Salta il menu

Punta Aderci

Panoramica

Punta Aderci, nel cuore di una riserva naturale

Spiagge lambite da un mare terso in un contesto naturalistico di grande bellezza: siamo in uno dei tratti di costa più sorprendenti del Mar Adriatico, in Abruzzo, nell’area protetta di Punta Aderci. Qui la vacanza è completa, in un interessante connubio di relax marinaro ed esplorazione degli splendidi scenari. Un litorale variegato, tra sabbia, ciottoli e promontori.

 

La tutela dell’ambiente è un punto di forza

L’area protetta di Punta Aderci, la prima istituita lungo le coste dell’Abruzzo, si estende per 285 ettari dal Porto di Vasto fino alla foce del fiume Sinello. Includendo tutta l’area esterna, sono in totale 400 ettari di natura selvaggia e incontaminata. L’ambiente è tutelato in ogni suo aspetto. I visitatori sono dunque invitati a rispettare la flora e ogni singolo angolo di questo luogo magnifico.

 

Un anfiteatro sul mare

Una delle gemme della riserva è la Spiaggia di Punta Penna. Si raggiunge attraverso un percorso a gradini ed è una lunga lingua di sabbia a forma di anfiteatro, delimitata alle spalle da affascinanti dune. La spiaggia è libera e gratuita, per la sua conformazione adatta a tutti, anche alle famiglie con bambini. L’Adriatico, qui, è di perfetta limpidezza e fondale sabbioso e digradante, ideale per una balneazione piacevole e sicura.

Con un colpo di fortuna, potreste provare l’emozione di ritrovarvi a nuotare accanto alle tartarughe marine o di vedere in lontananza un delfino in uno dei suoi spettacolari salti. Dopo un bagno di sole è interessante visitare il Faro. Con i suoi 70 metri, è il secondo più alto d’Italia, dopo la Lanterna di Genova. Armatevi di pazienza e salite i 307 scalini che conducono alla sommità. Lo sforzo vale la pena: da lassù lo sguardo spazia su chilometri di costa e se la giornata è limpida ammirerete un panorama immenso, da Ortona al Gargano.

 

Di spiaggia in spiaggia

Camminando lungo la spiaggia di Punta Penna, una piacevole passeggiata porta a un altro lido incantato: la spiaggia dei Libertini. La sabbia fine lascia il posto ai ciottoli, ma il fondale resta sabbioso, basso, punteggiato di piccoli scogli.

La leggenda vuole che il nome derivi da vicende risalenti a un secolo fa. Sembra che le suore del vicino convento venissero proprio qui a godersi un momento di sole e aria aperta, scoprendo leggermente gambe e braccia. Un comportamento proprio libertino!

Da qui, risalendo la gradinata, si arriva in cima alla spettacolare falesia che protegge la spiaggia e quindi al promontorio di Punta Aderci, a 26 metri sul livello del mare. Sull’altro lato del promontorio si apre un’altra incantevole spiaggetta. Fate un tuffo e proseguite verso quella di Mottagrossa: qui regnano una pace perfetta e un grande silenzio.

 

Lungo i sentieri

Dalla spiaggia di ciottoli di Mottagrossa fino alla foce del fiume Sinello, confine della riserva, inizia una zona selvaggia, 3 chilometri di percorso panoramico. Ci si può muovere a piedi o in mountain bike, attraverso fresche pinete, valloni verdeggianti e ampi tratti di macchia mediterranea. Meglio procurarsi una mappa dei sentieri, fornita dall’amministrazione della riserva. Verso la foce del fiume Sinello si incontrano le arcate in mattoni che un tempo delimitavano il tracciato della ferrovia, quindi inizia il sentiero che costeggia il fiume.

 

La ricchezza della fauna e della flora

Gigli di mare, euforbia, papavero delle dune, elicriso, mirto sono le specie che vi faranno compagnia durante le soste sul mare.

Sulle dune, che possono raggiungere i 10 metri di altezza, volano fenicotteri, aironi cenerini, garzette, martin pescatori, falchi e sparvieri. Se siete appassionati di birdwatching munitevi di un binocolo per ammirarne i volteggi. Il fratino è stato scelto come simbolo della riserva, poiché sulla costa vastese nidifica proprio sulle spiagge, deponendo le uova a terra.
Piccolo, grigio e bianco, intorno agli occhi ha una sorta di mascherina nera e la testolina tonda: lo vedrete aggirarsi tra le dune in uno spettacolo che suscita tenerezza ed entusiasmo. Non disturbatelo mentre zampetta becchettando per nutrirsi dei piccoli insetti di cui va ghiotto.

 

I trabocchi

Sono strutture particolarissime, una specie di palafitte per la pesca, tipiche del tratto di litorale del Medio Adriatico compreso tra Ortona e Vasto. Gabriele D’Annunzio, il poeta di origini abruzzesi, li definì “ragni colossali”. Molti sono stati restaurati e punteggiano il mare. Alcuni hanno il ristorante e propongono deliziose cene di pesce sospese sull’acqua.

Punta Aderci

Sentiero d'Accesso Punta Aderci, 66054 Vasto CH, Italia

Ti potrebbe interessare

Arte e cultura
Abruzzo, un tuffo nella natura tra mare e montagna

Abruzzo, un tuffo nella natura tra mare e montagna

Natura
Abruzzo, la regione verde d'Europa

Abruzzo, la regione verde d'Europa

Natura
Photo by: Valentina Razzi

Cascate del Verde, un salto di rara bellezza sull’Appennino

Mare
La Costa Teramana

La Costa Teramana

Natura
Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Mare
Le Terrazze sul mare d'Abruzzo

Le Terrazze sul mare d'Abruzzo

Enogastronomia
Dolce o amaro? Il fine pasto della tradizione abruzzese

Dolce o amaro? Il fine pasto della tradizione abruzzese

Cicloturismo
alla scoperta della ciclovia in abruzzo

Alla scoperta della ciclovia “Bike to Coast” in Abruzzo, la più bella d'Italia

Mare
Pescara - Trabocco

In Abruzzo, lungo la Costa dei Trabocchi

Laghi
Photo by: Regione Abruzzo

La Riserva Naturale Lago di Campotosto, tra trekking e sport acquatici

Spiritualità
Photo by: Diana Melfi

Alla scoperta degli eremi d'Abruzzo: due spettacolari perle della Majella

Arte e cultura
Visita Scanno in automobile

Visita Scanno in automobile

Divertimento
Che avventura i parchi d’Abruzzo

Che avventura i parchi d’Abruzzo

Sport
Gran Sasso, Abruzzo

Gran Sasso, le mille vie dell’arrampicata in Abruzzo

Laghi
Photo by: Cesidio Silla

Lago di Scanno, una perla autentica per amatori e sportivi

Natura
Abruzzo, lasciatevi catturare dalla wilderness di una terra tutta da scoprire

Abruzzo, lasciatevi catturare dalla wilderness di una terra tutta da scoprire

Cammini
Sentiero CAI Abruzzo: Serra Alta

Sentiero CAI Abruzzo: Serra Alta

Sport
Campo Imperatore, non solo sci in Abruzzo

Campo Imperatore, non solo sci in Abruzzo

Arte e cultura
Seconda tappa del Giro d’Italia 2023: da Teramo a San Salvo, passando per Pescara

Seconda tappa del Giro d’Italia 2023: da Teramo a San Salvo, passando per Pescara

Cicloturismo
L’Abruzzo a pedali tra natura e borghi storici

L’Abruzzo a pedali tra natura e borghi storici

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.