Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Natura

Veneto

La spiaggia di Porto Caleri: silenzio, parla la natura

È il lato selvaggio del litorale Veneto, 6 chilometri di dune modellate dal vento che disegnano un litorale dalle forme e dai contorni sempre diversi.

Ecco la spiaggia di Porto Caleri, che si allunga all’interno del Parco del Delta del Po, un’oasi naturalistica protetta ricca di flora e fauna. Cespugli, affascinanti scheletri di alberi e un silenzio assoluto vi terranno compagnia.

 

1. In cerca di pace

La spiaggia di Porto Caleri è uno spaccato inedito del Mar Adriatico e vi sorprenderà. L’infinita striscia di sabbia non è mai affollata, né vi troverete lunghe file di lettini e ombrelloni o stabilimenti balneari. Siete da soli qui, in questo tratto di litorale del Veneto a sud di Rosolino Mare, in provincia di Rovigo. Questo è un posto per chi ama la natura incontaminata, la quiete contemplativa.

Trarrete un enorme beneficio da una corsa o una lunghissima passeggiata in solitaria sulla battigia a sfioro dell’acqua o da una nuotata nel mare pulito. Vi trovate immersi in una dimensione selvaggia e pacifica, ideale per apprezzare il panorama.

La sabbia è fine e chiarissima, le dune modificano di anno in anno il loro profilo, forgiate dal vento. Qua e là arbusti, cespugli, rami secchi trasportati dalle acque dei fiumi, tronchi d’albero che le intemperie hanno trasformato in seducenti sculture.

2. Un ambiente tutelato

Siamo dentro l’oasi protetta del Parco Regionale del Po, dove la tutela dell’ecosistema costituisce la primissima finalità. La natura qui è incontaminata ovunque.

Alla Spiaggia di Porto Caleri si accede solo a piedi, attraverso 3 percorsi pedonali lungo passerelle in legno sospese sull’acqua, perché qui le acque del fiume incontrano il mare.

Siamo infatti tra la foce del fiume Adige e il Po di Levante, che crea una spettacolare zona lagunare, un panorama speciale che potrete ammirare durante la passeggiata sopraelevata di circa un’ora.

3. I diversi ambienti di un ecosistema affascinante

Lungo il percorso che conduce alla spiaggia di Porto Caleri sorge lo splendido Giardino Botanico Litorale, distribuito su 44 ettari. L’entrata prevede un biglietto a pagamento ed è possibile anche effettuare una visita guidata.
Ci si muove su sentierini sterrati e si osservano vari ambienti. A ridosso del mare trovate le dune, quindi i ginepri della macchia mediterranea, i canneti della zona umida di acqua dolce e la bellissima pineta.

Sulle passerelle potrete attraversare isolotti, barene e canali della laguna. In primavera è un tripudio di orchidee spontanee. A mano a mano che passate da un’area all’altra, ne scoprirete la sorprendente diversità. Le aree pic-nic sono a disposizione per gustare un pranzo al sacco immersi in questo particolarissimo scenario. 

4. Gli abitanti del cielo

Oltre ai gabbiani comuni, in questo habitat risiedono anche il gabbiano reale zampegialle e il raro gabbiano rosa, così chiamato per la delicata sfumatura rosea del piumaggio sulla livrea. Con un po’ di fortuna li potrete avvistare, in volo o mentre riposano placidi sulle acque. Anche aironi cenerini, cormorani, fenicotteri e falchi amano questo spicchio di cielo sopra il Delta del Po.

Il simbolo stesso della zona è tuttavia il fratino, un raro e minuto uccello costiero inserito in tutta Europa nel novero delle specie minacciate di estinzione. Una specifica area della Spiaggia di Porto Caleri, adeguatamente segnalata e con divieto di passaggio, è riservata alla sua nidificazione.

In quanto patria del fratino, la zona è presidiata dal WWF e forse vi capiterà di imbattervi nei suoi volontari; vi spiegheranno la delicata dinamica della riproduzione del fratino, che depone le uova in piccoli buchi tra la sabbia e la battigia

5. Il paradiso dei ciclisti

L’intera area del Parco Regionale del Po vanta una fitta rete di percorsi ciclabili. Munitevi di mappa e scegliete questo modo lento ed ecologico per scandagliare a fondo l’affascinante territorio tra lagune, barene e valli. Siamo in pianura, salite e discese sono sconosciute e chiunque potrà pedalare senza fatica, anche noleggiando le bici. Particolarmente pittoreschi sono i tratti lungo gli argini dei rami del Po. Vi trovate in un’immensa pista ciclabile, in cui anelli e sentieri si incrociano di continuo, tra terra, acqua e distese di campagna, piccoli borghi, fiumi e golene.

6. Porto Caleri

Di recente costruzione, vanta una darsena collocata all’interno della laguna che ospita 550 ormeggi. Un punto geografico particolarmente strategico, a sole poche miglia di distanza da Venezia, Trieste, località dell’Adriatico come Rimini e Riccione oltre che della Croazia. Ammirate lo scenario dal belvedere e raggiungete la piazzetta, centro del porto, con lo Yacht Club e i negozi. Porto Caleri offre suite per un soggiorno esclusivo e svariati bar e ristoranti.