Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Castello di Fénis

Panoramica

Il Castello di Fénis, icona del maniero medievale

Talmente perfetto che ancora oggi ci sembra di vedere dame e cavalieri, banchetti e balli. Basta guardarsi intorno e poi chiudere un attimo gli occhi.
Il Castello di Fénis, in piena Valle d’Aosta, è il maniero per eccellenza con le sue numerose torri e la doppia cinta muraria merlata, nonché il castello medievale meglio conservato d’Italia.
Su una collina verdeggiante e circondato da un prato, visitarlo promette un tuffo in una dimensione fiabesca.

 

Nella residenza di un illustre casato

Se approdate a Fénis e lo confrontate con altri castelli della Val d’Aosta, potete subito notare una differenza sostanziale. Gli altri castelli sorgono in posizione difensiva su impervi roccioni e promontori, il Castello di Fénis si erge su una collina bassa, abbracciato da un prato. Questo perché Fénis, più che una fortezza difensiva, fu la sede amministrativa, nonché residenza signorile della famiglia Challant.

Un luogo antichissimo, le cui origini si fanno risalire almeno al 1242, anche se raggiunse l’apice del fulgore a partire dal 1340, quando ne prese possesso il casato Challant, uno dei più illustri d’Europa. Nel 1869 il maniero divenne la residenza di caccia del Re Vittorio Emanuele II.

 

Il potere dell’arte

All’arrivo, resterete incantati dalla vista del Castello di Fénis sulla meravigliosa radura: un pentagono con le torrette circolari ad ogni angolo e una doppia cinta muraria ricamata dai merli, strutture volute da Aimone di Challant verso la metà del secolo XIV e aggiunte al torrione preesistente. Un’architettura che colpisce per la sua armonia, il simbolo stesso del Medioevo valdostano.

Per visitare gli interni passerete da una torre quadrata e vi muoverete dapprima al pianterreno, tra la Sala d’Armi, il Refettorio e le cucine.
Al piano nobile si aprono le camere dei Signori e le sale di rappresentanza, oltre alla cappella finemente decorata da affreschi a tema religioso.

L’emozione sale nell’immenso cortile, il dulcis in fundo del percorso, cuore artistico del maniero. Alzate gli occhi verso le balconate in legno ornate da un affresco che è un lungo racconto: ritratti di saggi e profeti, proverbi e sentenze scritti in francese antico.
Lo scalone è sovrastato dall’affresco raffigurante San Giorgio, mentre sulla parete orientale vedrete l’Annunciazione e San Cristoforo, databili intorno al 1425-1430.
È il trionfo dell’arte, come attestazione di potere unito a uno stile di vita raffinato.

 

Cosa fare dopo la visita al Castello di Fénis? 6 tappe da non perdere

A pochi passi di distanza dal maniero vi aspetta il riposo in un’area verde dal nome di Tzanté de Bouva.
I bambini possono divertirsi nel parco giochi attrezzato, mentre il pic-nic si consuma nell’apposita zona segnalata. Siete all’ombra di un bel bosco di querce, betulle e frassini e potrete trascorrere ore rilassanti.

Da Tzanté de Bouva parte anche una pista ciclabile panoramica, ugualmente accessibile dal parcheggio del cimitero di Fénis. Si tratta di un anello di 5 chilometri su una pista larga e pianeggiante adatta a tutta la famiglia. Sullo stesso circuito potete dedicarvi al jogging o semplicemente passeggiare tra prati e campi coltivati, con la Dora Baltea a tenervi compagnia.

Per chi è già abbastanza allenato, uno splendido trekking è quello nel Vallone di Clavalité fino al Bivacco Borroz. Il paesaggio è di grande bellezza e incontrerete case agricole perse nella natura, oltre alla chiesetta di Notre Dame de la Neige e più in cima piccole baite.

Se invece la vostra vacanza è programmata in inverno, il pianoro di Clavalité è splendido per una ciaspolata. Intorno solo silenzio e la cintura dei monti innevati.

Una gita a cavallo? Recatevi a Saint-Vincent, meno di 15 chilometri da Fénis, dove troverete il centro che organizza escursioni in sella tra la natura, oltre a veri e propri corsi di equitazione.

Fate un giro del borgo di Fénis e soffermatevi in particolare ad ammirare la Chiesa di San Maurizio del XV secolo e le “caseforti”, antiche residenze signorili.

 

Per saperne di più

Il Castello di Fénis è aperto tutto l’anno. Per il prezzo del biglietto di entrata e le modalità di accesso https://www.regione.vda.it/cultura/patrimonio/castelli/castello_fenis/informazioni_i.asp.

Recensioni
Recensioni
()
Castello di Fénis

Località Chez Sapin, 1, 11020 Fenis AO, Italia

Chiama +390165764263 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Esplora i dintorni

Nelle vicinanze