoio ittico che è possibile visitare.

Credit to: Gianfranco Vitolo

Contursi Terme

84024 Contursi Terme SA, Italia

Ti potrebbe interessare

Relax e benessere
Terme Ischia

Ischia: i parchi termali

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Spiritualità
san-cono-piazza-destination

Festa di San Cono

Divertimento
Campania, Cilento in volo: tra cielo, terra e mare

Campania, Cilento in volo: tra cielo, terra e mare

Mare
4 motivi per scegliere la costiera amalfitana d inverno

La Costiera Amalfitana d’inverno: 4 eccellenti motivi per sceglierla

UNESCO
614626686

Costiera Amalfitana, un ipnotico affaccio sul mare blu cobalto

Mare
A Punta Campanella ammaliati dalle sirene di Ulisse

A Punta Campanella ammaliati dalle sirene di Ulisse

Ospitalità
agriturismi green in campania

7 agriturismi green in Campania per il perfetto connubio di ecosostenibilità e gusto

UNESCO
Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Il Cilento, tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e borghi accoglienti

Spiritualità
auletta-ruderi-tanagro-destination

Festa di San Donato di Auletta

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Enogastronomia
storia del pomodoro san marzano campania

La regione Campania attraverso la pizza di Gino Sorbillo

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Montagna
Vista di Napoli e del Vesuvio dall'alto

In montagna partendo da Napoli: ecco dove andare

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Siti storici
Bagni della Regina Giovanna

Ai Bagni della regina Giovanna per un tuffo in un angolo di paradiso

Città d'arte
Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.