Salta il menu

Museo D'Arte Sacra San Leo

Panoramica

Nel 1996, a seguito della volontà della Curia Vescovile di San Marino-Montefeltro e dell’Amministrazione Comunale di San Leo, ha preso vita il museo, che occupa il piano nobile di un antico Palazzo Mediceo risalente al XVI secolo. All’interno del museo sono presenti quattro grandi sale in cui sono esposti manufatti di arte sacra che risalgono a periodi compresi tra l’VIII e il XVIII secolo. La finalità della struttura è quella di riunire, tutelare e preservare opere d’arte locali che altrimenti rischierebbero di andare perdute, a causa dell’incapacità di alcuni edifici religiosi di garantire la loro conservazione.
Il percorso inizia nel Lapidario, ove sono conservati antichi reperti scultorei della città (VIII – XIII secolo). Uno dei pezzi di maggior interesse è costituito da resti di tre arcate in calcare, decorate con ricchezza, che formavano il tabernacolo della cattedrale medievale, nonché quattro frammenti della recinzione presbiteriale della pieve carolingia, esempio di scultura del Nord Italia del IX secolo. La Sala delle tavole dipinte è invece dedicata agli esordi della storia pittorica del Leontino. In essa sono conservati un crocefisso del Trecento, la tavola della Madonna della Mela di Catarino di Marco da Venezia (1375 circa) e quella di Luca Frosino, raffigurante la Madonna con il Bambino (1487-1493). La seconda sala è detta Sala del tabernacolo a causa della grande opera lignea, originaria del convento francescano di Sant’Igne e caratterizzata da pregevoli intagli e dipinti, tipici del Rinascimento del Montefeltro. La terza sala è invece interamente dedicata al Seicento e comprende numerose opere pittoriche, in gran parte conformi alle direttive del Concilio di Trento, che prevedevano l’ammodernamento degli arredi e delle immagini delle chiese. Tra le opere più rilevanti si possono ricordare la Santa Rita da Cascia di Giovan Francesco Guerrieri (1636) e la Deposizione di Giovan Francesco Barbieri (XVII sec). L’ultimo vano, la Sala dei Paliotti in Scagliola, ospita rivestimenti liturgici per altare, detti paliotti, che un tempo adornavano gli altari delle chiese leonine. Il Deposito, precedentemente usato come magazzino per le macchine di scena del teatro sottostante, accoglie oggi le opere bisognose di restauro o di minor pregio, mentre il suggestivo Corridoio delle finestre è adibito a piccole mostre.

Orari

Lunedì - Domenica
09:00 am-12:30 pm
Recensioni
Recensioni
()
Museo D'Arte Sacra San Leo
Piazza Dante Alighieri, 14, 47865 San Leo RN, Italia
Chiama +390541926967 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Divertimento
motor valley

Adrenalina pura tra storia e passione nella Motor Valley

Arte e cultura
Itinerario ebraico: in Romagna tra ghetti e sinagoghe

Itinerario ebraico: in Romagna tra ghetti e sinagoghe

Spiritualità
Emilia Romagna, la via Francigena si fa cultura

Emilia Romagna, la via Francigena si fa cultura

Città d'arte
Piazza Maggiore e Basilica di San Petronio - Bologna, Emilia-Romagna

Bologna: giovane, colta e generosa

Città d'arte
Ferrara

In viaggio a Ferrara, ore preziose a passeggio nella storia

Città d'arte
Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Arte e cultura
Photo by: Archivio Comune Parma

Emilia Romagna: le statue parlanti di Parma

Arte e cultura
Una sala del Museo Ferrari - Maranello, Emilia Romagna. Photo by: ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo, licenza CC BY-NC-SA <https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/deed.it>

Musei Ferrari: da Modena a Maranello, in viaggio con le “rosse”

Enogastronomia
Parma

Musei del cibo di Parma

Arte e cultura
Con un libro sotto braccio: i romanzi di Giorgio Bassani

Con un libro sotto braccio: i romanzi di Giorgio Bassani

Arte e cultura
Berceto e il Passo della Cisa, ultima tappa emiliana sulla Via Francigena

Berceto e il Passo della Cisa, ultima tappa emiliana sulla Via Francigena

Regione
Presepe della Marineria, Cesenatico - Emilia-Romagna

Emilia-Romagna, dove ospitalità, divertimento e buona cucina vi sedurranno

Arte e cultura
Photo by: wwikiwalter

Castelli del Ducato nel piacentino e parmense

Città
Cosa vedere a Bologna in due giorni

Cosa vedere a Bologna in due giorni

Arte e cultura
Silhouette di spalle di un uomo con delle cuffie che gioca con un videogame davanti a un grande schermo in una stanza scura

Bologna: Videogame Art Museum, un museo per “smanettoni”

Arte e cultura
rocchetta mattei bologna

Rocchetta Mattei a Bologna, un gioiello architettonico tutto da ammirare

Arte e cultura
Photo by: Renzo Favalli

A Ravenna per un giorno, sulle tracce del Dante contemporaneo

UNESCO
I Portici di Bologna, a passeggio nella storia

I Portici di Bologna, a passeggio nella storia

Città d'arte
Parma, città del teatro, della musica e del cibo d’eccellenza

Parma, città del teatro, della musica e del cibo d’eccellenza

Città d'arte
Rimini tra l’antica Roma e lo splendore del Rinascimento

Rimini tra l’antica Roma e lo splendore del Rinascimento

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.