Salta il menu

Castello di Maredolce

Panoramica

Situato in prossimità della cima del Monte Grifone, nella periferia meridionale di Palermo, oggi quasi invisibile a causa delle costruzioni che lo circondano, il Castello di Maredolce, conosciuto anche come la Favara, è stato probabilmente edificato durante il regno dell’emiro Kalbita “Ja’Far II”, tra il 998 ed il 1019, come dimora suburbana. Sotto il sovrano normanno Ruggero II, il castello è stato sottoposto a interventi di ampliamento e trasformazione, diventando uno dei luoghi di delizia dei re normanni. Allo stesso sovrano è stata attribuita la realizzazione della peschiera, denominata con un termine arabo, la “Albehira”, alimentata dalla sorgente della Fawwarah che si trovava ai piedi del Monte. L’edificio originario, che può ancora essere ammirato oggi, era circondato da tre lati dall’acqua di un lago artificiale, detto “Maredolce”, cui erano stati introdotti, provenienti da diverse regioni, pesci di numerose specie, come riportano le fonti coeve. Il lago era usato dal re e dalla sua corte per trascorrere momenti di svago, e inoltre, a causa dell’abbondante offerta ittica, fungeva anche da riserva di pesca. Il palazzo presenta una forma rettangolare con una rientranza nell’angolo orientale, la quale ne spezza la linearità della struttura. Le facciate sono decorate da una serie di archi a “rincasso”, alcuni dei quali sono stati ritrovati durante i lavori di restauro, con finestre aperte, di chiara origine islamica. All’esterno del palazzo, come attestano numerosi storici, sorgeva un complesso termale, a conferma che l’antica Portae Thermarum (Porta Termini) aveva preso quel nome non per la città di Termini, ma per le terme di Maredolce, che si trovavano a qualche miglio di distanza dalla città. La cappella della Favara, forse ubicata nello stesso luogo della moschea privata dell’emiro, adotta temi tradizionali dell’architettura ecclesiale bizantina. Un chiaro esempio di architettura bizantina è infatti la tipologia dell’impianto ad unica navata, nonché la sua disposizione, con l’abside rivolta a oriente secondo la consuetudine della chiesa di Bisanzio.

Orari

Lunedì
08:30 am-01:30 pm
Martedì
08:30 am-01:00 pm
Mercoledì - Venerdì
08:30 am-01:30 pm
Sabato
08:30 am-01:00 pm
Domenica
Chiuso
Castello di Maredolce
Vicolo del Castellaccio, 23/25, 90124 Palermo PA, Italia
Chiama +393400015255 Sito Web

Ti potrebbe interessare

UNESCO
Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale

Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale

Città d'arte
Cosa vedere a Palermo in due giorni

Cosa vedere a Palermo in due giorni

Città d'arte
Palermo, preziosa perla del sud dal ricco patrimonio culturale

Palermo, preziosa perla del sud dal ricco patrimonio culturale

Enogastronomia
In Sicilia alla scoperta dei sigilli della biodiversità contadina

In Sicilia alla scoperta dei sigilli della biodiversità contadina

Cicloturismo
1125981609

Da Milazzo a Bagheria: in bici lungo la costa settentrionale della Sicilia

Enogastronomia
A Palermo, sua maestà il pane con la milza

A Palermo, sua maestà il pane con la milza

Sport
Partecipanti alla maratona a Castelbuono

Giro Podistico di Castelbuono 2023, la maratonina dei 10 giri per la Festa di Sant'Anna, sua patrona

Borghi
castelbuono south working

A Castelbuono per scoprire l'essenza del south working in un borgo siciliano

Arte e cultura
Isola Bella, Taormina - Messina, Sicilia

Sicilia, isola dall'estate eterna, della cultura e dell'archeologia

UNESCO
Val di Noto, il Barocco

Val di Noto, il Barocco

UNESCO
La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina

La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina

Arte e cultura
Una giornata a Caltagirone

Una giornata a Caltagirone, tra le città UNESCO del Val di Noto, per imparare a fare una testa di moro

Arte e cultura
A Messina, in Piazza Duomo,  c'è il più grande e complesso orologio astronomico del mondo

A Messina, in Piazza Duomo, c'è il più grande e complesso orologio astronomico del mondo

Borghi
Castelmola

Castelmola, una finestra sul mare a due passi da Taormina

UNESCO
Necropolis of Pantalica

Siracusa, la Necropoli di Pantalica Patrimonio dell'Umanità

Siti storici
Le città barocche del Val di Noto: quando l’arte sposa la bellezza

Le città barocche del Val di Noto: quando l’arte sposa la bellezza

UNESCO
894433170

Monte Etna

Natura
Isola dei Conigli

Isola dei Conigli, la spiaggia più bella del mondo è a Lampedusa

Sostenibilità
porti turistici in sicilia

I porti turistici green della Sicilia: sostenibilità a marchio Bandiera Blu

Natura
Il tramonto è il miglior momento per visitare il parco dell'Etna e sentire il cuore del vulcano

Il tramonto è il miglior momento per visitare il parco dell'Etna e sentire il cuore del vulcano

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.